Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Consigli per la lettura: Gli Esordi di Antonio Moresco

morescoLa storia dell’editoria italiana moderna è caratterizzata da una serie di rifiuti eccellenti. Moravia, Morante, Pasolini, Gadda, Camilleri si sono visti sbattere la porta in faccia un mucchio di volte prima di riuscire a far pubblicare le loro opere, oggi capolavori indiscussi. Per questo libro ci sono voluti quindici anni per scriverlo, otto per riuscire a trovare qualcuno che finalmente lo pubblicasse, e ben undici anni per la seconda edizione. Però, così come per gli autori illustri sopra citati, la moderna tragedia editoriale di Gli Esordi di Antonio Moresco non è legata a una scarsa qualità del libro bensì alla sua forte carica innovativa, rintracciabile già nel titolo.

L’esordio è per definizione l’inizio di una data azione e la scelta inusuale di porre il termine al plurale stimola un’immagine di varietà, di una molteplicità di spazi ancora inesplorati. A sostegno di questa visione c’è la struttura tripartita del romanzo: questa suddivisione non è una semplice ripartizione del tessuto narrativo, concepita per favorire una logica concatenazione dei diversi stadi evolutivi del protagonista; al contrario, le tre scene sono consequenziali ma non connesse tra di loro poiché in ognuna il personaggio si presenta in modo diametralmente opposto alla scena precedente. Così facendo Moresco rompe gli schemi tradizionali del romanzo di formazione dimostrando come il progresso dell’individuo sia in realtà un continuo stravolgimento dei propri caratteri primari, come sia continuamente possibile reinventare se stessi e l’ambiente circostante.

Lo ammetto, Moresco non è un autore semplice; la sua scrittura è nuova, estranea a tutto ciò a cui siamo stati ultimamente abituati a chiamare Letteratura. Al lettore si chiede di superare le forme comuni del romanzo e di lasciarsi affascinare da un’ inedita e vorticosa visione del mondo letterario, come motore di produzione del pensiero e operazione di sfondamento della realtà. Moresco ha aperto un varco dimostrando come sia davvero possibile andare oltre, immaginare un altro modo di vivere e concepire il nostro spazio; a noi non rimane che lasciarci contagiare dalla sua forza visionaria.

 

Giada Stigliano per Radioeco.

post di questa categoria

51919770_340352986571618_6689221017295912960_n

Sorprese per questo fi...

Sorprese per questo fine febbraio. Festival, serate funky e swing | atp #165

Unloved

Unloved, Vök, Pereira...

Unloved, Vök, Pereira & more | Demography #354

DSC_3519

Firenze Fantasy parte ...

Firenze Fantasy parte il countdown NerdEco #57

K Á R Y Y N

K Á R Y Y N, Amon Tob...

K Á R Y Y N, Amon Tobin, Not Waving & more|Demography #353

ultimi post caricati

oznor

Gli Anni 50 – Le imm...

Gli Anni 50 – Le immagini di un decennio a Pisa

Foto di Giuseppe Flavio Pagano

ensemble Entr’acte ...

ensemble Entr’acte – Concerti della Normale

50012384_10155968040120848_6768598884873666560_o

Pisa Jazz e tanti altr...

Pisa Jazz e tanti altri eventi | ATP #162

consulente del lavoro

Professione consulente...

Professione consulente del lavoro: Mario Taurino – #radioecogetajob

Commenti