Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Glen Hansard e Lucca. Una storia d’amore nata tra i vinili

Glen Hansard a LuccaSe per tutta la vita insegui un sogno, lavorando su quella che è la tua passione, è possibile che un giorno lo stesso sogno si palesi di fronte alla porta del tuo negozio e faccia capolino all’interno, per vedere se stavate per caso parlando di lui, giusto per scambiare due parole.

E’ questo quello che è successo a René Bassani, titolare di un negozio di dischi (e non solo) nel centro di Lucca: lo Sky Stone & Songs, libero territorio di musica, arte e cultura, che in un’afosa giornata d’estate si è visto piombare in negozio un Glen Hansard in fuga dalle proprie canzoni fra le colline lucchesi, il quale, avendo riconosciuto un suo brano non ancora inciso, suonato in un live al Letterman Show, aveva deciso di entrare nel negozio.
I due parlano: feste, abbracci, ringraziamenti e non solo; Glen decide di regalare a René e ai suoi aficionados un piccolo (al tempo stesso enorme) concerto durante la sua vacanza nel bel mezzo della Toscana.

Ma questo è solo l’inizio di una storia bellissima, perché l’intraprendenza del titolare dello Sky Stone non si è fermata a quel piccolo secret concert di Glen Hansard. René e l’artista irlandese continuano a sentirsi e in concomitanza con l’uscita di “Didn’t He Ramble” (Anti-Records) secondo album dopo il meraviglioso “Rythm And Repose” (2012) e del “Lucca Comics And Games”, René decide di unire le sue passioni per la musica ed il fumetto e contattando Fabio Visintin, un grandissimo autore ed illustratore italiano, assembla le proprie idee per confezionare un paio di regali per tutti i suoi clienti: un cofanetto contenente il vinile di “Lowly Deserter” (la canzone che aveva funzionato da esca per Glen, l’estate precedente) illustrata magnificamente da Visintin e un bellissimo incontro con gli autori all’Auditorium San Frediano di Lucca, durante il quale Glen si è esibito presentando brani del nuovo lavoro e perle di rara intensità come “Bird Of Sorrow”.
Un lavoro eccezionale, reso ancora più bello dal fatto che i proventi sono stati interamente devoluti ad “Amnesty International”.

Non posso che concludere ringraziando tutti coloro che hanno realizzato questo meraviglioso lavoro, portandoci a contatto con artisti dotati di un’umanità ed umiltà incredibile, sia per il ruggente Glen Hansard che per il barbuto Fabio, i quali con questo progetto si sono anche mossi per una buona causa, senza dimenticare ovviamente René che è la mente di questo bellissimo vinile/fumetto che mi guarda languido al lato del pc, in attesa che la puntina del giradischi scenda fra le sue bellissime rughe.

Nicola Gaddi

post di questa categoria

todays festival 4

TOdays Festival 2019 |...

TOdays Festival 2019 | Demography #431

Sam Smith

Sam Smith, Stormzy, Gi...

Sam Smith, Stormzy, Giaime & molto altro | Demography #430

viaggi 5

Viaggi infiniti questo...

Viaggi infiniti questo fine luglio: live, flamenco e jazz |atp #181

Spoon

Spoon, Ride, Jenny Hva...

Spoon, Ride, Jenny Hval |Demography #429

ultimi post caricati

Europee

Europee 2019: le elezi...

Europee 2019: le elezioni dal punto di vista dei social

caracol

Maggio frizzante: jazz...

Maggio frizzante: jazz, poetry slam e spettacoli! #atp 175

Cattura

Giornata mondiale libe...

Giornata mondiale libertà di stampa, convegno in memoria di Antonio e Bartek

DSC_9299

Expo Motori 2019, a Po...

Expo Motori 2019, a Pontedera la 14ª edizione

Commenti