Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Andrea Laszlo De Simone, Be a Bear & more | Demography #262

Il nuovo numero di Demography è dedicato ai videoclip. Da Andrea Laszlo De Simone a Be a bear, passando per gli esordi di Lorenzo Bitw e dei Vanarin.

Andrea Laszlo De Simone ci sorprende tutti con il suo nuovo singolo, ma soprattutto col video che lo accompagna. Il titolo è Gli Uomini Hanno Fame, quinto estratto dall’album Uomo donna, uscito per 42Records il 9 giugno del 2017, lavoro che ha messo in luce Andrea Laszlo De Simone, diventato la nuova sorpresa e promessa del cantautorato italiano.

Il video de Gli Uomini hanno fame è praticamente un cortometraggio che richiama, almeno alla sottoscritta, il film The Wall dei Pink Floyd e l’atmosfera di alcuni brani de La Macarena Su Roma di IOSONOUNCANE. Il video comincia con un uomo, il padre di Andrea, che sopito in poltrona davanti alla TV subisce passivamente una cronaca scriteriata e violenta di alcuni degli eventi più catastrofici o più significativi dell’ultimo secolo. Si avvicendano senza soluzione di continuità Hitler, Mussolini, l’Isis, lo sbarco sulla luna, gli attentati, il papa, pubblicità, cartoni animati. Nonostante ciò, nulla sembra in grado di risvegliare il suo interesse, perché è ormai evidentemente annoiato e assuefatto alle immagini shock a cui è costantemente sottoposto. Dopo qualche minuto l’uomo cambia canale e si sintonizza finalmente su qualcosa che cattura la sua attenzione, il match del secolo: Italia – Germania 4 a 3.

andrea

Andrea Laszlo De Simone

La partita è interamente giocata senza il pallone. Emerge così una grottesca e triste metafora del mondo reale in cui le persone private del senso delle loro azioni, si schierano, si affannano e si scontrano per nulla. Nel frattempo l’uomo segue con passione, esulta e si emoziona. Le pubblicità che interrompono il match sono state private invece del marchio del prodotto che tentano di reclamizzare. In questo modo non sono più i prodotti ad essere al centro dello spot, ma lo sono le immagini ipnotiche e deprivanti che hanno formato e influenzato milioni di persone dalla fine degli anni 50 ad oggi. La partita prosegue fino al definitivo 4 a 3 a favore dell’Italia, dopo di che la follia prende il largo e le pubblicità si affollano accompagnate da suoni deliranti e inquietanti.
La resa della ragione.

Lo stesso Andrea commenta così: “Che lo si voglia ammettere o meno negli ultimi decenni le logiche del mondo occidentale sono state assoggettate al linguaggio pubblicitario, sintetico ed illusorio, imperante in ogni campo della comunicazione pubblica e privata. Dalla musica al cinema, dalla politica al teatro, non c’è catarsi espressiva che non sia stata lusingata o addirittura fagocitata dalle logiche del mercato. La ricerca del bello sostituita dalla ricerca di ciò che può essere efficace, il concetto di libertà e di rivoluzione declinati in volgarità e prepotenza. Ho la sensazione che questa progressiva semplificazione dei linguaggi stia cambiando il nostro modo di pensare limando di anno in anno i desideri, le tendenze e le manifestazioni umane, rischiando di trasformare il pensiero semplice in pensiero semplicistico e di formare una generazione intera verso un individualismo volitivo ricco di estremismi dai fragili ideali e di ideali poveri di contenuto e ragionevolezza. Ogni individuo ha il diritto di essere semplice o fondamentalista quanto crede, ma ritengo che la società invece abbia il dovere di continuare a cercare il compromesso fra le parti, per garantire la complessità necessaria ad includere ogni diversità sotto lo stesso tetto di diritti e, per dirla in parole semplici, per garantire la democrazia e un pezzetto di libertà per tutti noi.”

Dopo gli undici minuti di trip di Andrea Laszlo De Simone, passiamo all’esordio di Lorenzo BITW. Lorenzo è uno dei dj/producer più talentuosi della sua generazione. La sua musica si muove su territori uk funky, garage e grime. Cresciuto artisticamente a Londra, ma attualmente residente a Roma, è da anni stabilmente ospite dei palinsesti di BBC Radio, Rinse.Fm, Radar Radio e NTS. Nel corso degli ultimi due anni i suoi singoli e remix, pubblicati tra gli altri sotto l’egida di Friends of Friends e Nervous Horizon. Hello, è il primo singolo estratto dal suo LP d’esordio, Love Junction, che uscirà il prossimo 22 giugno per La Tempesta Dischi International/Friends of Friends. Hello è una travolgente love-song adagiata su ritmi afrobeat, arrangiata con il gusto e lo stile che Lorenzo BITW ha da sempre mostrato nel corso degli ultimi anni, alla quale partecipa anche l’mc ghanese Nawtyboi Tatoo. Ve la facciamo ascoltare qui sotto.

Ancora un esordio, che vede la collaborazione di Roberta Sammarelli dei Verdena. I Vanarin, band bergamasca, si preparano ad uscire con il loro disco, anticipandolo con un singolo Holding(<- video qui), un collage di immagini e colori che richiamano il sound eterogeneo della band e che sottolineano la loro varietà di influenze stilistiche e la grande abilità nel fondere, presente e passato. Holding è il primo estratto dell’album Overnight, che uscirà il prossimo 23 marzo per Woodworm, e che viste le sonorità e il video ben curato, ci fa sperare che di questa band sentiremo parlare ancora molto.

andrea

Chiudiamo con l’ultimo video di Be a Bear, artista noto al pubblico nazionale per essere il primo nella discografia italiana ad utilizzare l’iPhone per comporre, registrare, mixare e quindi produrre per intero la propria musica, si sta risvegliando dal letargo ed è prossimo alla pubblicazione del nuovo album nel 2018. Intanto, giusto per alzare l’hype, pubblica il video di TIME Remix a cura di Sandro Moeller. In questo video velocitas imperat, ci sono macchine vecchissime, golden chariot, spezzoni anni ’90 da novanta e facce deformate dalla velocità. Velocità vuol dire direzione, e se la faccia si deforma vuol dire che una direzione è stata presa. Dovremmo tutti essere un po’ deformi, uscire cioè dalla nostra di forma.

Per questo numero di Demography è tutto, abbiamo fatto il pieno di video, un trip che parte da Andrea Laszlo De Simone (che tra l’altro sarà a Pisa il 23 marzo) a Be a Bear. Buon viaggio!

Grazia Pacileo

post di questa categoria

could be a fest

eventi in Toscana: Cou...

eventi in Toscana: Could Be a Fest e tanti altri | ATP #137

Riccardo Noè

Riccardo Noè Exclusiv...

Riccardo Noè Exclusive Mix | Demography #289

Immigration Unit

Immigration Unit Exclu...

Immigration Unit Exclusive Mix | Demography #287

Soreab

Soreab Exclusive Mix |...

Soreab Exclusive Mix | Demography #285

ultimi post caricati

ATP 3

Eventi in toscana: sen...

Eventi in toscana: senza filo, could be a fest e tanto altro! | atp #136

images

Festa dell’ Unicorno...

Festa dell’ Unicorno: il countdown è iniziato NerdEco #30

Lo ha già detto Gesù - Filippo Giardina @Officina Garibaldi

“Lo ha già dett...

“Lo ha già detto Gesù” di Filippo Giardina

lucca giornalismo

CRONISTI IN CLASSE: CA...

CRONISTI IN CLASSE: CAMPIONI DI GIORNALISMO

Commenti