Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Demography #54 Nicolas Winding Refn, Youth Worship, Digital Leather

Nicolas Winding RefnAvete presente Nicolas Winding Refn? Esatto, il regista di Drive, in cui Ryan Gosling parlava a fatica. Che film meraviglioso. Lui così solitario, notturno e introverso, che si innamora di Carey Mulligan, già sposata ma col marito in carcere. Bellissimo, ma non divaghiamo: Refn prima di Drive (e dunque prima di vincere la Miglior Regia a Cannes 2011) nel 2008 ha girato Bronson, altra perla cinematografica dalle tinte più estreme e feroci. È la vera storia del criminale Michael Gordon Peterson (soprannominato appunto Charles Bronson, e interpretato da uno strepitoso Tom Hardy), celebre per aver passato oltre trent’anni dietro le sbarre, in isolamento. Essendo un regista stilosissimo, sfodera sempre palpitanti colonne sonore di gran classe. E qui arriviamo al punto: quella di Bronson non è stata mai commercializzata per il grande pubblico (fu resa disponibile solo un’edizione limitata nel periodo di uscita nelle sale). Fortuntamente Milan Records si è accorto di questa imperdonabile lacuna e il 9 giugno farà giustizia con la pubblicazione di Bronson: Original Motion Picture Soundtrack.
La tracklist è aperta dall’elettro-pop di Glass Candy con Digital Versicolor, per poi proseguire con New Order, Pet Shop Boys ma anche con composizioni classiche di Giuseppe Verdi, Richard Wagner e Anton Bruckner. Imperdibile.

Per più di 10 anni James Hanna ha militato negli Asobi Seksu, influenzati dallo shoegaze dei My Bloody Valentine e dalle schitarrate dei Sonic Youth. Ora invece si presenta con un nuovo progetto, Youth Worship, dalla potenza abrasiva notevolmente superiore. Eternal Scene è il primo singolo che anticipa l’album omonimo (in uscita il 30 giugno per Self Harm Records): un crescendo deforme e bestiale contraddistinto da suoni primitivi ed essenziali. Un pugno nello stomaco degno dei migliori MC5, tant’è che sarebbe perfetto all’interno della soundtrack di I Love Radio Rock.

A volte ritornano: i Digital Leather, ora impegnati nel tour primaverile, hanno annunciato un nuovo album previsto per il 23 giugno per FDH Records. Si intitola All Faded, e vede le collaborazioni di membri di Lost Sounds, Destruction Unit e Soft Moon. La traccia anticipatrice, Face To The Wall, infonde sensazioni contrastanti. Da una parte l’indubbia immediatezza frutto della classica struttura strofa/bridge/ritornello, dall’altra tutte le controindicazioni del synth-punk. Anche se la linea di basso ispirata dai Joy Division saprà coinvolgere anche i meno amanti del genere.

post di questa categoria

Kelela - Take Me Apart Remixes

St Vincent, Kelela, No...

St Vincent, Kelela, Noname | Demography #302

ADVENTURE CLUB (1)

Generic Animal al Lumi...

Generic Animal al Lumiere e tanti altri: gli eventi in Toscana | ATP #148

Capibara

Capibara, /handlogic, ...

Capibara, /handlogic, Gold Mass & more | Demography #301

Mirai: la recensione d...

Mirai: la recensione dell’anime firmato Mamoru Hosoda

ultimi post caricati

D14F35A6-F64D-471E-AE24-FA907AAC3FCF

Conferenza Stampa-Navi...

Conferenza Stampa-NavigArte, Comune di Pisa

IF2018 - “Fake: una storia vera” con Martina dell'Ombra

IF2018 – “Fake...

IF2018 – “Fake: una storia vera” con Martina dell’Ombra

Blade Runner

IF2018 – Blade R...

IF2018 – Blade Runner (The Final Cut) @ Cinema Arsenale

Ph: Irene Camposano

IF2018 – Affront...

IF2018 – Affronta il Pac-Man: una sfida all’ultimo puntino.

Commenti