Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

La libertà dei ricattati

Lavoro: problema numero uno in Italia. Non è solo un sabato di mobilitazione nazionale sulla precarietà a dovercelo ricordare. Dovrebbe essere un assillo quotidiano per il governo, dovrebbe essere un assillo anche per i sindacati, così come lo è per chi, ogni giorno, vive con la paura concreta che il proprio contratto a progetto non sia rinnovato, che il proprio impegno negli studi sia reso nullo da un mercato del lavoro che non cerca competenze ma una non-ben-chiarita flessibilità, che la sacrosanta ricerca della felicità ha il prezzo di un ricatto.

Ci si allarma molto a guardare i dati concreti del fenomeno “precariato” riportati oggi dal Corriere, ovvero quasi 4 milioni di persone inghiottite in questa pozza, dislocate su entrambi gli estremi della penisola.
C’è una questione meridionale con oltre 2,3 milioni di lavoratori senza stabilità e tutele (il 56% del dato nazionale) tra Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna. A rendere ancora più drammatica la situazione nel Mezzogiorno c’è l’incidenza di una disoccupazione moltiplicata dalla crisi, ovvero un adulto su cinque è senza alcun impiego.
Negli ultimi tre anni si è innescata anche una questione settentrionale, con una presenza forte del precariato sulle regioni trainanti dell’economia italiana. Regioni insospettabili come il Trentino oppure l’Emilia Romagna hanno accusato più di altre i colpi della crisi, soprattutto nel terziario dedicato alla ristorazione e ai servizi pubblici e sociali, dove più di un terzo della forza lavoro risulta essere senza tutele.
Ma se si guarda fuori dall’Italia, la situazione non è certo più rosea, perchè il circolo vizioso tra competitività e precarietà, dettato da logiche economiche di corto respiro fa vittime in tutto il mercato del lavoro mondiale. Il tasso di disoccupazione complessivo nei paesi OCSE è cresciuto del 50 per cento rispetto al 2008 e i tassi di crescita previsti purtroppo non riusciranno nel breve termine a ridimensionare il dato.

I responsabili di questa situazione emergenziale esistono: se le cause del precariato si possono spalmare su molte variabili di mercato internazionale (che in politichese si chiama competitività), alla fine dei giochi è la legislazione vigente -sia quella italiana che comunitaria- che permette il proliferare di questi contratti. La legislazione sul lavoro dovrebbe tutelare i soggetti che, per forza di cose, sono il contendente debole della contrattazione, e non privilegiare le posizioni già di forza. Tuttavia queste rimangono grida nel deserto perchè qualsiasi governo negli ultimi 20 anni ha dovuto fare i conti con le varie Confindustrie, Confesercenti, Confartigianato, ed è chiaro che sono stati i padroni del vapore ad influenzare in ultima istanza l’operato politico se non addirittura l’instabilità dei governi.

Tuttavia questa disincantata presa di coscienza non è sufficiente, perchè occorre trasformare le manifestazioni nelle piazze in consensi elettorali alle forze politiche che hanno concretamente a cuore la soluzione del problema, bisogna convertire il senso di sconforto in forza di proposta, perchè non è un caso che l’articolo 1 della Costituzione richiami il valore fondante del lavoro. Come a dire, togliendo il lavoro tolgono ai giovani (e non solo a loro) il diritto a una cittadinanza libera. La libertà infatti, senza le condizioni essenziali per il mantenimento di se stessi o di una famiglia, è una parola vuota, è la libertà del ricattato di seguire i desideri del ricattatore. Con queste “libertà condizionate” si può scrivere solo la Costituzione di uno Stato della paura. L’offesa più grande che faremmo a noi stessi sarebbe proprio trasformare in abitudine anche le cose più spaventose.

Giuseppe F. Pagano
per la Redazione News di Radioeco.it

post di questa categoria

23 marzo lumiere

Marzo volge al termine...

Marzo volge al termine ma non le novità che ci riserva!

NO AU

Dino Fumaretto immerso...

Dino Fumaretto immerso nel Coma

50282432_10155975521090848_9158973962938482688_o

Dino Fumaretto al Lumi...

Dino Fumaretto al Lumiere e tanti altri eventi in Toscana | ATP#168

gomma

Gomma live @ Lumiere [...

Gomma live @ Lumiere [report]

ultimi post caricati

WhatsApp Image 2019-03-23 at 02.34.26

Pasta al Forno –...

Pasta al Forno – Universitari in Cucina

nubya garcia

Nubya Garcia live al P...

Nubya Garcia live al Pisa Jazz Festival .

SYML

SYML, Tusks, The Cranb...

SYML, Tusks, The Cranberries & more | Demography #369

Ghali

Ghali, Sfera Ebbasta, ...

Ghali, Sfera Ebbasta, Jake la Furia e molto altro | Demography #368

Commenti