Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Dre Love al Senza Filo: “Se giudico la musica attuale poi sembro un guastafeste”

Dre Love live al Senza FiloChe storia magnifica c’è dietro Mr. Andre Halyard a.k.a Dre Love. Praticamente uno degli avamposti leggendari dell’hip hop italiano importato direttamente dal Queens. Da oltre vent’anni lo vediamo in giro per tutte le situazioni migliori che l’Italia offre in termini di scena rap, dai tempi gloriosi dei Radical Staff sino alle ultime uscite come progetto solista, di cui ricordiamo l’ottimo EP “Get a Dicktionary” (2012).

Non era però da solo alla finale del Senza Filo Music Contest, infatti si è portato dietro la sua band di fiducia, che per l’occasione ha confezionato sotto una veste unica – radicalmente acustica, se si esclude un mini altoparlante – il repertorio del rapper newyorkese che anche il grappolo di cover che ha proposto durante il live.

Inutile dire che il groove l’ha fatta da padrone, portando il rap, il funky, il soul alle loro origini prettamente tribali, con un ritmo che ha incantato e trascinato il pubblico del Senza Filo. Niente tastiere… solo un pianoforte. Niente basi, solo il coro delle francesi ‘A Genchina – vincitrici peraltro del Senza Filo. E per corredo tutta una serie di tricks e secchi a fare da cassa di risonanza per la voce. In più si segnala la featuring punk di un ubriaco che prende possesso del pianoforte. Non un semplice concerto, ma una performance futurista. E poi c’era lui, Dre Love con il suo flow che non perdona.

Bellissime anche le versioni personalizzate di “Move on up” di Curtis Mayfield, l’evergreen “Ain’t no sunshine” di Bill Withers e “Hard To Handle” di  Otis Redding con cui la band di Dre Love si è messa alla prova, superando egregiamente ogni aspettativa. 

Alla fine della lunghissima serata conclusiva del contest più unplugged che c’è, siamo andati a chiacchierare direttamente con Dre Love. Erano le due e mezzo di notte, ma c’era ancora tutta la necessaria lucidità per dissertare di hip hop attuale, di progetti futuri e di mancanza di casa. Con tanto di saluto finale a Radioeco!

 

Intervista a cura di Giuseppe F. Pagano

post di questa categoria

Medea di Ronconi - Foto di Umberto Favretto

Medea di Luca Ronconi ...

Medea di Luca Ronconi al Teatro Verdi

coverlg_home

Gatta Cenerentola al C...

Gatta Cenerentola al Cinema Arsenale

"Loving Vincent"- Vincent Van Gogh

Vincent Van Gogh: dall...

Vincent Van Gogh: dalla tela al grande schermo

kaos godblesscomputers

Eventi della settimana...

Eventi della settimana: Godblesscomputers e tanto altro | atp #101

ultimi post caricati

kraftwerk c2c

Kraftwerk – R...

Kraftwerk – “The Man Machine” | Artwork della domenica

godblesscomputers

Godblesscomputers @ Th...

Godblesscomputers @ The Cage [ report ]

kaos

Kaos e Dj Craim @ Depo...

Kaos e Dj Craim @ Deposito Pontecorvo [report]

IT

IT Il film è arrivato...

IT Il film è arrivato nei cinema italiani

Commenti