Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Raccontare la semplicità: Alba – un fiaba romantica

Nulla è mai semplice. Non si può scappare dai sensi di colpa. Radioeco recensisce ” Alba – una fiaba romantica “

Alba

Alba

Raccontare la semplicità è o degli obiettivi più ambiziosi che un narratore  di storie possa porsi. Questo perché la tentazione dell’artificio è sempre dietro l’angolo, ma una buona storia riesce a fare emozionare senza ricorrere a discorsi complicati o frasi fatte. Luca, protagonista del mediometraggio Alba – una fiaba romantica, di frasi fatte ne fa uso anche troppo spesso, perché è “poetico, tutto qua” e, come ogni poeta  che si rispetti, sente il bisogno di fuggire da una realtà che gli sta stretta, una routine soffocante e frustrante. Ha una meta  in testa e tante domande inespresse, a cui il padre, stroncato da un infarto qualche giorno prima della fatidica partenza, non avrà mai più occasione di rispondere (“Fuggivi da tuo padre?” “Non mi ha lasciato neanche questa soddisfazione”).

Alba è esattamente quello che dichiara di essere: il racconto di tutte le domande che fluttuano nella testa di un aspirante scrittore dall’animo ancora adolescente, una fiaba romantica in cui i pesci rossi trovano degna sepoltura e, per una notte, ci si può abbandonare ai sospiri (di nostalgia, di delusione, d’amore…). L’intero film è carico di una intensità difficile da descrivere a parole: tutto, dai movimenti della macchina da presa alla colonna sonora (le splendide musiche sono state composte e adattate per l’occasione da Rugo) creano attorno alla storia una sorta di aura di sospensione, in cui i personaggi si trovano a danzare come in un limbo senza tempo, in un incrocio di ritorni e partenze, di attese e sguardi che si consumano in una manciata di ore e sfumano, una volta sorto il sole, trasformandosi in concrete decisioni da prendere e responsabilità con cui fare i conti.

Quello che, più di ogni altra cosa, colpisce  lo spettatore è  la capacità di trasmettere l’affetto: quello che i personaggi provano gli uni nei confronti degli altri, ma anche quello che gli attori (tutti giovanissimi, così come il resto del cast) dimostrano verso i propri rispettivi ruoli. Soprattutto, è chiaro che dietro un prodotto del genere c’è tantissima passioneAlba – una fiaba romantica non è, certo, un’opera priva di difetti, ma è assolutamente promettente. L’impegno che The Hat Production ha investito negli ultimi mesi in questo progetto si è concretizzato, meritevolmente, in uno scroscio di applausi alla presentazione ufficiale, avvenuta il 7 dicembre al Lux. Quello che un’allegra banda di studenti appassionati è riuscita a dimostrare con questi risultati è che bisogna sempre credere nelle proprie idee sfruttando ogni strumento a disposizione (nel caso specifico, il crowdfunding), in maniera impetuosa e piena di vita, come i migliori amori giovanili.

Per ulteriori informazioni:
The Hat Production
Rugolaband

Clicca sul link per l’intervista video che Radioeco ha fatto ai ragazzi di The Hat Production

post di questa categoria

Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill - Foto di Aurora Parisi

Joe Wright. La danza d...

Joe Wright. La danza dell’immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill, di Elisa Torsiello

generic animal

Generic Animal –...

Generic Animal – Animali generici e dove trovarli – Intervista e live report

Kelela - Take Me Apart Remixes

St Vincent, Kelela, No...

St Vincent, Kelela, Noname | Demography #302

ADVENTURE CLUB (1)

Generic Animal al Lumi...

Generic Animal al Lumiere e tanti altri: gli eventi in Toscana | ATP #148

ultimi post caricati

D14F35A6-F64D-471E-AE24-FA907AAC3FCF

Conferenza Stampa-Navi...

Conferenza Stampa-NavigArte, Comune di Pisa

IF2018 - “Fake: una storia vera” con Martina dell'Ombra

IF2018 – “Fake...

IF2018 – “Fake: una storia vera” con Martina dell’Ombra

Blade Runner

IF2018 – Blade R...

IF2018 – Blade Runner (The Final Cut) @ Cinema Arsenale

Ph: Irene Camposano

IF2018 – Affront...

IF2018 – Affronta il Pac-Man: una sfida all’ultimo puntino.

Commenti