Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Bruce Harper – Dauwd | Demography #197

Per iniziare bene il weekend c’è bisogno di buona musica in cuffia. Demography questa volta punta tutto sull’elettronica, e vi fa ascoltare due nomi, Bruce Harper e Dauwd.

A chi passava i pomeriggi su Bim Bum Bam aspettando che entrassero in azione Holly, Benji e Mark Lenders, il nome Bruce Harper farà alzare le antenne. In questo caso non parliamo di calcio giapponese e campi lunghissimi con discese e salite, bensì di una band bresciana, che ha deciso di prendere appunto il nome del povero Bruce Harper, il calciatore più sfigato della New Team ma dal cuore grande. Cosa c’entra tutto questo con la musica? Ebbene, è proprio la passione che il personaggio del cartone animato ha in comune con la band italiana, nata nel 2016. I Bruce Harper sono Lorenzo (synth, sample, voci), Marco (batteria) e Paolo (synth, sample, drum machine), i quali hanno già all’attivo altri e diversi progetti, ma hanno sentito il fascino e la voglia di esplorare nuove sonorità elettroniche. Da questa voglia di novità nasce l’album d’esordio, anticipato dal singolo Sun che vi faremo ascoltare, e che esprime pienamente quello che si trova nel disco che porta il nome della band. L’approccio e l’impatto “rock/live” rimangono e si esprimono attraverso un’elettronica totalmente suonata in analogico, modulata su pattern fisici e tribali, a loro volta sospesi in spazi eterei e riverberati. Le voci sono destrutturate in filtri, pitch ed effetti che le trasformano in puro suono, organico e meccanico.
Bruce Harper è un album non facile, ma bello d’ascoltare tutto in una volta: l’atmosfera è cupa, minimale, impregnata di ombre costruite a puntino con synth, sample, drum machine e batteria. Un’elettronica che va dritta al punto, e senza troppi ricami punta a restare, a scioccare l’ascoltatore con la sua potenza che dal vivo non può che aumentare.
Come il Bruce Harper di Holly & Benji, la band bresciana ci mette il cuore, e tutto il coraggio che possiede solo chi ci crede per davvero. Che dirvi di più, mettetevi un paio di cuffie e lasciatevi andare in una dimensione parallela aggressiva, che vi si schianterà dritta nelle orecchie lasciandovi impressionati dalla sua forza.

Spostiamoci ora dall’Italia e andiamo a conoscere Dauwd. Dauwd Al Hilali (questo il nome completo), non è esattamente il nuovo arrivato, ma sono già più di sei anni che pubblica musica con etichette discografiche come Ghostly International e Kompakt. Il 2 giugno inoltre verrà pubblicato il suo album d’esordio, Theory Of Colours, dalla Technicolour. Theory Of Colours vuole essere una sorta di omaggio alle leggende dell’elettronica del passato, degli anni ’50 e ’60. Si parla di Terry Riley, Raymond Scott e i workshop musicali andati in onda sulla BBC radio che andavano in onda ai tempi. Quello che Dauwd mette subito in evidenza è l’amore spassionato per i sintetizzatori d’epoca. L’album infatti è stato registrato a Utrech, al Sonar Traffic, che ospita la più grande collezione europea di synth vintage. Il singolo che anticipa l’uscita è Leitmotiv che, di colori effettivamente è pieno. Si nota subito che ha ridotto gli elementi, ma ne deriva un suono nettamente più pulito, lineare, che collega il passato al presente dei club berlinesi nei quali di solito il producer si esibisce.
La voce è un sussurro, marginale, non conta quanto la musica che si sprigiona con ritmi sobri, eleganti. Insomma se questo è il Leitmotiv che ci attende, tanto vale armarsi di pazienza e aspettare giugno per la nuova uscita firmata Technicolour.

 

post di questa categoria

liberato

LIBERATO, Prolly Knot,...

LIBERATO, Prolly Knot, Giraffage | Demography #224

C'era_una_volta_in_America

Canova @ Metarock Pisa...

Canova @ Metarock Pisa ( report + intervista)

in-questo-angolo-di-mondo-anime-nexo-digital-14

In questo angolo di mo...

In questo angolo di mondo, arriva nelle sale italiane

ATP (22)

eventi in Toscana: Rol...

eventi in Toscana: Rolling Stones, C2C e molto altro|ATP#97

ultimi post caricati

21765841_1461801023868200_4469297682932639072_o

Mindscience of Reality...

Mindscience of Reality ospita il Dalai Lama

andrea-bocelli-cieco

Bocelli al “Robo...

Bocelli al “Robotics Pisa 2017″

disabilità

Riabilitazione Robotic...

Riabilitazione Robotica e disabilità

21369202_1459686247455704_2765862834516775347_n

“I robot sono (già)...

“I robot sono (già) tra noi” alla Stazione Leopolda

Commenti