Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Florence + The Machine, “Lungs” | Artwork della Domenica

Dopo qualche settimana di riposo, torna l’Artwork della Domenica di Radioeco, e per festeggiare il ritorno anche dei Florence + The Machine, oggi parliamo proprio di loro e della copertina di “Lungs”.

florence4

La prima volta che ho visto Florence Welch ne sono rimasta ammaliata. Guardare l’artista britannica è esattamente come osservare un quadro del Preromanticismo, un volto che se fosse leggermente più tondo, sembrerebbe essere dipinto da Raffaello. In particolare, la mia mente si è collegata subito ad una pagina del mio libro di letteratura inglese delle superiori: ricordo questa pagina dedicata a Keats, in cui era stampata la ballata La Belle Dame Sans Merci, e in fondo era presente un dipinto di una donna dai capelli ramati, lunghissimi e ondulati, a cavallo, vestita con un abito rosso dai motivi naturali, stava in piedi a sistemare la sua acconciatura mentre ai suoi piedi giace il gelido corpo del cavaliere prigioniero di un incubo. La ballata di Keats sarà ripresa nelle arti figurative più volte, anche dai preraffelliti, corrente artistica che sembra aver dato i natali in anticipo a Florence Welch.

florence belle dame

Il forte richiamo all’arte nell’estetica di Florence Welch potrebbe sembrare un caso, ma non lo è. La cantante è stata influenzata dalla madre, studiosa dell’arte rinascimentale e professoressa della Queen Mary di Londra, strada che aveva inizialmente intrapreso anche Florence, iscrivendosi al Camberwell College of Arts, per poi abbandonarlo.

Lungs è il primissimo album della formazione Florence + The Machine, e racchiude ormai classici della loro discografia come Dogs Day Are Over, You’ve Got The Love. Entrambi questi due singoli sono un esempio della particolarità di Lungs. Brani pop, con molte influenze rock, tra ritmi frenetici e non, anche i testi più dark del disco emanano una ventata tutta primaverile, accompagnata da fiori e luci. Il primo è un’autentica rivelazione sin dalle primissime note, ha un arrangiamento originale che riesce a restare in testa senza essere invasivo. La voce di Florence scorre sugli strumenti toccandoli leggermente e in modo morbido, dimostrando tutta la sua bellezza, la sua estensione e soprattutto il suo talento. Il videoclip è poi un piccolo capolavoro che presenta al mondo il favoloso universo di Florence + The Machine.

Difficile non perdersi parlando dell’estetica cangiante e curatissima dei Florence + The Machine, quando la cantante in primis sembra uscita da un libro di fate ambientato a Woodstock, ma arriviamo all’artwork di Lungs.
Come dice il titolo stesso del disco, i polmoni sono l’oggetto verso cui si pone tutta l’attenzione dell’artwork del disco.  In copertina compare Florence con indosso un vestito trasparente fatto di frange che mettono in bella mostra dei polmoni artificiali posizionati sul petto della cantante. Dopo che Lungs è stato nominato per un Mercury Prize, si scoprì che Orlando Weeks della band britannica The Maccabees è stato quello dietro l’effettiva creazione dei finti polmoni che coprivano il petto di Welch, legati con un nastro al suo collo bianco. I capelli ramati sono raccolti in un’acconciatura che vuol sembrare poco curata quando non lo è, delle ciocche laterali e una frangetta coprono il viso di Florence, immortalato da Tom Beard di profilo, non guarda in camera. Gli occhi sono chiusi, la bocca semiaperta, le mani sulle spalle, la Welch sembra davvero la versione dark e preromantica di una principessa Disney, circondata da uccellini e da uno sfondo naturale.

florence +themachine

L’idea dietro l’artwork di Lungs arriva direttamente da Florence, elaborata insieme alla direzione artistica di Tabitha Denholm. Ma la fotografia ha preso vita solo attraverso la lente del fotografo Tom Beard. È uno scatto assolutamente magico, che cattura la meraviglia naturale e il potere alla base della musica dei Florence + The Machine.

 

Grazia Pacileo

post di questa categoria

Quietwater

Quietwater, Cactus? &a...

Quietwater, Cactus? & more | Demography #308

le luci della centrale elettrica

Le Luci Della Centrale...

Le Luci Della Centrale Elettrica @ Obihall

demography

Mudhoney, J Mascis, Ee...

Mudhoney, J Mascis, Eerie Wanda & more|Demography #307

alessio bondì

Alessio Bondì, La Rap...

Alessio Bondì, La Rappresentante di Lista & more | Demography #306

ultimi post caricati

DSC_7497

Pisa Vintage 2018: nuo...

Pisa Vintage 2018: nuovo successo per la fiera del vintage

4362142973_41e74dbc81_b

Aggiornare il corso di...

Aggiornare il corso di comunicazione L-20? Capiamo la nuova proposta

foto di Cinema Arsenale

“Il ragazzo più...

“Il ragazzo più felice del mondo” – Intervista a Gipi

naip

NAIP + Baby Dee @Lumie...

NAIP + Baby Dee @Lumiere [ report e intervista ]

Commenti