Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

#IF2016: Come disarmare la propaganda dell’ ISIS sul web

14390908_1166793766711049_479281539759623126_nSono passati 11 anni da quando al-Zawahiri in una lettera all’altro esponente di Al Qaeda, al-Zarqawi, scriveva che metà della guerra si stava combattendo sul piano mediatico, e da allora la consapevolezza nell’uso dei mezzi di comunicazione da parte dei terroristi è ovviamente aumentata.

Da questa considerazione ha preso il via il dialogo tra Claudia Fusani e il Capo della polizia Franco Gabrielli.

L’ISIS utilizza il web per perseguire tre obbiettivi: fare proselitismo, fare fundraising, ma soprattutto alimentare le paure del mondo occidentale e far sì che si arrivi in esso a limitazioni delle libertà individuali che farebbero il loro gioco, ad esempio facendo sentire esclusi dalla società individui che diventano in questo modo più facili da reclutare e da indurre alla violenza e a quello che gli viene fatto credere un martirio.

Il prefetto Gabrielli rilevava anche come il cyberterrorismo si evolva continuamente e sia in grado di sfruttare nuovi messenger, e realizzando nuovi tutorial destinati ai propri adepti per migliorare l’efficacia della propaganda dell’ISIS in rete. Dunque la risposta dello Stato a questo tipo di minaccia non può essere solamente repressivo, per quanto l’esercizio della forza debba essere attuato anche in termini di chiusura di chat con la collaborazione ma necessità soprattutto di un lavoro culturale di prevenzione a monte.

Un discorso simile va fatto per il cyberbullismo, poichè non si può demonizzare Internet,  strumento da salvaguardare e straordinaria occasione di incontro, in nome di una emergenzialità che come sempre accade si rivela nemica dell’analisi e della soluzione dei problemi complessi. La sensibilizzazione al problema e la prevenzione sono la strada da perseguire, anche rappresentando un momento di ascolto, specie quando si pensa che la maggior parte dei carnefici sono minorenni, esattamente come le vittime di questi crimini, e la mera applicazione di una pena fine a se stessa rischierebbe di essere controproducente.

2016-10-07-16-58-55Federico Erittu per RadioEco

post di questa categoria

DSC_1222

Romics ed. autunnale 2...

Romics ed. autunnale 2019 NerdEco#71

DSC_1128

San Marino Comics 2019...

San Marino Comics 2019 NerdEco #70

DSC_0645

Festa dell’ Unicorno...

Festa dell’ Unicorno 2019 NerdEco #69

INTESTAZIONE FAT FAT FAT

RadioEco goes to FAT F...

RadioEco goes to FAT FAT FAT Festival

ultimi post caricati

C

C’era una volta ...

C’era una volta a… Hollywood: la recensione

Chiara Ferragni

Chiara Ferragni –...

Chiara Ferragni – Unposted, la recensione

La casa di carta

La casa di carta parte...

La casa di carta parte 3: la recensione

Sam Smith

Sam Smith, Stormzy, Gi...

Sam Smith, Stormzy, Giaime & molto altro | Demography #430

Commenti