Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Alessandro Cortini, New Order, Daymé | Demography #428

Il lunedì volge al termine, incurante dell’abbassamento di temperatura, Demography torna con una playlist che incendia le cuffie! Dal nuovo lavoro di Alessandro Cortini, alla voce calda di Daymé, passando per i New Order, Salami Rose Joe Louis e tanto altro.

Alessandro Cortini è tornato.

Partiamo subito con il mio best of di questa playlist del lunedì, Alessandro Cortini. Per chi non lo conoscesse è uno tra i musicisti italiani più conosciuti all’estero, non solo per il suo lavoro da solista, ma perché suona in una band dal nome Nine Inch Nails. Tastierista nel gruppo di Trent Reznor, Cortini ha proseguito parallelamente la carriera solista, pubblicando diversi lavori, tra cui Avanti, ultima fatica del polistrumentista romagnolo, che ha avuto un buonissimo impatto sulla critica musicale. Alessandro Cortini torna ora con Volume Massimo, nuovo album, che verrà pubblicato il 27 settembre dalla Mute Records, label che racchiude nomi di un certo spessore, tipo i New Order (che accompagnano Alessandro Cortini in questa playlist), Lee Ranaldo, Apparat e tantissimi altri.
Volume Massimo di Alessandro Cortini è anticipato dal brano AMORE AMARO, apriplaylist di oggi. Cortini non delude: il brano è un groviglio di sensazioni che colpiscono dritte alla cassa toracica, allo stomaco e alla mente dell’ascoltatore. Un labirinto intricato, una corsa verso la luce che si percepisce prima lontana, poi diventa sempre più forte nella corsa. Un crescendo di adrenalina e bellezza che implode nel finale, lasciandoci attoniti, sazi ma smarriti.
Se il brano non bastasse, Alessandro Cortini torna con un artwork che farebbe impallidire diverse copertine. Godetevelo insieme ad AMORE AMARO, mentre aspettiamo insieme settembre.

Alessandro Cortini, VOLUME MASSIMO

Alessandro Cortini, VOLUME MASSIMO

Shifted, Daymè, Salami Rose Joe Louis, Ed Carlsen

Lasciamo Alessandro Cortini e ci buttiamo a capofitto nel beat compulsivo di Shifted. Il producer britannico è tornato con un nuovo lavoro, The Light Touch, un EP composto tra tre tracce, di cui vi faccio ascoltare Seel, quella che ha avuto più impatto sulla sottoscritta. Percussioni incessanti, ritmo martellante Seel è quel brano a cui lasciare il completo controllo del proprio corpo, spegnere il cervello e lasciarsi andare ai movimenti, per tutta la durata della traccia. Fidatevi, non potrete fare altrimenti.
Dalle percussioni di Shifted passiamo subito alla bella voce di Daymé Arocena. Con Trilogía, l’artista ritorna alle sue radici cubane. Un lavoro spirituale, dedicato a divinità della cultura cubana, che ci trasporta in una dimensione primitiva dove si comunica soltanto con la musica.

Salami Rose Joe Louis

Salami Rose Joe Louis

Un altro nome oltre quello di Alessandro Cortini, su cui punto tanto in questa playlist, è quello di Salami Rose Joe Louis. All’anagrafe Lidsay Rose, l’artista è già stata ospite della nostra rubrica in altre occasioni, e da allora la seguiamo nella sua carriera. Il 30 agosto uscirà il suo album, Zdenka 2080, fortemente influenzato dalla lettura delle novelle sci-fi di Octavia Butler. Influenzata da artisti come Flying Lotus, e dopo aver trascorso il suo ultimo anno con Toro Y Moy e The Cinematic Orchestra (ai quali ha aperto dei live), non vedo l’ora di ascoltare il suo risultato finale.
Chiudiamo questo paragrafo con Ed Carlsen, che arriva dalla Sardegna. Anche lui uscirà il 27 settembre con il suo terzo album, Morning Hour, per la label canadese Moderna Records. Words è una piccola anticipazione del nuovo lavoro, una traccia estraniante, che prende spunto dalla continua lotta contro l’ansia. Words è un brano carico di speranza, di bellezza, in cui il piano è il protagonista principale che ma che resta in fila con il resto della strumentazione, senza prendere il sopravvento. Da ascoltare e riascoltare.

Alessandro Cortini

Ed Carlsen, Morning Hour

Kaczmarek, New Order, davOmakesbeats, Dorian Concept

Concludiamo questa playlist del lunedì tornando nei club con la techno di Kaczmarek, producer da tener assolutamente d’occhio. Kaczmareck, moniker dietro cui si nasconde Paul Ritch, torna in una veste decisamente più dark, a tratti più sereno, a tratti snervante. I suoi campionamenti arrivano da trasmissioni criptate della BBC durante la seconda guerra mondiale, a cui applica distrorsioni, beat ossessivi. Descritta così sembra di doversi imbattere in qualcosa di veramente pesante e invece il risultato finale è una bomba!I New Order, sono tornati con un nuovo album, ∑(No,12k,Lg,17Mif) New Order + Liam Gillick: So it goes.. che contiene 18 brani. La premessa: niente è come prima.
A chiudere la playlist di oggi, prima davOmakesbeats con la sua dinamica Bodies of Water, alla quale segue Dorian Concept con Toothbrush, giusto per ributtarvi su un dancefloor alienante.

davOmakesbeats

davOmakesbeats

 

Grazia Pacileo

post di questa categoria

DSC_0645

Festa dell’ Unicorno...

Festa dell’ Unicorno 2019 NerdEco #69

INTESTAZIONE FAT FAT FAT

RadioEco goes to FAT F...

RadioEco goes to FAT FAT FAT Festival

La casa di carta

La casa di carta parte...

La casa di carta parte 3: la recensione

67161352_1394226380734269_8945871567045263360_o

Eiffel65, Ivreatronic,...

Eiffel65, Ivreatronic, Jova beach party e tanto altro |Atp #182

ultimi post caricati

Europee

Europee 2019: le elezi...

Europee 2019: le elezioni dal punto di vista dei social

caracol

Maggio frizzante: jazz...

Maggio frizzante: jazz, poetry slam e spettacoli! #atp 175

Cattura

Giornata mondiale libe...

Giornata mondiale libertà di stampa, convegno in memoria di Antonio e Bartek

DSC_9299

Expo Motori 2019, a Po...

Expo Motori 2019, a Pontedera la 14ª edizione

Commenti