Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Il Tumulo del Principe Etrusco

In data 1 ottobre si è tenuto in via San Jacopo, alle spalle del cimitero di Pisa, l’evento “Tutti dal principe domenica sera!” organizzato dall’Associazione Culturale Il Mosaico con il patrocinio e il contributo economico del comune di Pisa, teso alla scoperta del sito archeologico (s)conosciuto come “Tumulo del Principe Etrusco”.

Il Tumulo del Principe Etrusco

Il Tumulo del Principe Etrusco

A creare l’atmosfera giusta per questo incontro vi era il Complesso di Legni, Ottoni e Percussioni della Filarmonica Pisana che, con la direzione del Maestro Paolo Carosi, ha proposto una scelta di brani che spaziava dalla Tancredi di G. Rossini e Porgy and Bess di G. Gershwin all’Indiana Jones Selection di J. Williams e la sigla della serie televisiva Game of Thrones di R. Djawadi. Una scelta musicale ben accolta dal pubblico, che per l’occasione era stato esortato a portare con sé plaid e cuscini, e dagli organizzatori che contavano la collaborazione del CPT6 – Consiglio Territoriale di Partecipazione e della Croce Rossa Italiana per la raccolta fondi pro Cittadella della Solidarietà.

Il Tumulo del Principe EtruscoIl Tumulo del Principe Etrusco

Il Tumulo del Principe Etrusco

Ad intervenire per illustrare la composizione del sito archeologico è stato il Professor Stefano Bruni, attualmente professore di Etruscologia e Antichità Italiche presso l’Università degli Studi di Ferrara, che con un amichevole intervento ha raccontato la storia di questo affascinante scorcio di storicità pisana. Il complesso sepolcrale, costituito dal tumulo del Principe ed una serie di tombe posizionate circolarmente attorno ad esso, venne per la prima volta documentato nel 1967 in seguito alla, perciò mancata, realizzazione di lavori per un pozzo da parte del proprietario del terreno, ma fu portato alla luce solo nel 1994, anno in cui ricerche più approfondite della zona permisero nel dicembre dello stesso anno di riesumare due lastre, riconosciute poi come facenti parte della corona che circondava il tumulo.

Il Tumulo del Principe EtruscoIl Tumulo del Principe Etrusco

Il Tumulo del Principe Etrusco

Alla fine dei lavori, circa quattro anni più tardi, abbiamo quello che ad oggi è una delle più importanti testimonianze del passato etrusco di Pisa. Al centro della scena archeologica si erge il grande tumulo di circa 30 metri di diametro e all’interno del monumento è stata ritrovata una grande fossa quadrangolare 4×4 profonda un metro, al cui interno era stata posta una grande cassa lignea. Tale cassa però non conteneva effettivamente il corpo del dedicatario, questi infatti si è appreso esser probabilmente morto fuori Pisa. La famiglia residente in città ha voluto omaggiarne la memoria con un rito funebre che prevedeva l’impiego di quello che i greci chiamavano kolossòs, un corpo di cera e stoppa utilizzato come sostituto e bruciato dopo il corteo durante il rito funebre, su una pira. L’altare utilizzato per la cerimonia, ritrovato in parte “smontato” insieme ad un coltello e a dei resti di una mascella di un cavallo, doveva trovarsi al di sopra della fossa contenente la cassa; questa era stata completamente ricoperta di terra se non per una piccola porzione triangolare che, riempita di argilla sterile, conteneva un tridente di ferro. Dal ritrovamento del tridente possiamo dedurre che il defunto fosse un ricco principe che traeva ricchezza e prestigio da attività marinare. I resti del kolossòs bruciato sono stati invece ritrovati in un dolio (=grande vaso), seppellito di fianco alla tomba. Si presume che da quel momento, per ogni membro della famiglia che veniva a mancare, fosse posto un segno intorno al tumulo che oggi risulta così coronato da una ventina di lastre commemorative alte in media 70 cm. Sopra al tumulo sono stati ritrovati resti di quattro successive sepolture (due corpi maschili e due corpi femminili) ma il ritrovamento più curioso è stato quello della tomba di una fanciulla, posta fra la “corona” del tumulo e le due coppie. Si tratta molto probabilmente di una ragazza intorno ai 15 anni non sposata e per questo ivi seppellita; che fosse nubile lo si deduce dal ritrovamento accanto al suo dolio di oggetti da corredo quali una collana d’oro ed una ciambella di rame (oggetto utilizzato per acconciare i lunghi capelli prima di essere tagliati fino alla nuca nel giorno del matrimonio). Queste sepolture, più recenti del tumulo, rappresentano la testimonianza dell’uso che un importante gruppo gentilizio pisano fece della necropoli per affermare il proprio status sociale.

Il Tumulo del Principe EtruscoIl Tumulo del Principe Etrusco

Il Tumulo del Principe Etrusco

I pochi oggetti ritrovati, che permettono la collocazione temporale della struttura intorno al VII a.C., sono in fase di restaurazione a Firenze, per quanto riguarda i ritrovamenti in ferro, e a Peccioli, per quelli in ceramica. Oltre che un importante sito archeologico, quello del Tumulo del Principe Etrusco è una vasta area verde suggestiva e piacevolmente tranquilla, che offre quello scenario di mista bellezza storica e quasi fantastica capace di intrattenere dal movimentato gruppo di turisti al silenzioso passante solitario, se si gradisce la regale compagnia ovvio!

Irene Camposano per RadioEco

post di questa categoria

coverlg_home

Gatta Cenerentola al C...

Gatta Cenerentola al Cinema Arsenale

"Loving Vincent"- Vincent Van Gogh

Vincent Van Gogh: dall...

Vincent Van Gogh: dalla tela al grande schermo

kaos godblesscomputers

Eventi della settimana...

Eventi della settimana: Godblesscomputers e tanto altro | atp #101

IF2017: le interviste (foto: Lorenzo Antei)

IF2017: Le interviste ...

IF2017: Le interviste by RadioEco

ultimi post caricati

IT

IT Il film è arrivato...

IT Il film è arrivato nei cinema italiani

coldcut

Coldcut, Tusks & ...

Coldcut, Tusks & more | Demography #231

mogwai

Demography #230 | Mogw...

Demography #230 | Mogwai, Wangel & More

black sun empire

Black Sun Empire ̵...

Black Sun Empire – GLI OLANDESI (NON) VOLANTI

Commenti