Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Scanzi con “I Migliori di Noi” ci fa venire voglia di Arezzo

Con “I Migliori di Noi” Andrea Scanzi, firma di punta del Fatto Quotidiano, riesce a farci assaporare i suoi luoghi aretini con una storia d’amore e d’amicizia leggera quanto intensa.

Scanzi "I Migliori di Noi"

Scanzi “I Migliori di Noi” – Arezzo

Riderete, vi commuoverete e sentirete Arezzo e tutte le sue sfumature sulla vostra pelle (oltre a una buona dose di Pink Floyd). Una delle cose più complesse quando si scrive un romanzo è far sentire al lettore l’ambiente che sta leggendo donandoti quella voglia di visitare (o rivisitare) i luoghi che caratterizzano quel dato racconto. Con “I Migliori di Noi” (edito da Rizzoli. 214 p.) Andrea Scanzi, al secondo romanzo dopo il successo di “La vita è un ballo fuori tempo” uscito nel 2015, centra in pieno questo obiettivo, mettendo da parte (anche se non completamente) il suo sarcasmo politico per condurci dentro un’amicizia ed una sofferenza ambientate in quelle vie e quelle piazze a lui tante care. Una sorta di invito (in)diretto a visitare Arezzo quello di Andrea Scanzi, una città che dà sempre la sensazione di non capire davvero quanto meravigliosa sia.

I cani. La musica. Il vino. Dentro questo racconto ci sono tante pillole di Andrea Scanzi disseminate qua e là tra le pagine a fare da cornice alla storia tra chi è rimasto (Fabio) e chi è partito (Max) lasciando una profonda ferita e nessuna spiegazione per 25 anni. Eppure certe amicizie restano come sono state portandosi dietro inevitabilmente tutti i nodi irrisolti e gli strascichi dolorosi di un passato che attende di essere sistemato. Le quotidianità aretine con i suoi luoghi ed i suoi personaggi caratteristici si sciolgono dentro a brevi capitoli intrisi di ironia toscana e riflessività donando dinamismo a tutta la struttura narrativa per non lasciare il tempo di annoiare. Spinti da sbalzi umorali che saltano dal ridere, all’apprensione fino alla malinconia ci sentiamo partecipi degli eventi vissuti dai protagonisti con i quali arriviamo ad identificarci. Attraverso i pensieri di Fabio riusciamo a scorgere un po’ anche noi stessi o a vedere quello che potremmo essere in futuro.

“I Migliori di Noi” di Andrea Scanzi è un libro che sfugge via velocemente come il tempo passato che Max e Fabio sono costretti (?) ad analizzare e rivivere, lasciandoti alla fine con un tocco raffinato. Con delle pagine bianche. Un altro invito. Il più bello. Per entrare definitivamente nella storia e per darci la piacevole illusione di sentirci davvero parte di quella Arezzo per cui alla fine proveremo una grande attrazione ed un grande affetto.

Giacomo Corsetti

@giacomocorsetti

post di questa categoria

ATPap1

Eventi in Toscana: Cor...

Eventi in Toscana: Cory Henry, Deposito e tanto altro | ATP #127

Avengers

Avengers: Infinity War...

Avengers: Infinity War, la recensione

pop dei coreani

IL TRONO DI SOTTOCULTU...

IL TRONO DI SOTTOCULTURE #12: POP E ROCK COREANI

Lorenzo Kruger al Cinema Lumière, Pisa

Lorenzo Kruger e le ca...

Lorenzo Kruger e le canzoni dei Nobraino [report]

ultimi post caricati

FIPILI HORROR FESTIVAL

FIPILI Horror Festival...

FIPILI Horror Festival 2018 – settima edizione

IJF18: Ferruccio De Bortoli

#IJF18: Ferruccio De B...

#IJF18: Ferruccio De Bortoli “Giornalismo e rivolta. mezzo secolo dopo il ’68″

mosul

#IJF18: Mosul eye racc...

#IJF18: Mosul eye racconta l’atrocità dell’Isis

#IJF18 - Il caso David Rossi - Foto di Sara Binelli

#IJF18 – Il caso...

#IJF18 – Il caso David Rossi

Commenti