Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Inquieto Novecento: l’arte contemporanea si indaga al Lu.C.C.A.

inquietonovecento-luccaChe rapporto c’è tra l’arte del passato e quella di oggi? In che direzione si sta muovendo la creatività? Possono gli artisti contemporanei essere considerati testimoni del nostro tempo? A queste e a tante altre domande prova a dare risposta Inquieto Novecento, la mostra che dal 15 Marzo al 22 Giugno 2014 sarà ospitata al Lucca Center of Contemporary Art.

Un percorso suggestivo e diacronico, quello curato da Stefano Cecchetto e Maurizio Vanni, che accoglie oltre settanta opere divise in quattro sezioni: Il Novecento tra Figura e Figurazione, Segnali dalle Neo- Avanguardie, Verso una nuova poetica e infine Azioni e Riflessioni del Terzo Millennio. Sono tanti i nomi noti e meno noti messi a confronto, come quello di Emilio Vedova, Damien Hirst, Christo, Maurizio Cattelan eVictor Vasarely, citati già nel titolo completo della rassegna. L’obiettivo è proprio quello di provare a indagare cosa è cambiato nel corso del tempo e cosa ha stravolto certe dinamiche tradizionali. Fin dagli anni Trenta, infatti, pittori e scultori hanno iniziato a distaccarsi lentamente o con violenza dalla rigidità di schemi e regole del passato. Ciò ha comportato una vera e propria operazione di distruzione e decostruzione dei canoni conosciuti e la ricerca di nuove forme di espressione.

E oggi?

A ben guardare, l’arte contemporanea è completamente intrisa di sperimentazione e originalità, a volte anche ai limiti dell’immaginabile. Basti pensare al teschio in platino tempestato da diamanti e firmato Damien Hirst o al gigantesco dito medio installato in Piazza Affari da Maurizio Cattelan: modi assolutamente nuovi e irriverenti. D’altro canto però viviamo in un mondo in continuo cambiamento e il talento creativo non può che rispecchiare gli stravolgimenti della realtà in cui vive. Non siamo dunque così lontani dalla classica concezione del ruolo dell’artista, in grado di cogliere momenti, sviluppi e trasformazioni di ciò che lo circonda.

La mostra comunque non può e non vuole dare certezze definitive sull’evoluzione artistica, ma desidera solo mantenere viva la discussione che genera interesse e attenzione nei confronti del complicato universo che è l’arte visiva.

post di questa categoria

ATP (16)

eventi in Toscana: Mus...

eventi in Toscana: Music W Festival e non solo | ATP #91

ATP (15)

eventi in toscana R...

eventi in toscana – atp #91 | W.O.M., Henry Wu e tanto altro

ATP (14)

eventi della settimana...

eventi della settimana – Atp #90 | Demonology HiFi, Sean Kuti e molto altro

ATP (13)

eventi in toscana: Dj ...

eventi in toscana: Dj Gruff feat. Gianluca Petrella e tanto altro| atp #89

ultimi post caricati

Musica W 2017 - Manifesto

Musica W Festival 2017...

Musica W Festival 2017 – TUTTE LE INFO

Copy of Copy of ON POINT (9)

Demography #218 –...

Demography #218 – Mixtape | Da Actress a Clap! Clap!

ON POINT (10)

Demography #217 –...

Demography #217 – mixtape | Ninja Tune & More

Copy of Copy of ON POINT (8)

Demography #216 –...

Demography #216 – Mixtape | A Jazz Thing

Commenti