Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Gene Wilder, “taffetà” caro Dott. Frankenstein

gene-wilder

Se n’è andato, all’età di 83 anni, Gene Wilder: attore, sceneggiatore e regista di fine talento che ci ha regalato interpretazioni memorabili come quella del Dott. Frankenstein in “Frankenstein Junior” di Mel Brooks.

Quando una personalità come Gene Wilder ti lascia, è inevitabile che qualcosa dentro ognuno di noi sembra venire a mancare. Non era un amante dei riflettori Gene Wilder. Anzi, molti lo ricordano ingiustamente solo come “quello di Frankenstein Junior.  In casi come questi, non importa tanto conoscerne il nome, quanto ricordare quello che quest’uomo è riuscito ad essere nell’immaginario collettivo per almeno tre generazioni.

Gene Wilder era semplicemente uno di famiglia. Un fine talento plasmato tra lezioni di teatro e Actors Studio, entrato nelle case di tutti noi attraverso dei ruoli all’insegna dell’ironia e della genuinità rimasti ormai nella leggenda del cinema comico come quello del Dott. Frankenstein in Frankenstein Junior di Mel Brooks, il regista che ha segnato maggiormente la carriera attoriale di Gene Wilder . Tutti noi siamo cresciuti tra unFrau Blucher” e un “Si può fare!” mentre un fantastico Marty Feldman (Igor) garantiva cervelli “ab norme” e pioggia quanto le risate. E ogni volta il divertimento era assicurato. Non importava quante volte tu vedessi Frankenstein Junior. Ogni volta era come se fosse la prima. Ormai è un passo obbligato della nostra crescita, e lui ne è il protagonista.

Attore, sceneggiatore e poi regista (senza grande fortuna a dire la verità), Gene Wilder è ricordato non solo come Dottor Frankenstein ma pure per essere stato pistolero alcolizzato in quel quadro satirico e anti-razzistico che fu Mezzogiorno e Mezzo di Fuoco e Willy Wonka per quello che non fu un successo immediato ma la piú classica delle riscoperte cinematografiche ad anni di distanza. Senza dimenticare la sua esperienza con Woody Allen in Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso.

Con la sua scomparsa ne se va un altro pezzo di quel cinema americano lontano dai riflettori di Hollywood e che grazie a questa lontananza ha creato la sua fortuna, puntando tutto sulla semplicità e sul talento libero da qualunque vincolo di produzione o commerciale. Taffetà, caro Gene. E questa volta non si tratta di una marca d’abbigliamento.

Giacomo Corsetti

post di questa categoria

ATP (8)

eventi della settimana...

eventi della settimana – atp #85: Arno Vivo, Pistoia blues e Firenze rocks

Copy of Copy of ON POINT (5)

Radiohead, Populous &#...

Radiohead, Populous & More | Demography #210

pantesca

Insalata Pantesca

Insalata Pantesca

radiohead oknotok

Radiohead, “OKNO...

Radiohead, “OKNOTOK” – Artwork della Domenica

ultimi post caricati

764d0be37628ec0b028eeaf030cc7aab

Steamcon 2017, lo Stea...

Steamcon 2017, lo Steampunk a Pisa

erew

Kinzica Fantasy prima ...

Kinzica Fantasy prima edizione

Presentazione "Da Cassino ad Hollywood" - Promovie (foto @Promovie)

Cos’è Promovie?...

Cos’è Promovie? – “Da Cassino ad Hollywood” @LaFeltrinelli

Pixel 45 giri

45 giri in Gipsoteca &...

45 giri in Gipsoteca – serata conclusiva

Commenti