Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Celluloid Jam-Lemon Lights-Capibara- Demography #59

questa settimana vogliamo consigliarvi qualcosa di valido senza rifilarvi le solite critiche alla musica indipendente italiana, ascolteremo tre artisti di due delle migliori etichette presenti nel nostro paese, la White Forest Records e de Le Narcisse Factory, nello specifico tratteremo: i fiorentino i Celluloid Jam, uno delle migliori personalità dell’elettronica nostrana Capibara, ed un nastro emergente, Lemon Light.
Celluloid Jam

I Celluloid Jam hanno pubblicato da poco Youth con la White Forest, Ep uscito il 14 aprile contraddistinto da un dream pop a tratti impalpabile che si dilata nella voce della performer, un’elettronica dolce che si fonde con le atmosfere new wave a tratti nostalgiche di un sound che comincia con la fresca e spensierata Fire per poi cedere a sfumature più ambient e quasi venate da un sottile strato di malinconia. Qualcosa di giovane ma ben pensato, a novembre noi parlavamo di una freccia indirizzata verso il giusto bersaglio, bene, è stata scoccata e non potevamo sperare di meglio.

Celluloid Jam
Ci spostiamo di poco, rimaniamo su un sound che risucchia l’ascoltatore dentro un trip di suoni sospesi, stiamo parlando di “Empty Space” l’Lp d’esordio del progetto di Lemon Lights registrato per Le Narcisse Factory (Luminal, Diodato ecc) pubblicato il 5 maggio. Ci si imbarca in un percorso complesso e cupo, un sentiero introspettivo che conduce verso la descrizione di momenti concreti con l’astrazione dei suoni, si avverte la presenza di influenze dell’underground londinese, si avverte l’esigenza dell’artista di cominciare mettendosi direttamente a nudo.
Il risultato è qualcosa di italiano, ma che non lo sembra.

artwork_LO-Q
Capibara è tornato con Gonzo uscito il 5 maggio e per noi è sempre una gioia parlarne.
Il producer (e fondatore) della White Forest Records torna con 15 tracce dopo l’esordio di Jordan e torna cambiato, torna più primitivo, tribale e selvatico, abbandona forse quella leggerissima vena pop presente nel primo Lp per consacrarsi al groove. Passiamo da brani votati alla grande passione di Capibara per la dancehall alla firma hip hop importante per la sua formazione.
Ci avventuriamo dunque in una foresta di suoni di 60 minuti che non lascia scampo, oscura, complicata ed intrigante per la quale non possiamo far altro che immergerci in silenzio ed ascoltare.

Chiara Manera

post di questa categoria

Mahmood

Mahmood, Lazza, T-Pain...

Mahmood, Lazza, T-Pain e molto altro | Demography #355

kokoroko-29

KOKOROKO live @ Lumier...

KOKOROKO live @ Lumiere Pisa | Pisa Jazz

51919770_340352986571618_6689221017295912960_n

Sorprese per questo fi...

Sorprese per questo fine febbraio. Festival, serate funky e swing | atp #165

Unloved

Unloved, Vök, Pereira...

Unloved, Vök, Pereira & more | Demography #354

ultimi post caricati

oznor

Gli Anni 50 – Le imm...

Gli Anni 50 – Le immagini di un decennio a Pisa

Foto di Giuseppe Flavio Pagano

ensemble Entr’acte ...

ensemble Entr’acte – Concerti della Normale

50012384_10155968040120848_6768598884873666560_o

Pisa Jazz e tanti altr...

Pisa Jazz e tanti altri eventi | ATP #162

consulente del lavoro

Professione consulente...

Professione consulente del lavoro: Mario Taurino – #radioecogetajob

Commenti