Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Daniele Silvestri @Metarock2016 [live report]


Ieri, Sabato 
3 settembre si sono inaugurate le cinque serate della 31^ edizione del Metarock Festival al Parco della Cittadella di Pisa, con Daniele Silvestri e il suo Acrobati Tour. Ad aprire il concerto i Fangoraro e i Betta Blues Society

Daniele SilvestriAlle 20:15 circa salgono sul palco i Fangoraro, storica band pisana, con la nuova voce di Angelique. A seguire un’altra band locale che il Metarock lo conosce già bene, i Betta Blues Society: l’inconfondibile voce di Elisabetta Maulo, Lorenzo Marianelli, chitarra, dobro e ukulele, Fabrizio Balest al contrabbasso e Pietro Borsò alle percussioni.

Dopo qualche veloce cambio di palco alle 22:00 in perfetto orario, le luci si spengono, un genio grida “Bis!” e sale sul palco Daniele Sivestri, seguito dalla sua band.

Le ragazze del fanclub davanti a me, in prima fila, lo accolgono a grandDaniele Silvestrii voci. “Marzo 3038″ è il brano destinato ad aprire ogni suo concerto di questo tour, in cui Daniele Silvestri sta portando a spasso su un filo i suoi 22 anni di carriera con “Acrobati”, l’ultimo suo album uscito a Febbraio scorso, da lui stesso ritenuto il suo lavoro più maturo. Non a caso la scelta del secondo brano cade su “La mia casa”, traccia di apertura del disco. Negli occhi di Silvestri la gioia quando canta della sua Roma, anche se per oggi, come dice lui, la sua
casa è qui a Pisa. Non può mancare anche “Quali alibi”, per scaldare un po’ gli animi e sfidare con lo scioglilingua del brano la folla, che però se la cava senza difficoltà. Nel frattempo tanti aereoplanini rossi di carta volano sul palco.

Poi decide di semplificare gli accordi e raccontare di quell’innamoramento davanti a un semaforo rosso di “Che discorsi” per poi passare
al viaggio in Puglia di “Me fece mele a cape”  con Gianluca, il tastierista che lo segue da anni in tour. Ma questa sera Silvestri non è sempre da solo a cantare: inizia una cover, “Babilonia”, di Antonio Diodato, che sale sul palco con quello che non si potrebbe per niente definire “un filo di voce”, che con fierezza canta lì con Daniele quel pezzo che l’ha portato secondo tra le nuove proposte di Sanremo 2014. Diodato non è lì per caso però, rappresenta solo una delle tante partecipazioni con cui Daniele Silvestri ha voluto arricchire “Acrobati” e non possono che cantare insieme, proprio come nel disco, “Pochi giorni”.

Daniele SilvestriNon possono mancare i grandi successi del passato, dalla dolcezza di “Strade di Francia”, a “Sempre di domenica”, passando per le 4850 “cose in comune” e l’ancora attuale “Precario è il mondo”. L’atmosfera si calma, Daniele Silvestri passa dalle chitarre al pianoforte, per raccontare la storia de “L’appello”, mentre tanti cartoncini rossi vengono sventolati da tutta la folla, come simbolo dell’agenda rossa in omaggio a Paolo Borsellino. Silvestri ringrazia commosso per il gesto, mentre nel frattempo le luci si abbassano e il protagonista della serata lascia il palco per qualche secondo per ritornare con in mano una sedia e in testa un cilindro: l’atmosfera si è placata abbastanza ed è quella giusta per “Acrobati”, la title track del disco che Daniele Silvestri sta portando in tour. Si dà spazio anche ad altri brani dell’album e l’inconfondibile folta chioma di Caparezza accompagna Silvestri dallo schermo sullo sfondo del palco, facendo “levitare la pressione” con “La Guerra del Sale”.

Dopo gli immancabili nuovi brani, è l’ora di rifare un tuffo nel passato: “A bocca chiusa” emoziona il pubblico, con il video del linguaggio dei segni sullo sfondo e Silvestri tiene a precisare di quanto sia ingiusto che questa lingua non sia ancora stata ufficializzata. Porta sul palco di questa prima serata del Metarock con un filo di vergogna e un velo di timidezza “L’uomo col megafono”, il suo vecchio successo di Sanremo Giovani ’95 “Voglia di gridare”, la grinta di “Voglia di Gridare”, la celebre “Gino e l’Alfetta”, facendo di nuovo spazio a Diodato che anima il palco durante “Salirò” mentre tutto il pubblico della cittadella accompagna in coro.

Daniele SilvestriCome in ogni concerto che si rispetti, per quanto banale possa essere, non può mancare l’uscita dal palco di tutta la band, per dare la possibilità ai fan di chiedere il bis, ma Daniele Silvestri non è uno che se lo fa chiedere più di tanto e poco dopo torna in scena, accompagnato sullo schermo da quelli che più che colleghi potremmo chiamare “amici”, Niccolò Fabi e Max Gazzè, per “Life Is Sweet”, il singolo del loro lavoro a sei mani. Il tempo però stringe, non c’è spazio per molte altre canzoni, Silvestri lancia un tappo sulla folla: chi lo prende deciderà il prossimo brano. La scelta cade nelle mani di una ragazza ed è quasi scontato dire che parte l’immancabile “Occhi da Orientale”, che sarebbe dovuta essere la penultima canzone. Le ragazza “testarde” del fanclub però non sono soddisfatte. Sono passate quasi due ore e mezza, i 48 anni di Daniele Silvestri non si fanno per niente sentire , o almeno non lo da a vedere: accontenta il pubblico con “Testardo”, per chiudere con “Cohiba”, il brano con cui da anni tiene a tenere per ultimo in ogni suo concerto, anche se si sfora e c’è il rischio che gli stacchino la corrente.

La serata finisce così, con i salti della folla sull’ultima canzone, i ringraziamenti della band e uno sguardo compiaciuto e soddisfatto di Daniele Silvestri.

La soddisfazione è reciproca, perchè caro Daniele, “io so’ de marmo, ma tu m’hai sbriciolato”.

post di questa categoria

Musica W 2017 - Manifesto

Musica W Festival 2017...

Musica W Festival 2017 – TUTTE LE INFO

ATP (16)

eventi in Toscana: Mus...

eventi in Toscana: Music W Festival e non solo | ATP #91

Copy of Copy of ON POINT (9)

Demography #218 –...

Demography #218 – Mixtape | Da Actress a Clap! Clap!

ON POINT (10)

Demography #217 –...

Demography #217 – mixtape | Ninja Tune & More

ultimi post caricati

ATP (17)

eventi in Toscana week...

eventi in Toscana weekend: Pollege Festival e altro ancora | ATP #92

ATP (13)

eventi in toscana: Dj ...

eventi in toscana: Dj Gruff feat. Gianluca Petrella e tanto altro| atp #89

Dipartimento di Giurisprudenza Unipi

Giurisprudenza cambia ...

Giurisprudenza cambia verso: variano distribuzione esami e tirocinio

daground

DAGROUND 2k17 – ...

DAGROUND 2k17 – Interviste dal campo

Commenti