Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

IF2017: NASCI, CRESCI E POSTA – gli smartphone tra i minori

Simone Cosimi e Alberto Rossetti, guidati dal professore Giovanni Ziccardi, discutono dell’uso degli smartphone da parte degli under 13 che, oltre a non essere legale, è sempre più diffuso e porta a considerare i like sempre più fondamentali, tutto ciò considerando l’età piuttosto delicata di questi pre-adolescenti

Non sarà precoce affidare l’utilizzo di uno smartphone ad un bambino di 7-8 anni? Qual è la via di mezzo tra il non-uso e l’uso eccessivo? Che tipo di interpretazione bisogna dare ai selfie? Sono queste alcune delle domande su cui si basa l’evento, che si è svolto al Teatro Sant’Andrea nel secondo giorno dell’Internet Festival, che ha visto come protagonisti il giornalista Simone Cosimi e lo psicanalista Alberto Rossetti moderati dal professore Giovanni Ziccardi.

IF2017: nasci, cresci, posta - l'uso degli smartphone tra i minorenniIF2017: nasci, cresci, posta - l'uso degli smartphone tra i minorenni

IF2017: nasci, cresci, posta – l’uso degli smartphone tra i minorenni

I due, scrittori del libro che si intitola “Nasci, cresci e posta” da cui prende il nome il titolo dell’evento, hanno preso un dato piuttosto significativo secondo cui i bambini nei primi 5 anni di vita hanno già una storia digitale alle spalle nel senso che hanno circa 1000 contenuti digitali a loro carico. Nonostante non ci si possa iscrivere sui social network prima del tredicesimo anno d’età secondo una legge statunitense, ci sono intorno 20.000.000 di under 13 e questo è da considerarsi come un dato inquietante dal momento che i bambini associano lo smartphone esclusivamente ai social network ma dietro a questo elemento ci sono anche altre motivazioni poichè gli smartphone sono entrati nelle tasche dei bambini in quanto strumenti di massa e ciò fa pensare a logiche politico-economiche.

Facebook, tra l’altro, dispone di un modulo tramite cui si può segnalare chi sospetta che un determinato utente sia un under 13. Particolarmente interessante è l’analisi sul concetto di dipendenza, infatti Cosimi spiega come avesse senso parlare di dipendenza 20 anni fa, quando bambini e ragazzini erano fissi di fronte a video-games e computer che portavano coloro che ne usufruivano ad emarginarsi dal resto, diversamente con gli smartphone è possibile utilizzare i social network anche fuori di casa. Questi problemi si pongono in maniera tanto più delicata nei confronti dei bambini che hanno meno di dieci anni, infatti costoro si trovano in un’età in cui manca ancora una serie di conoscenze e di consapevolezze ed il periodo seguente, ossia quello che va dai 10 ai 15 anni, è un periodo talmente intriso di cambiamenti che gli smartphone possono facilmente portare ad uno stato di confusione.

Farouk Perrone per RadioEco

post di questa categoria

Intrappolata – S...

Intrappolata – Serata noir al Teatro Nuovo

marti festival

Marti Festival –...

Marti Festival – in collina si balla

Alessio Cremonni

Alessio Cremonini e il...

Alessio Cremonini e il successo di Sulla mia pelle: l’intervista

marti festival

eventi in Toscana: Fir...

eventi in Toscana: Firenze Libro Aperto , Marti Festival e molti altri | ATP #145

ultimi post caricati

sinigallia-any-other

Sinigallia, Any Other,...

Sinigallia, Any Other, Bells Atlas & more | Demography #297

ikillgiants-4

I Kill Giants: la dopp...

I Kill Giants: la doppia recensione – Nerdeco #37

Maribou State

Maribou State, Kelly M...

Maribou State, Kelly Moran & More | Demography #296

La profezia dell'armadillo

La profezia dell’...

La profezia dell’armadillo: la recensione

Commenti