Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

DEMOCRAZIA DIGITALE – LA POLITICA ONLINE

Pisa – Con l’avvento dei computer sono cambiate molte cose: il modo di parlare, di sentirci un gruppo e di comunicare. Tutti ci sentiamo più vicini gli uni agli altri adeguandoci ad una nuova era che ci ha portato dai romantici mandolini sotto le finestre delle ragazze, ai flirt attraverso uno schermo digitale; da passare le ore in biblioteca per una ricerca, a scorrere comodamente wikipedia in pochi minuti.

Dopo aver cambiato il nostro modo di vivere, i computer (social network, internet ecc.) stanno modificato il concetto stesso di democrazia, portando la gente più vicina alla possibilità d’interferire ed interagire con le decisioni di un parlamento elettivo. Questo nuovo fenomeno, che ormai da qualche anno si sta facendo sempre più strada all’interno di alcune nazioni, viene chiamato Democrazia Digitale.

Un fenomeno che però stenta a decollare, come dichiarato dal giornalista e studioso Fabio Chiusi durante la presentazione del suo nuovo libro Critica della Democrazia Digitale presso la Libreria Feltrinelli  all’Internet Festival 2014.

Nel suo libro Chiusi narra le grandi possibilità della rete d’aumentare la partecipazione dei cittadini nella vita politica, come in Finlandia dove avevano dato la possibilità ai cittadini di presentare proposte di legge al parlamento con almeno 50.000 firme digitali. Possibilità che si è scontrata però con il sentimento parlamentare di dover votare proposte di legge nate al di fuori dell’aula, perdendo così il monopolio d’iniziativa legislativa. Di conseguenza sono state bocciate tutte le proposte di legge pervenute, decretando un sostanziale fallimento dell’esperimento finlandese.

In Italia, come spiega Chiusi, il M5S è stato il primo a sperimentare questa forma di democrazia in maniera attiva e propositiva, che ha scaturito grande interesse tra i cittadini. Dai dati del Censis di Giugno 2013 però risulta che questa possibilità non ha riavvicinato la popolazione alle urne, mantenendo comunque elevato il livello d’astensionismo nel paese e di scetticismo verso la politica.

Così come Italia e Finlandia, anche altri stati, come Stati Uniti, Germania e Islanda, stanno provando a far emergere questa nuova democrazia, cercando di trasformare la politica in politica 2.0, percorrendo una strada difficile che forse non siamo ancora pronti ad intraprendere ma che sa tanto di futuro.

Giacomo Corsetti per Radioeco

post di questa categoria

DSC_1222

Romics ed. autunnale 2...

Romics ed. autunnale 2019 NerdEco#71

DSC_1128

San Marino Comics 2019...

San Marino Comics 2019 NerdEco #70

DSC_0645

Festa dell’ Unicorno...

Festa dell’ Unicorno 2019 NerdEco #69

INTESTAZIONE FAT FAT FAT

RadioEco goes to FAT F...

RadioEco goes to FAT FAT FAT Festival

ultimi post caricati

C

C’era una volta ...

C’era una volta a… Hollywood: la recensione

Chiara Ferragni

Chiara Ferragni –...

Chiara Ferragni – Unposted, la recensione

La casa di carta

La casa di carta parte...

La casa di carta parte 3: la recensione

Sam Smith

Sam Smith, Stormzy, Gi...

Sam Smith, Stormzy, Giaime & molto altro | Demography #430

Commenti