Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Ghost-Note @ Lumiere [ report ]

Dire che i Ghost-Note ieri hanno buttato giù il Lumiere è sminuire il live a cui abbiamo assistito. Per chi non c’era, si prepari a mangiarsi le mani fino ai gomiti, per essersi persi l’evento firmato Pisa Jazz.

Ghost -Note@lumiere (1)

I Ghost-Note, nuovo progetto di Robert “Sput” Searight e Nate Werth, artisti pluripremiati ai Grammy Awards con Snarky Puppy, hanno girato l’Europa per il loro primo tour nel nostro continente, concludendolo proprio ieri sera a Pisa. Oltre a Werth e Searight, il live dei Ghost-Note si avvale di musicisti d’eccezione: Sylvester Onyejiaka e Jonathan Mones (flauto e sassofono), Vaughn Henry (tastiere), Peter Knudsen (chitarra) e Dywane Thomas aka “MonoNeon” (basso).

ghost

Il curriculum vitae di ognuno di loro farebbe impallidire tantissimi artisti. Collaborazioni con Prince, Kendrick Lamar, Snoop Dog, Herbie Hancock, non sono da tutti.
L’ultimo lavoro firmato Ghost-Note è intitolato Swagism, un concentrato di groove incentrato in particolare sulle percussioni, che creano ritmi complessi, e magnificamente incastrati fra loro.

ghost

Ma passiamo al live di ieri sera: sin dal primissimo momento in cui i Ghost-Note sono apparsi sul palco, il pubblico è andato in escandescenze, da quando hanno iniziato a suonare è stato un vero delirio!
Musicisti con la “M” maiuscola, carichissimi, pronti a dare il tutto per tutto nell’ultima serata del tour.

ghost

Davanti a loro un pubblico perso nel funk, in uno spettacolo di qualità altissima, che non smette di chiedere sempre di più.

Ghost-Note@lumiere (15)

Vorrei dirvi che il sassofonista è stato una cosa spaventosa (e già qui ce ne sarebbe da sceglierne uno tra i due), o che le tastiere di Henry, o la batteria di Searight hanno dominato tutto il concerto, la verità è che su quel palco hanno dimostrato tutti di essere qualcosa di incredibile.

Ghost-Note@lumiere (22)

Menzione a parte per MonoNeon: eccentrico nello stile, indubbiamente, in completo contrasto con la sua calma sul palco, quasi surreale rispetto ai movimenti del resto dei Ghost-Note, e con in mano un basso suonato da dio!

ghost

Una band che continua a suonare, fino allo sfinimento, ad avvolgerci in vibrazioni positive, a giocare con sfide strumentali sul palco, ad evocare lo spirito di James Brown in una specie di rito tutt’altro che solenne, figlio della batteria suonata da Searight e dalle percussioni di Werth che ci ipnotizzano con un ritmo mai uguale a se stesso, in continuo divenire, e sempre più entusiasmante da assecondare ballando.

Ghost-Note@lumiere (21)

Per chi si è perso il concerto, non saprei cosa dirvi, è stato uno spreco non aver assistito a un live che in assoluto entra nella categoria “Cose da vedere minimo una volta nella vita”. Vi siete persi l’occasione di farvi un regalo, l’unica cosa che vi resta da fare è aspettare le nuove sorprese del Pisa Jazz che, finora, non ci hanno deluso.

ghost

Grazia Pacileo

post di questa categoria

Beyoncé

Beyoncé, SZA, Madonna...

Beyoncé, SZA, Madonna e molto altro | Demography #384

WØM

WØM FEST 2019 Preview...

WØM FEST 2019 Preview • Le Capre a Sonagli

DSC_9212

Ludicomix 2019 —...

Ludicomix 2019 — NerdEco #63

KAZU

KAZU, The Divine Comed...

KAZU, The Divine Comedy, Sky Civilian & more | Demography #383

ultimi post caricati

Hitchcock

Pisa da brividi: Hitch...

Pisa da brividi: Hitchcock e Universal al Museo dellla Grafica

khalab khalab

Khalab al Pisa Jazz, R...

Khalab al Pisa Jazz, Record Store Day, Caracol e altro | Atp #171

Scherma

Scherma, coppa del mon...

Scherma, coppa del mondo. Italia conferma il podio, oro argento e bronzo

carnì-800x1000

“Cose storteR...

“Cose storte” di Andrea Carnì alla Libreria Pellegrini

Commenti