Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

J.K. Rowling – Sfighe Stellari

Sfighe stellari e… magiche! In questo numero vi parliamo di colei che può esser definita la regina della nostra infanzia: J.K. Rowling

A meno che non abbiate vissuto chiusi in una stanza con le finestre chiuse come soltanto Bird Box può insegnare, dovreste sapere che J.K. Rowling è l’autrice della saga di Harry Potter.

Prima che leggiate questo articolo è necessario conoscere la storia del maghetto più famoso del mondo (non stiamo parlando di Mago Forest), non tanto per il timore di spoiler ma semplicemente perché babbani sul nostro sito non ne vogliamo.

Fatta questa essenziale premessa, possiamo addentrarci nei meandri più angusti della vita dell’autrice per comprendere qual è il motivo per cui una tra le donne più ricche del mondo è annoverata tra le Sfighe Stellari.

Joanne Rowling, anche conosciuta come J.K. Rowling ha trovato proprio in quella K la key per il successo.
Già a sei anni dimostra di avere una fervida immaginazione e un talento naturale per la scrittura, il titolo del suo primo racconto sarà “Piccolo coniglio con il morbillo” perfetto manifesto del movimento NoVax. Tra un racconto e l’altro, per contribuire all’economia familiare, lavora come donna delle pulizie per una sterlina all’ora, scoprendo quanto possa essere funzionale il possesso di un elfo domestico.

Rowling

Dopo la prima infanzia si trasferisce a Winterbourne, dove stringe amicizia con due fratelli di nome Potter, inconsapevoli delle future battute sul loro cognome a cui questa conoscenza li avrebbe costretti.

Studentessa modello, di modesta conserverà soltanto l’estrazione sociale, riuscendo a raggiungere un livello di presunzione pari a quello di Hermione Granger. Infatti l’autrice affermerà che il carattere della Mezzosangue più perspicace di Hogwarts  è ispirato alla saccente bambina che è stata.

Nel 1982 sostiene il test di accesso per Oxford ma nemmeno l’incantesimo Alohomora riuscirà ad aprirle le porte della prestigiosa università, costringendo l’autrice a ripiegare sull’Università di Exeter.
Negli stessi anni la madre si ammala di sclerosi multipla, questa terribile condizione porta Joanne ad allontanarsi dal padre che si dimostra incapace di gestire la situazione in modo appropriato.

Joanne continuerà a studiare e dopo la laurea si trasferirà a Londra dove lavorerà come ricercatrice e segretaria presso Amnesty International. È proprio a causa di un ritardo del treno alla stazione di Londra che l’autrice penserà per la prima volta alla storia di Harry Potter. Leggenda narra che sia proprio per incentivare la letteratura moderna italiana che Trenitalia si impegna a collezionare ritardi.
All’età di soli 25 anni, devastata dalla prematura morte della madre decide di partire alla ricerca di un’occupazione.

Negli anni successivi lavorerà alla Camera di Commercio di Manchester, nonostante lo spasso assicurato dal tempio della burocrazia, l’autrice si trasferisce a Porto per insegnare inglese. È proprio in questa città che incontrerà il suo futuro marito Jorge Arantes, intrecciando una relazione che al confronto quella tra Chu Chang e Cedric Diggory sembra un libro di Federico Moccia. La notizia della sua prima gravidanza arriverà in concomitanza con l’arruolamento del suo compagno, che non potrà starle accanto nell’affrontare l’aborto spontaneo che segnerà fortemente Joanne. Al ritorno dal fronte, l’autrice convolerà a nozze con Jorge, matrimonio che darà la luce alla primogenita Jessica.

Soltanto un anno dopo, a causa di presunte violenze domestiche, Joanne sarà costretta a lasciare il marito e fare ritorno ad Edimburgo da ragazza madre. Separata, disoccupata e con una figlia a carico si manterrà grazie ai sussidi statali, antenati del reddito di cittadinanza. Sarà colta da una profonda depressione che ispirerà la figura dei Dissennatori, capaci di divorare ogni traccia di felicità.

 Rowling - Severus Piton

Scriverà in diversi caffè della città, riuscendo a terminare Harry Potter e la Pietra Filosofale soltanto nel 1995, dopo essere stata costretta a chiedere un’ordinanza restrittiva per l’ex marito che non si è rassegnato alla fine della relazione.

Alla Rowling sarà richiesto di utilizzare lo pseudonimo J.K. Rowling, in quanto il nome femminile potrebbe disincentivare l’acquisto da parte di lettori maschili, target più appassionato alla letteratura fantasy.
Consegnerà il manoscritto ad un solo agente ma il primo capitolo della saga verrà definito infantile ed esageratamente fantasioso e sarà rifiutato da ben undici case editrici, che immaginiamo vivano un leggerissimo rimpianto.

Dopo i numerosi rifiuti, il presidente della Bloomsbury di Londra prova a far leggere i cinque capitoli a sua figlia Alice, la quale chiede entusiasta di avere il seguito decretando l’inizio della storia di Harry Potter che porterà la Rowling ad essere più ricca della stessa sovrana d’Inghilterra.

Nonostante la saga sia acclamata dai più, non sono mancate le critiche provenienti addirittura dalla chiesa cristiana, poiché la storia del maghetto poteva traviare l’educazione dei bambini alla fede cristiana.
Disputa facilmente risolvibile con la sostituzione del Patronus con il Santo Patronus.

Il resto della storia è noto a tutti, J.K. Rowling è l’ennesima dimostrazione che non è necessario avere poteri sovrannaturali per riuscire a realizzarsi nonostante le avversità.

 Rowling -  Harry, Ron, Hermione

Erika Branca per RadioEco

post di questa categoria

todays festival 4

TOdays Festival 2019 |...

TOdays Festival 2019 | Demography #431

Sam Smith

Sam Smith, Stormzy, Gi...

Sam Smith, Stormzy, Giaime & molto altro | Demography #430

viaggi 5

Viaggi infiniti questo...

Viaggi infiniti questo fine luglio: live, flamenco e jazz |atp #181

Spoon

Spoon, Ride, Jenny Hva...

Spoon, Ride, Jenny Hval |Demography #429

ultimi post caricati

Europee

Europee 2019: le elezi...

Europee 2019: le elezioni dal punto di vista dei social

caracol

Maggio frizzante: jazz...

Maggio frizzante: jazz, poetry slam e spettacoli! #atp 175

Cattura

Giornata mondiale libe...

Giornata mondiale libertà di stampa, convegno in memoria di Antonio e Bartek

DSC_9299

Expo Motori 2019, a Po...

Expo Motori 2019, a Pontedera la 14ª edizione

Commenti