Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Fiumi di soldi per il Sì- il caso De Luca

image

“Il 4 dicembre ci giochiamo l’Italia, se le cose vanno male l’esito sarà imprevedibile”: è la frase sulla bocca di tutti gli italiani a meno di due settimane dal referendum. Ma queste esatte parole non sono state pronunciate da un normale cittadino a cui sta a cuore il destino democratico del proprio paese, ma dal governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che per completezza intellettuale ha aggiunto “a me interessa che manteniamo la Campania unita sugli interessi fondamentali, al di là delle bandiere di partito”.

Questi frammenti non sono tratti da un’ordinaria dichiarazione rilasciata a qualche testata giornalistica, bensì da un monologo- reso pubblico dal FattoQuotidiano- di 25 minuti tenuto da De Luca a porte chiuse martedì 15 novembre all’Hotel Ramada di Napoli, per il diletto di trecento amministratori locali campani. A quali interessi fondamentali è chiamata a rispondere la sala dei 300? Naturalmente alla vittoria del . Ma questa, al contrario di come i più ingenui potrebbero pensare, non è inseguita per coincidenza di veduta con il partito madre, “noi non abbiamo mai avuto un accidente di niente, né coi governi di centrodestra, né di centrosinistra”: sottolinea l’ex sindaco di Salerno, per evitare qualsiasi tipo di fraintendimento. La priorità per il momento è portare quanti più cittadini del proprio comune a votare, anche al caro prezzo di offrire cene e gite in barca, non come risposta al diritto e al dovere di recarsi alle urne, ma per pura galanteria e riconoscenza verso il grande benefattore che, a detta di De Luca, ha indirizzato alla regione “fiumi di soldi: 2 miliardi e 700 milioni per il Patto per la Campania, altri 308 per Napoli, nonostante qualche squinternato. Ancora 600 milioni per Napoli. Che dobbiamo chiedere di più?“.

Nel frattempo, mentre la bomba mediatica esplode, il premier prende le distanza dai metodi deluchiani ma ne esalta l’efficacia: “Non condivido i metodi di Vincenzo De Luca, ma se tutto il Sud fosse stato amministrato come Salerno, avremmo un punto di Pil in più”. “Dietro ogni scemo c’è un villaggio”, si potrebbe dire, intendendo non l’incomunicabilità e il disagio del protagonista dell’epitaffio di Lee Masters, messo in musica anche dal Faber De Andrè. Qua si tratta dell’incapacità comunicativa- non solo quella- e la completa assenza di pudore di individui chiamati a rappresentare la moltitudine e a deciderne le sorti, ai quali il villaggio perdona tutto, perfino frasi di questo tipo. In fondo, se in campo internazionale l’Italia ha fama di essere “un piccolo e volgare paese”, la colpa non è della Costituzione, la quale ha solo meriti.

Costantino De Luca per Radioeco

 

post di questa categoria

clap clap band

eventi in Toscana: Cla...

eventi in Toscana: Clap Clap Band e molto altro | ATP #114

aphrodite al deposito pontecorvo

eventi in Toscana: Aph...

eventi in Toscana: Aphrodite al Deposito Pontecorvo e molto atro| ATP #112

Capodanno 2018 in Toscana

Capodanno 2018 in Tosc...

Capodanno 2018 in Toscana: concerti e molto altro| ATP #111

Cous Cous Klan - Anteprima nazionale

Cous Cous Klan –...

Cous Cous Klan – Anteprima nazionale

ultimi post caricati

Cranberries

The Cranberries, To Th...

The Cranberries, To The Faithful Departed | Artwork della Domenica

django

Django Django, Joan As...

Django Django, Joan As Police Woman & more| Demography #250

Ogni storia è una storia d'amore

Ogni storia è una sto...

Ogni storia è una storia d’ amore

Ph. Feltrinelli.it

NerdEco #5 “Mace...

NerdEco #5 “Macerie Prime” di Zerocalcare (la recensione)

Commenti