Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

IF2017: LE NO-PROFIT AL TEMPO DI INTERNET

Da quest’evento risulta la necessità dell’adeguamento delle no-profit alla rete, infatti in questo modo c’è possibilità per le no-profit di aprirsi, di comunicare quali sono i propri interessi, di farsi conoscere e, di conseguenza, di farsi trovare.

Presso l’aula Fibonacci della Camera di Commercio nell’ultimo giorno dell’Internet festival si è svolto un evento legato al rapporto tra no-profit ed internet che ha visto come conduttori Lorenzo Paladini, Beatrice Fantozzi e come relatori Nicolò Zanotti, Oriana Perrone, Diana Severati, Francesco Di Candio, Edoardo Santamato e Benedetto Papi. Si è individuata la necessità di come si debba dare un’impronta diversa rispetto al passato, infatti –a detta dei relatori- le no profit devono comunicare quali sono gli obiettivi dell’associazione anche a coloro che sono al di fuori della realtà associativa.

IF2017: LE NO-PROFIT AL TEMPO DI INTERNET

IF2017: LE NO-PROFIT AL TEMPO DI INTERNET

Rispetto al mondo no-profit questa è una novità perché prima si riteneva che la ragion d’essere di queste associazioni, cioè l’assenza di scopo di lucro, fosse sufficiente per spiegare la mission di queste associazioni mentre ora c’è stato un salto concettuale sia normativo sia operativo per cui le organizzazioni del terzo settore sono considerate al pari delle associazioni private. Per crescere è utile capire chi sono i protagonisti di queste associazioni, chi sono gli interlocutori, e sicuramente tra questi troviamo le istituzioni, quindi ci sono degli attori che verranno collocati come strategici.

Rispetto al mondo profit ci sono molte esperienze anche dal punto di vista normativo, si pensi alla legge 254/16 che ha avuto degli input derivati dalla Commissione europea. Anche a livello comunitario internazionale troviamo percorsi importanti in cui sono state coinvolte anche realtà modeste, ecco perché è utile per le no-profit aprirsi e farsi trovare da chi le cerca. Per fortuna ci sono casi di partnerariati tra associazioni che non hanno nulla a che vedere tra di loro ma che comunque possono raggiungere degli obiettivi utili e questo è simbolo di quanto fondamentale sia che ci sia un confronto tra le no-profit stesse. Tuttavia, come fa notare Diana Sceverati, il 40% delle associazioni che hanno risposto ad un sondaggio non ha un sito mobile e questo è un deficit per le associazioni no-profit.

Farouk Perrone per RadioEco

post di questa categoria

50790796_1878774345582404_5703688832189202432_n

Festival, Toscana Prid...

Festival, Toscana Pride: tanti concerti e non solo | ATP #180

arno

Arno vivo, Gioco del P...

Arno vivo, Gioco del Ponte, Ennio Morricone e tanto altro! |atp #179

DSC_0167

Uplay capitolo II Nerd...

Uplay capitolo II NerdEco #68

giugno 6

Giugno, eventi e spett...

Giugno, eventi e spettacoli imperdibili! | atp#177

ultimi post caricati

Spoon

Spoon, Ride, Jenny Hva...

Spoon, Ride, Jenny Hval |Demography #429

alessandro cortini

Alessandro Cortini, Ne...

Alessandro Cortini, New Order, Daymé | Demography #428

Margherita Vicario

Margherita Vicario, Ed...

Margherita Vicario, Ed Sheeran, Blood Orange e molto altro | Demography #427

Andrea Belfi

Andrea Belfi, Cappella...

Andrea Belfi, Cappellato & more | Demography #426

Commenti