Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Grazie Leicester City per aver salvato il calcio da sé stesso

leicester-manager-claudio-ranieri-jamie-vardy-congratulates_3380475

Il Leicester City di Claudio Ranieri si è laureato campione d’Inghilterra per la prima volta nella sua storia al termine di una cavalcata che ha del leggendario.

Il Leicester City di Claudio Ranieri è campione d’Inghilterra. Un’impresa così strabiliante e romanticamente assurda che sarebbe difficile realizzarla anche giocando a Fifa o a Football Manager. Eppure l’ex (a questo punto è proprio il caso di usarlo)”eterno perdente” ci ha regalato una delle pagine di calcio più grandi, inaspettate e belle della storia, e lo fa proprio quando a queste favole calcistiche cominciavamo a non credere più.

Un trionfo che ha il sapore di tempi antichi, quando anche un Verona o un Derby Country potevano avere la presunzione di provarci e magari, con un pizzico di fortuna, di riuscirci. Partito con l’intenzione di raggiungere quella salvezza che l’anno scorso era giunta grazie ad un finale di stagione miracoloso, il Leicester ha meravigliato il mondo. Artefice di questo miracolo quel Claudio Ranieri che a suon di “Dilliding Dillidong” ha conquistato tutta l’Inghilterra  con la propria simpatia e umiltà. E pensare che se non fosse stato per lo scandalo del video nel post-season tour in Thailandia, il tecnico romano non si sarebbe nemmeno seduto sulla panchina delle Foxes.

Una favola che racchiude dentro di sè tante altre favole per la più impronosticabile delle avventure (le scommesse a inizio stagione davano il Leicester vincente a 5ooo/1). Storie come quelle di Mahrez, il genio algerino premiato “calciatore dell’anno” che pensava non esistesse una squadra di calcio a Leicester; oppure degli “scartati” come Drinkwater o Albrighton; passando dall’umiltà di Capitan Morgan, ai miracoli di Kasper Scheimechel fino ai recuperi e ai “poteri d’ubiquità” di Kantè. Ma il simbolo di questa meravigliosa squadra è senza dubbio quel Jamie Vardy che, partito dal lavoro in fabbrica e dai braccialetti elettronici per i problemi penali, ha raggiunto la gloria con quel record incredibile di undici segnature consecutive in Premier League.

Una cavalcata da brivido che ha fatto sognare non soltanto i tifosi del Leicester, ma qualunque appassionato che non fossero supporters del Tottenham o dell’Arsenal. Dalle persone comuni ai personaggi di spicco, come Jose Mourinho e Alessandro Del Piero. Tutti con le Foxes. Il miracolo dei ragazzi di Ranieri sta anche in questo, aver creato la “tifoseria” più grande che si ricordi per un’impresa che va oltre i confini del possibile. La rivincita di un allenatore troppo spesso denigrato ed invece conoscitore di calcio sopraffino come pochi, a cui troppo spesso gli erano state precluse le porte della gloria sportiva. Ma questo trionfo è anche la rivincita del proletariato contro il potere. Del calcio fatto di umiltà e lavoro contro quello fatto di milioni. Del Norwich, del Chievo e del Rayo Vallecano. Una storia che in qualche modo è riuscito a salvare momentaneamente il calcio da sé stesso. Perché ora abbiamo la dimostrazione che i miracoli sono ancora possibili in questo sport dove i milioni non hanno più controllo. Basta crederci.

Più che gli elogi e gli applausi, al Leicester dobbiamo dire “grazie”. Grazie per averci fatto sognare ed emozionare come il calcio non era stato più capace di fare. I nostri padri hanno visto il fenomeno Nottingham Forest vincere due Coppe Campioni e ce lo hanno raccontato con stupore; noi ai nostri figli diremo di aver vissuto il grande Leicester di Claudio Ranieri.

Giacomo Corsetti

post di questa categoria

Alessio Cremonni

Alessio Cremonini e il...

Alessio Cremonini e il successo di Sulla mia pelle: l’intervista

ADVENTURE CLUB

eventi in Toscana: Fir...

eventi in Toscana: Firenze Libro Aperto e molti altri | ATP #145

DSC_4649

Pisa Tattoo Convention...

Pisa Tattoo Convention edizione 2018

San Rossore 1938 ̵...

San Rossore 1938 – Al cinema Arsenale si riflette sull’orrore

ultimi post caricati

sinigallia-any-other

Sinigallia, Any Other,...

Sinigallia, Any Other, Bells Atlas & more | Demography #297

ikillgiants-4

I Kill Giants: la dopp...

I Kill Giants: la doppia recensione – Nerdeco #37

Maribou State

Maribou State, Kelly M...

Maribou State, Kelly Moran & More | Demography #296

La profezia dell'armadillo

La profezia dell’...

La profezia dell’armadillo: la recensione

Commenti