Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Karen O and Danger Mouse, Virginiana Miller | Demography #370

Inizio di settimana firmato Demography: nella nostra playlist trovi tante nuove uscite come il nuovo disco di Karen O e Danger Mouse, il ritorno dei Virginiaia Miller, I Quartieri e tanto altro ancora.

Partiamo subito con nomi di un certo livello, perché in apertura della tracklist di Demography troviamo la Sacerdotessa del rock. Patti Smith torna a collaborare con i Soundwalk Collective dopo il progetto del 2016, Killer Road, nato come tributo ad un’altra icona della musica rock, Nico. Il nuovo album uscirà il 31 marzo col titolo di The Peyote Dance, chiaro riferimento al libro di Antonin Artaud. La prima traccia rilasciata è The New Revelations of Being. Cambiamo rotta con Vetter_Huber, nuova entrata della Seayou Records. Ritmo claustrofobico, tanti richiami alla new wave, alle atmosfere oscure del post punk, Feel The Need è un esempio di minimalismo. La strumentazione del duo consiste in un programma musicale realizzato da Vetter e controllato da un laptop. Nessun sintetizzatore. Si affiancano i testi neri di Huber che creano tensione. I due si mantengono su una formazione anche visiva che è la tipica da clubber, ma in un modo che riprende alcuni elementi dal mondo Krautrock e dal post punk.

Vetter_Huber

Vetter_Huber

Abbandoniamo l’oscurità con i Virginiana Miller. La band livornese torna con il nuovo album THE UNREAL McCOY, completamente in inglese, per la prima volta su etichetta e distribuzione indipendente SANTERIA/Audioglobe. Lovesong è il primo brano che anticipa il nuovo album della band che annuncia il cambio di rotta dicendo semplicemente che in italiano non hanno più nulla da dirci. Non ci resta che prepararsi e immergersi in un ritratto immaginario dell’America pensata da oltreoceano, né più né meno della Malesia immaginata da Salgari senza muoversi da Torino, e non è quindi detto che alla fine questa fake America, sognata dal luogo più remoto della provincia di un impero ormai in dissoluzione, non possa dirci qualcosa di vero sull’originale. Lovesong ricorda a tratti nella voce, un’America realmente esistita a cui negli anni ’90 in tanti erano devoti, quella del grunge ma in particolar modo del rock secondo Eddie Vedder e i Pearl Jam.

Virginiana Miller

Virginiana Miller

La nostra carrellata continua con un altro graditissimo ritorno, quello dei Calexico insieme a Iron Wine. Inutile dire che per gli amanti del folk rock statunitense, Father Mountain è un piccolo gioiellino. Ci spostiamo in casa Brainfeeder, altra label che ci piace tanto, per andare ad ascoltare Salami Rose Joe Louis. Nostalgic Montage, questo il titolo del brano rilasciato, è una sorta di sogno un po’ distorto, che avvolge lentamente l’ascoltatore ma con delicatezza e grazia, per trascinarlo in un mondo leggero, più libero. Questa la sensazione che dà l’artista con il suo lavoro, anzi con questo piccolo assaggio. Conviene pazientare e aspettare l’uscita di un disco, un Ep, qualsiasi cosa che ci dia un’idea più completa.

I Quartieri

I Quartieri

Siamo quasi alla fine di questa playlist, che si concluderà con Karen O e Danger Mouse, ma prima restiamo in Italia per una nuova uscita firmata 42 records, altra etichetta che ci sta regalando ottima musica. Tornati alla ribalta grazie ai due brani contenuti nella colonna sonora di Suburra, I Quartieri hanno rilasciato il loro nuovo singolo, Vivo di notte. Molto legati alla loro città, il brano della band romana scivola tra le strade della capitale, in una notte che scorre lenta, dolce. Del nuovo album non sappiamo ancora nulla, ma non vediamo l’ora di ascoltarlo. E parleremo di notte anche con l’ultima coppia della nostra playlist: Karen O e Danger Mouse. Lux Prima, uscito il 15 marzo su BMG, Lux Prima è il primo album nato dalla collaborazione dell’iconica frontwoman degli Yeah Yeah Yeahs, Karen O e del leggendario musicista e produttore Danger Mouse. I due si incontrano inizialmente nel 2007 per discuterne, ma poi le loro carriere e le loro vite private li tengono lontani per un po’. Nel 2015, sebbene Karen fosse incinta, iniziano a pianificare il lavoro. Dopo la nascita del bimbo, entrano in studio con l’idea di non imporsi alcun limite, con in mano solo qualche riferimento da cui prendere spunto. E così nasce Lux Prima. In alcuni brani Karen sembra quasi essere tornata a capeggiare gli Yeah Yeah Yeahs, ma in una veste più matura, in altri la sua voce si fa accompagnamento dell’incredibile lavoro di Danger Mouse che ci rende partecipi della sua magia. Per concludere questo viaggio, abbiamo scelto l’ultima traccia di Lux Prima, Nox Lumina, in cui la voce di Karen sembra quasi distante, a metà tra due realtà diverse, sembra canti per entrambe.

Karen O and Danger Mouse

Karen O and Danger Mouse

   Tracklist:

The New Reveletions of Being – Soundwalk Collective, Patti Smith
Feel The Need – Vetter_Huber
Lovesong – Virginiana Miller
Father Mountain – Calexico, Iron & Wine
Nostalgic Montage – Salami ROse Joe Louis
Vivo di Notte – I Quartieri
Nox Lumina – Karen O, Danger Mouse
A Bit About Ghosts – Teho Teardo
Ovid – Unwed Sailor
Too Real – Fontaines D.C.

 

 

Grazia Pacileo

post di questa categoria

DSC_0645

Festa dell’ Unicorno...

Festa dell’ Unicorno 2019 NerdEco #69

INTESTAZIONE FAT FAT FAT

RadioEco goes to FAT F...

RadioEco goes to FAT FAT FAT Festival

La casa di carta

La casa di carta parte...

La casa di carta parte 3: la recensione

67161352_1394226380734269_8945871567045263360_o

Eiffel65, Ivreatronic,...

Eiffel65, Ivreatronic, Jova beach party e tanto altro |Atp #182

ultimi post caricati

Europee

Europee 2019: le elezi...

Europee 2019: le elezioni dal punto di vista dei social

caracol

Maggio frizzante: jazz...

Maggio frizzante: jazz, poetry slam e spettacoli! #atp 175

Cattura

Giornata mondiale libe...

Giornata mondiale libertà di stampa, convegno in memoria di Antonio e Bartek

DSC_9299

Expo Motori 2019, a Po...

Expo Motori 2019, a Pontedera la 14ª edizione

Commenti