Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

if2017: gli alieni di rivoluzione 17 – parte seconda

Con maggiore partecipazione di pubblico rispetto a venerdì si è concluso lo spettacolo “Rivoluzione 17″. Che fine faranno gli alieni “tralfamadoriani”?  Report – IF2017

Nei momenti iniziali sulla piramide rovesciata  compaiono immagini di uno degli attori nei panni dell’alieno tralfamadoriano (che però parla in dialetto napoletano) a cui viene detto più volte di spostare la macchina.
In seguito i due protagonisti si presentano nuovamente e fanno il riassunto della puntata precedente agli astanti: il metaforico filo rosso è la gag del litigio per il parcheggio che continua dal giorno prima.
Precisano, non senza sconvolgimento, che nel viaggio di ritorno verso il pianeta Tralfamador si disintegreranno e moriranno; in verità non ne sono molto preoccupati in quanto saranno ancora vivi, visto che, come detto in precedenza, per loro non esiste il concetto di durata.

Nel calcolare le coordinate del loro viaggio hanno sbagliato di 100 anni: frattanto Lenin ha approfittato della distorsione spazio-temporale e dunque si trova  all’Internet Festival 2017 nel foyer del Teatro Verdi, peraltro gustandosi un trancio di cecina.
I due alieni, però, non si sentono in grado di dire la verità al leader bolscevico e gli narrano qualche inesattezza storico-geopolitica (forse strizzando l’occhio al film Goodbye Lenin, in cui i figli protagonisti ricreano un mondo simil DDR per la madre appena risvegliatasi dal coma).

if2017: gli alieni di rivoluzione 17 – parte seconda

if2017: gli alieni di rivoluzione 17 – parte seconda

Dopo l’ingresso trionfale a suon di Internazionale, con tanto di falce e martello proiettata sulla piramide rovesciata, Lenin e i due alieni disquisiscono su temi come lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo, la proprietà privata e la situazione in zone come l’Africa, l’Australia e la Cina. I tralfamadoriani gli mentono spudoratamente, ma lui -facendo pure qualche citazione dalla propria opera Stato e Rivoluzione- si esalta comunque. Addirittura personaggi come Trump, Putin e Kim Jong-Un, ribattezzato Ping Pong, vengono fatti passare come diretti continuatori delle sue dottrine.

A conclusione di tutto, il leader bolscevico si è convinto della presenza del comunismo su tutta la terra, per cui vorrebbe esportarlo su tutti gli altri pianeti ( “internazionale galattica”). Tuttavia si mostra un po’ scettico nei confronti di ciò che gli viene detto e vorrebbe capire il funzionamento della macchina del tempo/piramide rovesciata: a tal proposito chiede agli alieni come sarà il mondo fra 2000 anni, ma loro sbagliano impostazione e nel riquadro appare Gesù Cristo che declama il famoso “discorso della montagna”.

Maria Sofia Rebessi per RadioEco

post di questa categoria

coverlg_home

Gatta Cenerentola al C...

Gatta Cenerentola al Cinema Arsenale

"Loving Vincent"- Vincent Van Gogh

Vincent Van Gogh: dall...

Vincent Van Gogh: dalla tela al grande schermo

kaos godblesscomputers

Eventi della settimana...

Eventi della settimana: Godblesscomputers e tanto altro | atp #101

IF2017: le interviste (foto: Lorenzo Antei)

IF2017: Le interviste ...

IF2017: Le interviste by RadioEco

ultimi post caricati

IT

IT Il film è arrivato...

IT Il film è arrivato nei cinema italiani

coldcut

Coldcut, Tusks & ...

Coldcut, Tusks & more | Demography #231

mogwai

Demography #230 | Mogw...

Demography #230 | Mogwai, Wangel & More

black sun empire

Black Sun Empire ̵...

Black Sun Empire – GLI OLANDESI (NON) VOLANTI

Commenti