Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Khalab, Cappellato, Filoq & More | Demography #276

Il nuovo singolo di Khalab in collaborazione con Shabaka Hutchings & Tommaso Cappelato, il nuovo EP di Filoq, Batuk, Daykoda e molto altro in questa nuova puntata di Demography.

Uscirà a Luglio per la prestigiosa On The Corner Records il primo LP di Khalab, anticipato alcuni mesi fa da un primo singolo Zaire al quale si aggiunge adesso Dense. Il brano è arricchito dalle collaborazioni di Shabaka Hutchings al sassofono e di Tommaso Cappellato alle percussioni che si aggiungo all’elettronica e ai campionamenti di Khalab uno spessore ancora maggiore.

Il disco, dal titolo Black Noise 2048, non poteva che uscire per la On The Corner Recors, etichetta inglese che da anni porta avanti un progetto di riscoperta della tradizione africana miscelata all’elettronica, al jazz e non solo. Sulla pagina Bandcamp  dell’etichetta potete già preordinare il lavoro.


La playlist prosegue (e non potevamo fare altrimenti) con una brano di Cappellato, dal titolo R’n’Free tratto dal suo disco Aforemention, uscito lo scorso anno, ma in una versione uscita alcuni giorni fa arricchita dalla partecipazione di Natalie May alla voce. Il brano anticipa una raccolta di remix dei brani contenuti in Aforemention in uscita nelle prossime settimane.

Dopo Cappellato troviamo ovviamente un brano di Shabaka Hutchings; nello specifico quello contenuto nella raccolta We Out Here, pubblicata alcuni mesi fa dalla Brownswood e di cui vi avevamo già abbondantemente parlato qui.

Khalab - Black Noise 2048

Khalab – Black Noise 2048

Sempre a proposito di italiani che ci piacciono ascoltiamo Edd, brano nato dalla collaborazione di Lorenzo_BITW e Filoq contenuto nell’ultimo lavoro di quest’ultimo, uscito la settimana scorsa dal titolo “Somewhere Home”.
Anche in questo brano troviamo il jazz che si fonde con l’elettronica, con ritmi dal sapore latino e con una buona dose di field recordings.

Completano questa prima parte di playlist i Batuk, per rimanere in tema di fusione tra tradizione ed elettronica (più festaiola in questo caso). Il brano si intitola Babaloo ed è tratto dal loro ultimo lavoro Kasi Royalty, uscito ad inizio maggio.

Cambiando genere in modo abbastanza brusco ci spostiamo a New York per ascoltare il primo singolo di Odetta Hartman, che anticipa il suo disco d’esordio “Old Rockhounds Never Dies” in uscita ad Agosto. Il singolo si intitola Misery, una ballad folk (un po’ alla Florence and the Machine) accompagnata da una dose importante di bassoni e una batteria piuttosto ignorante che lì per lì può lasciare un po’ perplessi, ma che finirete per apprezzare.

unnamed

Continuiamo con un brano di Daykoda, producer piuttosto ispirato della scuderia della Beat Machine Records e la sua The Charleston Dancer (della quale uscirà un video domani).

Seguono i Mount Kimbie revisitati da Nina Kraviz e, per concludere, un debutto in casa Brainfeeder.
Little Snake esordisce nella label con un EP di 3 brani dal titolo “ENTER” e caratterizzati da una potenza sonora decisamente importante, tanto che sono stati definiti dallo stesso Flying Lotus come “fkn insane”.

Buon Ascolto.

BF074

post di questa categoria

Spoon

Spoon, Ride, Jenny Hva...

Spoon, Ride, Jenny Hval |Demography #429

alessandro cortini

Alessandro Cortini, Ne...

Alessandro Cortini, New Order, Daymé | Demography #428

Margherita Vicario

Margherita Vicario, Ed...

Margherita Vicario, Ed Sheeran, Blood Orange e molto altro | Demography #427

Andrea Belfi

Andrea Belfi, Cappella...

Andrea Belfi, Cappellato & more | Demography #426

ultimi post caricati

Europee

Europee 2019: le elezi...

Europee 2019: le elezioni dal punto di vista dei social

caracol

Maggio frizzante: jazz...

Maggio frizzante: jazz, poetry slam e spettacoli! #atp 175

Cattura

Giornata mondiale libe...

Giornata mondiale libertà di stampa, convegno in memoria di Antonio e Bartek

DSC_9299

Expo Motori 2019, a Po...

Expo Motori 2019, a Pontedera la 14ª edizione

Commenti