Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Girl 1.0 ovvero l’annullamento di sé

Che cos’ è 1.0? La metà di 2.0, se la matematica non è un’opinione. In fondo, però, la matematica può essere un’opinione come lo sono la destra e la sinistra: la mia destra, la vostra, la loro? Di chi? In questo caso è di Alessia, la ragazza di 26 anni protagonista dello spettacolo Girl 1.0 (video trailer) andato in scena al teatro S. Andrea di Pisa il 24 Ottobre.

Nata dalla fantasia di Laura Rossi e da lei stessa interpretata, Alessia è l’incarnazione della frivolezza, una ragazza che sogna solo di essere ammirata e di diventare famosa. Alessia non ha una personalità ben definita, si lascia definire dagli altri, non ha talenti o capacità particolari e a stento riconosce, nello spazio, la destra e la sinistra.

Alessia è debole di fronte a quello che il mondo le impone ed è sola. Alessia è l’unico personaggio che compare fisicamente in scena, a farle compagnia c’è solo un’autoritaria voce fuori campo che la guida nei suoi rituali quotidiani e le dà degli ordini. Altre presenze sono evocate e lo spazio è occupato da oggetti di scena essenziali: tutti rigorosamente del suo colore preferito, il fucsia.

1013766_10154730721360313_26340550906089173_n

Alessia in procinto di fare uno spot pubblicitario singolare

Di là da questa dimensione accessoria e patinata non c’ è nulla, o meglio, ci sono tutta la sofferenza e la confusione che la cinica società dell’apparire provoca in chi è più debole degli altri. Ciò accade specialmente nel mondo femminile costretto ad appartenere ad un mondo “cosmetico”, come la spazzola per lo scrub al viso che Alessia deve sponsorizzare: una mise en scène tragicomica che enfatizza ulteriormente l’esasperazione di una donna costretta a spogliarsi di sé stessa, alienata da una condizione artificiale di assurda felicità.

10175995_10154730721645313_5262165857396694592_n

Alessia spogliata delle apparenze su imposizione della voce fuoricampo

Forse, proprio da questa riduzione ai minimi termini della personalità della ragazza deriva la scelta del titolo: Alessia è un 1.0 e nulla di più. Un automa analogico come il vecchio televisore anni ’50 che riempie il vuoto delle sue giornate, quello scrigno catodico depositario, non a caso, di una cultura femminile legata al vissuto domestico, al ruolo della donna perfetta che sorride ben truccata sulle riviste sfoggiando il suo nuovo elettrodomestico.

Questa è solo una delle tante chiavi di lettura che rendono merito alla grande prova attoriale di Laura Rossi. Il talento dell’attrice emerge dalle espressioni folli e caricaturate del personaggio. Un uso più che sapiente delle luci mette in risalto la drammaticità della rappresentazione, tanto comica quanto tragica, che ci permette non solo di ragionare sull’animo umano e sulla società, ma anche di divertirci. Bella anche locandina che si fregia di un’illustrazione originale di Gipi.

 

10743277_818802428184672_506627417_n

Locandina Ufficiale a cura di GIPI

Lucy Dominijanni e Viola Santiloni

post di questa categoria

DSC_1222

Romics ed. autunnale 2...

Romics ed. autunnale 2019 NerdEco#71

C

C’era una volta ...

C’era una volta a… Hollywood: la recensione

Chiara Ferragni

Chiara Ferragni –...

Chiara Ferragni – Unposted, la recensione

DSC_1128

San Marino Comics 2019...

San Marino Comics 2019 NerdEco #70

ultimi post caricati

Europee

Europee 2019: le elezi...

Europee 2019: le elezioni dal punto di vista dei social

caracol

Maggio frizzante: jazz...

Maggio frizzante: jazz, poetry slam e spettacoli! #atp 175

Cattura

Giornata mondiale libe...

Giornata mondiale libertà di stampa, convegno in memoria di Antonio e Bartek

DSC_9299

Expo Motori 2019, a Po...

Expo Motori 2019, a Pontedera la 14ª edizione

Commenti