Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Coldcut, Tusks & more | Demography #231

Demography torna con una nuova playlist, molto varia. Si parte da un nome noto, Coldcut, passando per la dolcezza di Tusks e chiudendo con la classe di Kamasi Washington.

Se googlate Coldcut troverete essenzialmente due cose. La prima è che si tratta di un duo tutto british, formato da Matt Black e Jonathan More. La seconda affermazione che troverete, è che i Coldcut hanno rivoluzionato la figura del DJ, trasformandolo in uno scultore di suoni. Quello che conta è che il duo, formatosi a metà degli anni ’80, riesce a stupirci ancora oggi, e forse è per questo che fa dei Coldcut uno dei cavalli vincenti della Ninja Tune.
A maggio si realizza una lunga e proficua collaborazione tra Coldcut e Adrian Sherwood, due giganti dell’underground made in U.K. Da questa collaborazione nasce Outside The Echo Chamber, album che unisce non solo musicisti, ma anche le case discografiche lanciate da questi. I Coldcut prima di fondare la Ninja Tune, avevano ideato Ahead Of Our Time, rilanciata nell’ultimo periodo, e la On-U Sound di Sherwood.
Sherwood e More sono amici di lunga data, e ci hanno messo ben trent’anni prima di riunirsi, coi loro rispettivi progetti, in uno studio e lavorare insieme.
Il singolo che compare nella nostra playlist è Kajra Mohabbat Wala, rivisitazione di un canto d’amore hindi-urdu. La voce è quella di Hamsika Iyer, appartenente all’universo di Bollywood, ma non è finita qua, perché oltre ai suoni tipicamente indiani, Coldcut e Sherwood hanno deciso di buttarci anche un pizzico di ritmo egiziano, anche se è il dub il grande protagonista.
Un modo piuttosto originale e grandioso per festeggiare i 30 anni di attività dei Coldcut.

coldcut

Ci siamo! Lo aspettavamo da tempo ed ora è finalmente uscito. Sto parlando dell’album di debutto di Tusks, anche lei inglese come i Coldcut. Con il suo album di debutto Dissolve, Tusks (aka Emily Underhill) ci propone la sua singolare e straordinaria visione musicale. Grazie alla sua ricca immaginazione visiva e alla sua indole cinematografica, il disco – co-prodotto da Brett Cox – è il dettaglio brillante dell’opera di una giovane artista che racconta un viaggio che ha inizio sin dalla sua giovinezza.

Il debutto discografico di Tusks è ambizioso ed appassionato, non tanto per la somma delle sue influenze, ma in quanto originale proiezione artistica della sua vita. Emily colpisce attraverso le sue melodie, nuove e fresche, ma al contempo confortevoli e famigliari. Vi facciamo ascoltare la sua bellissima voce in Last, traccia del nuovo album.

Non potevo lasciarvi se non in compagni di uno degli album più riusciti ora in circolazione. L’ultima parte della playlist si avvicina ai toni del blues. Il modo migliore per chiudere questo piccolo viaggio è inserire il jazz di Kamasi Washington, in Harmony of Difference.
Con la bellissima Desire, finisce questo numero di Demography. Buon ascolto.

coldcut - tusks

 

Grazia Pacileo

 

post di questa categoria

we out here

We Out Here | Demograp...

We Out Here | Demography #258

social network

Social network: non li...

Social network: non li ho usati per un mese e sono ancora viva

Greg e Tommy alla prima di The Room

The Disaster Artist, l...

The Disaster Artist, la recensione del film di James Franco

vasetti di melanzane

Vasetti di Melanzane

Vasetti di Melanzane

ultimi post caricati

Renzusconi, di Andrea Scanzi

Renzusconi, lo spettac...

Renzusconi, lo spettacolo di Andrea Scanzi @Teatro Goldoni

25289688_134224893937036_2284255176272996928_n

I CUG e il “soff...

I CUG e il “soffitto di cristallo” da infrangere – Pisa

Oroscopo dello studente

Oroscopo dello student...

Oroscopo dello studente: febbraio – San Valentino edition

AMORE - Foto di Andrea Spinelli

AMORE – Compagni...

AMORE – Compagnia Scimone Sframeli @TeatroEra

Commenti