Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Artwork della domenica: “Anima Latina” di Lucio Battisti

Nuovo anno e nuovo artwork per voi. Iniziamo questo 2016 all’insegna dell’ottima musica. Tutti avete cantato almeno una volta una canzone di Lucio Battisti, hit per eccellenza dei falò estivi, quello che però non tutti hanno fatto è ascoltare attentamente alcuni dei dischi meno popolari del cantante, ad esempio “Anima Latina”.

Tra chi di musica ne capisce abbastanza, questo disco è un cult, una delle sperimentazioni musicali meglio riuscite di Battisti, un’autentica rottura con la carriera passata dell’artista, marcatamente più vicina alla musica leggera. In realtà già l’album precedente, Il nostro caro angelo, aveva qualche novità in sé, forse più nei testi che nella musica, ma si avvertiva comunque un’evoluzione.

Siamo nel 1974, in piena rivoluzione musicale e sociale, e Battisti decide appunto contribuire con questo disco che influenzerà per i giorni a venire tante altre carriere musicali, per farvi un esempio un po’ più contemporaneo, proprio due album del 2015 riportano degli evidenti richiami al sound di Anima Latina. Sto parlando di DIE di IOSONOUNCANE, e di Endkadenz Vol.1 dei Verdena.

Chiunque abbia mai tenuto fisicamente in mano questo disco, dopo averlo anche ascoltato, non può facilmente dimenticarsi l’artwork che lo accompagna. È opera del fidato fotografo Cesare Montalbetti, in arte Monti, che ha realizzato molti degli artwork della discografia di Battisti, e che è scomparso meno di un anno fa.

artwork

 

Nel libro Lucio nelle fotografie di Cesare Monti, il fotografo racconta tutta la sua storia collegata alla carriera e alla persona di Battisti, regalando una prospettiva sincera e unica sul sodalizio fra i due. Lucio è descritto per lo più come una persona schietta, molto devota alla musica e sempre in ricerca di nuovi modi di esprimersi. Uno di questi sarà appunto il lavoro che sta dietro Anima Latina. Tornato da un viaggio in Sudamerica, il cantante si porta come souvenir la malinconia mista al ritmo di quelle terre appena visitate, che porterà a creare un modo nuovo di suonare il rock, perché di rock progressivo si tratta. Fu il titolo del disco ad ispirare l’artwork che lo avrebbe poi reso completo. Monti decide di immortalare una scena che ha dell’ameno, del tribale, un baccanale che però trasmette tutta questa allegria attraverso il filtro dell’ambiguità: fotografie così gioiose, vivaci che non possono non far scorrere in chi le guarda, un po’ di quella malinconia che tanto aveva ispirato Battisti.

artwork

L’idea di Monti era quella di “rappresentare l’anima latina con la figura di una donna florida, ma dallo sguardo triste”. La modella era Dina, che aveva già lavorato precedentemente col fotografo per un altro artwork, quello di un disco dei Flora Fauna e Cemento. La donna si trova in mezzo al verde di un parco, circondata da bambini festosi, figli di amici di Monti, tutti muniti di tromboni, pentole e coperchi (roba da far passare l’istinto materno).

artwork

Opera grandiosa a 360 gradi, insomma! C’era modo migliore di farvi iniziare l’anno? Chiudete tutto e ascoltate questo disco, tanto è domenica e si sa, di domenica non si fa mai nulla di interessante.

post di questa categoria

ATP (8)

eventi della settimana...

eventi della settimana – atp #85: Arno Vivo, Pistoia blues e Firenze rocks

Copy of Copy of ON POINT (5)

Radiohead, Populous &#...

Radiohead, Populous & More | Demography #210

pantesca

Insalata Pantesca

Insalata Pantesca

radiohead oknotok

Radiohead, “OKNO...

Radiohead, “OKNOTOK” – Artwork della Domenica

ultimi post caricati

erew

Kinzica Fantasy prima ...

Kinzica Fantasy prima edizione

Presentazione "Da Cassino ad Hollywood" - Promovie (foto @Promovie)

Cos’è Promovie?...

Cos’è Promovie? – “Da Cassino ad Hollywood” @LaFeltrinelli

Pixel 45 giri

45 giri in Gipsoteca &...

45 giri in Gipsoteca – serata conclusiva

20170611_131909

Star Event 2.0 nel cuo...

Star Event 2.0 nel cuore di Pisa

Commenti