Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Demography #220 | Godblesscomputers & more

Arriva settembre e Demography sbarca su Spotify con le sue playlist: si va da Godblesscomputers a Blind Willie Johnson, con un po’ di dischi di cui sentirete parlare nelle prossime settimane.

Per prima cosa aprite Spotify, cercate Demography, fate click su Follow e poi mandate in play questa playlist.

Si parte da Godblesscomputers, poi le Ibeyi, poi Obongjayar; si chiude con Mount Kimbie, Gosthpoet e Blind Willie Johnson. Si passa anche dall’Africa e da Los Angeles, dall’elettronica alle slide guitar.
Mettetevi comodi.

Dopo misteriosi teaser senza annunci, un video live (con la band) e un po’ di strategie per far salire l’hype finalmente possiamo ascoltare un brano dal nuovo disco di Godblesscomputers. Si chiamerà Solchi ed uscirà l’8 settembre per Fresh YO! e Tempesta Dischi. Le coordinate su cui si muove il brano, Just Slow Down, sono ormai il tratto distintivo delle produzioni di Godblesscomputers: hip hop dilatato, sintetizzatori, “campionamenti organici” e vocali, con in aggiunta un pizzico di autotune. Un’ottima partenza che invita a “darsi una calmata” (preziossimo).

Godblesscomputers - Solchi

Godblesscomputers – Solchi

Dalle atmosfere delicate di Godblesscomputers passiamo alle Ibeyi. Il duo franco-cubano torna con il brano Deathless che, con il suo videoclip, anticipa l’album Ash, in uscita il 29 settembre per XL Recordings. Realizzata in collaborazione con Kamasi Washington. Un brano che è un po’ come essere abbracciati da un orso.

Passiamo ora a Moses Boyd, uno dei principali esponenti della nuova scena jazz che arriva da Londra. La Boiler Room lo invita a prendere lezioni da Tony Allen, Four Tet lo suona nei suoi dj set e Gilles Peterson l’ha nominato come “il nuovo Art Bakley”. Lo potete ascoltare prima nelle vesti di produttore per Obongjayar (che bomba è Endless?) e Zara Mc Farlane (anche qui, il disco esce a settembre per la Brownswood) e infine un suo brano, dall’ultimo EP “Absolute Zero”.

Ibeyi - Ash

Ibeyi – Ash

Un estratto dall’ultimo EP di Mo Kolours, “Meroe” uscito quest’estate su 22a, ci porta dall’Inghilterra all’Africa.
Andiamo in Ruanda, per ascoltare un estratto dall’ultima raccolta della Glitterbeat Recordings. Si tratta di una raccolta di canti della popolazione Abatwa (Pigmei) dal titolo “Abatwa (The Pygmy)  Why Did We Stop Growing Tall?”. Anticipato da questa testimonianza video, vi invito a leggere (qui) tutte le informazioni su questo lavoro.

Abatwa The Pygmy - Why Did We Stop Growing Tall

Abatwa The Pygmy – Why Did We Stop Growing Tall

Cambiamo genere: l’8 settembre esce il terzo lavoro di Indian Wells, a metà tra ambient ed elettronica, per l’etichetta di Los Angeles  “Friends Of Friends” e sempre da Los Angles arriva anche Nosaj Thing, che pubblicherà (sempre l’8 settembre) il suo disco Parallels, da cui ascoltiamo U G.

Se per caso non l’aveste notato, l’8 settembre usciranno un sacco di dischi.

Tra questi ci sarà anche il nuovo disco dei Mount Kimbie “Love What Survives” (Warp Records). Il duo elettronico londinese ospita nel disco gente come James Blake e King Krule, che potete ascoltare nel singolo Blue Train Lines. Il disco di Gosthpoet è invece uscito il 18 agosto, si chiama Dark Days + Canapés e potete ascoltare il primissimo singolo estratto “Immigrant Boogie”.

Mount Kimbie

Mount Kimbie

In chiusura una mia scoperta recente: Blind Willie Johnson.
Musicista afroamericano degli anni ’30, con una vita non esattamente facile, morto di malaria del 1945. Da vivo non ebbe un grandissimo successo ma venne poi riscoperto durante gli anni ’60/’70 da gente tipo Bob Dylan ed è uscito a maggio, grazie ad un al programma American Epic, una raccolta con tutti i brani registrati da Blind Willie Johnson nella sua carriera.
Spiritual, slide guitar e voce potente, per una ricerca nelle radici della musica moderna.

Blind Willie Johnson

Blind Willie Johnson

Playlist

Godblesscomputers – Just Slow Down

Ibeyi – Deathless (ft. Kamasi Whasington)

 Obongjayar – Endless

Zara Mc Farlane – All Africa

Moses Boyd – After Tomorrow

Mo Kolours – Margoze

Ruth MiramfumukoyeWhy Did We Stop Growing Tall

Indian Wells – Forest Hills

Nosaj Thing – U G

Mount Kimbie – Blue Train Lines (ft. King Krule)

Gosthpoet – Immingrant Boogie

Blind Wille Johnson – Dark Was The Night, Cold Was The Ground

post di questa categoria

bjork ind and wine colapesce

Colapesce, Iron &...

Colapesce, Iron & Wine e Björk | Demography #222

Ammore e Malavita

Recensione: Ammore e M...

Recensione: Ammore e Malavita – RadioEco

ATP (21)

eventi in toscana: jaz...

eventi in toscana: jazz e tanto altro | atp #96

ON POINT (12)

Demography #221 | Senn...

Demography #221 | Senni, Mana & More

ultimi post caricati

andrea-bocelli-cieco

Bocelli al “Robo...

Bocelli al “Robotics Pisa 2017″

disabilità

Riabilitazione Robotic...

Riabilitazione Robotica e disabilità

21369202_1459686247455704_2765862834516775347_n

“I robot sono (già)...

“I robot sono (già) tra noi” alla Stazione Leopolda

21369086_1458170454273950_3935959977150986174_n

Robotics Pisa 2017 e l...

Robotics Pisa 2017 e la sua cerimonia inaugurale

Commenti