Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

IF2017: RIVOLUZIONE 17 – PARTE PRIMA

L’Internet Festival 2017 ha lasciato spazio anche per riflessioni storiche e metastoriche: nello specifico, la sala “Titta Ruffo” del Teatro Verdi di Pisa è stata lo scenario per uno spettacolo dal titolo “Rivoluzione 17″ di 20 minuti circa sul tema della rivoluzione, complice anche l’imminente centenario di quella “di ottobre”.

I protagonisti di Rivoluzione 17 fanno parte della compagnia teatrale Sacchi di Sabbia e la scenografia è stata curata da Giacomo Verde. Hanno guidato il pubblico in questo piccolo ma intenso think tank vestendo i panni di due alieni provenienti dal pianeta (inventato) Tralfamador, uno addetto all’interazione con gli astanti e l’altro alla traduzione dei suoi discorsi.

Su di esso il tempo non esiste, così come l’inizio, la durata o la fine. Le persone sono fatte da un’unica assenza formata dalle loro età: a tal proposito, su una piramide rovesciata sono state proiettate immagini degli stessi alieni ma di età diverse.

IF2017: Rivoluzione 17

IF2017: Rivoluzione 17

Insomma, suddetti personaggi sono in perenne  viaggio fra lo spazio e il tempo e si trovano sulla Terra in quanto appassionati di rivoluzione. Asseriscono di aver data una mano alle più geniali menti della Storia (ad esempio a Niccolò Copernico e Giordano Bruno) ma non sempre è andata come speravano (a detta loro, non sono riusciti a impedire la crocifissione di Cristo). Questo elemento ha probabilmente strizzato l’occhio al personaggio del Dottore dell’omonima serie Tv, e cioè un alieno loro “collega” proveniente dal pianeta Gallifrey che viaggia nello spazio e nel tempo: può cambiare il corso di certi eventi, dato che il tempo è una palla fluttuante -secondo lui-, ma esistono dei punti fissi che devono rimanere tali.

I due tralfamadoriani pensano di essere in Russia nel 1917 davanti al Palazzo d’Inverno, tant’è vero che fanno suonare la famosa canzone L’Internazionale e invitano i presenti a tirare fuori i propri colbacchi, ma senza successo. Frattanto, nella piramide rovesciata compare nientemeno che l’ologramma di Lenin con tanto di stella rossa.

In verità uno degli alieni parla napoletano, e questo è causa di notevoli incomprensioni da parte del leader bolscevico, il quale fa una rapida ma incisiva incursione nei minuti finali dello spettacolo.

post di questa categoria

DSC_3457_copia

Heretico, dopo questo ...

Heretico, dopo questo appartente nulla – @TeatroEra

clap clap band

eventi in Toscana: Cla...

eventi in Toscana: Clap Clap Band e molto altro | ATP #114

aphrodite al deposito pontecorvo

eventi in Toscana: Aph...

eventi in Toscana: Aphrodite al Deposito Pontecorvo e molto atro| ATP #112

Capodanno 2018 in Toscana

Capodanno 2018 in Tosc...

Capodanno 2018 in Toscana: concerti e molto altro| ATP #111

ultimi post caricati

il tuo anno perfetto inizia da qui

Il tuo anno perfetto i...

Il tuo anno perfetto inizia da qui

Cranberries

The Cranberries, To Th...

The Cranberries, To The Faithful Departed | Artwork della Domenica

django

Django Django, Joan As...

Django Django, Joan As Police Woman & more| Demography #250

Ogni storia è una storia d'amore

Ogni storia è una sto...

Ogni storia è una storia d’ amore

Commenti