Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Apparat, Archive, Elasi & more | Demography #341

Apparat torna con un nuovo singolo, gli Archive festeggiano il loro venticinquesimo anno di attività con un album, ed è tempo di farsi conoscere meglio per le voci del pop italiano Elasi e Liede: ma altre novità sono pronte per l’ascolto in questo mercoledì di Demography!


Iniziamo dal ritorno di Apparat, un nome che sicuramente molti conosceranno per la sua Goodbye, sigla dell’acclamata serie tv Dark, e molti altri per essere una delle anime dei Moderat: è della settimana scorsa l’uscita di Dawan (qui lo psichedelico video), singolo con cui vi diamo un assaggio del nuovo album, LP5 ,in uscita il 22 Maggio su Mute (distribuzione Self). Un album sublime e delicato, che punta molto alla ricerca del dettaglio, come spiega lo stesso Apparat: “Sono stato in grado di fare l’album in questo modo perchè Moderat esiste,” ha affermato, “Esibirmi su dei palchi enormi con i Moderat, mi ha permesso di liberare Apparat da queste aspirazioni. Non devo scrivere degli inni pop qui; posso immergermi nei dettagli e nelle strutture.”

Apparat

LP5 – Apparat

Ex:Re, nome del progetto solista di Elena Tonra, già chitarrista, cantante e autrice dei Daughter, ha di recente dato alle stampe il primo album omonimo, e solo pochi giorni fa è uscito il video di The Dazzler. Ascoltando l’album sarete proiettati in immagini spesso volubili che passeranno davanti ai vostri occhi come quelle di un film, un film confuso, fatto di ricordi di una persona, qualcuno di importante che ormai non è più parte della vostra vita… quasi una presenza spettrale da rivivere in musica, secondo l’idea di Elena.

Apparat

Ex:Re

Ma passiamo ora all’ elettronica con i Hvob, che il prossimo 15 Marzo torneranno con l’album Rocco: anche stavolta aspettiamoci un concept album, con 13 tracce il cui filo rosso è il racconto di avvicinamenti ed allontanamenti nelle relazioni. Bloom, all’ interno di questo concept, rappresenta la sensazione di fragilità.

Nome veramente interessante quello dei Luluc, che con Sculptur, il loro terzo album (Sub Pop Records), sfornano una vera perla di suoni onirici, rilassanti, melanconici, non basta un singolo ascolto dell’album per godere appieno della sua bellezza. Sculptor può essere ascoltato a tutto volume perché, nonostante il minimalismo dei Luluc, la loro musica è tutt’altro che quieta.

Sulla stessa scia onirica ma più sensuale, con “canzoni che parlano di bellezza, desiderio,trascendenza, oblio, estasi e occhi” troviamo i These New Puritans, che il 22 Marzo torneranno con il quarto album in studio per la BMG: Inside The Rose, nome dato anche al singolo che vi proponiamo in playlist.

Apparat

Inside The Rose – These New Puritans

Ora è pero il momento di fare qualche nuovo nome: il primo è quello di Miblu, che con Duchess, singolo uscito lo scorso 25 Gennaio, dà subito un’impronta al tipo di musica che le piace fare: un beat forte unito alla sua voce particolare fanno di lei una delle artiste emergenti da tenere d’occhio quest’anno, in vista del primo EP.

Nomi nuovi anche in Italia, con il pop di Elasi, che dopo un buon successo riscosso dal singolo di debutto Benessere esce ora con il secondo brano Vivo di Vividi Dubbi, nato – come precisa lei stessa – da un sogno in cui mi trovavo a un concerto di Michael Jackson:  c’era un coro che cantava la melodia di questa canzone. Il brano parla delle crisi d’identità nel mezzo del cammin dei vent’anni: i miei dubbi in mezzo ai dubbi delle frenetiche vite di tutti quanti. Domande su domande su chi siamo, cosa vogliamo, qual è il nostro posto, quando a volte basta anche solo una casuale parola di un passante qualsiasi per darci una visione più chiara del mondo.

Apparat

Vivo Di Vividi Dubbi – Elasi

Sempre di buon pop italiano parliamo con Liede, già con un album all’attivo (Stare Bravi, 2016) e che torna ora con il singolo Nelle vite degli altri; avviandoci a concludere questa nuova playlist troviamo gli Stepbrother, dove rievochiamo con Teeth quelle rebel vibes spensierate che andiamo sempre a ricercare nel punk rock,  il brano è parte dell’ EP Nearest & Dearest uscito lo scorso 4 Gennaio.

Per chiudere la playlist di oggi abbiamo scelto gli Archive in questo featuring con la Band Of Skulls intitolato Remains of Nothing. Questa e altre collaborazioni faranno parte di “25” l’ album in uscita il 10 Maggio con cui gli Archive festeggeranno i loro 25 anni di carriera tra trip hop, shoegaze e suoni elettronici che riproporranno anche in un tour europeo in partenza nella seconda metà di quest’anno.

Apparat

25 – Archive

 

Buon ascolto!

 

Francesca Staropoli

 

 

post di questa categoria

1552644231_Avengers-Endgame

Avengers-Endgame: la r...

Avengers-Endgame: la recensione

earth night

Earth Night, Flying Lo...

Earth Night, Flying Lotus and more | Demography #386

Vinicio Capossela

Vinicio Capossela, Omn...

Vinicio Capossela, Omni & more| Demography #385

DSCN8395

WØM FEST Preview: Le ...

WØM FEST Preview: Le Capre a Sonagli+Vostok

ultimi post caricati

Hitchcock

Pisa da brividi: Hitch...

Pisa da brividi: Hitchcock e Universal al Museo dellla Grafica

khalab khalab

Khalab al Pisa Jazz, R...

Khalab al Pisa Jazz, Record Store Day, Caracol e altro | Atp #171

Scherma

Scherma, coppa del mon...

Scherma, coppa del mondo. Italia conferma il podio, oro argento e bronzo

carnì-800x1000

“Cose storteR...

“Cose storte” di Andrea Carnì alla Libreria Pellegrini

Commenti