Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Le Folli Arie: uniweb tour – [intervista]

Le folli arieLe Folli Arie saranno i prossimi ospiti dell’uniweb tour in collaborazione con Ustation!

Le Folli Arie nascono nel 2012 dall’incontro di quattro musicisti milanesi che, dopo anni di professione e partecipazione ai più svariati progetti musicali,intraprendono una nuova avventura, miscelando l’amore  per il rock anni ’70 con la tradizione del prog italiano di quegli anni (PFM, Banco del Mutuo Soccorso), il tutto senza dimenticare le vene pop, grunge, funk e latin dei componenti della band, al fine di arrivare a creare un proprio linguaggio contemporaneo ma molto contaminato.

Il lavoro non è affatto semplice: per rendere moderno e uniforme il sound, fondere le varie influenze e scremare i brani più adatti a creare un lavoro coerente ed emozionale, il disco richiede ben due anni di lavorazione. Due anni ben sintetizzati nelle 13 tracce del loro primo disco “Le Folli Arie” che attraversano dolcemente mondi sonori differenti, sempre legate da un unico filo conduttore stilistico, regalando all’ascoltatore una vastissima gamma di emozioni.

Nasce così un album frutto dell’incontro/scontro tra storie e percorsi molto diversi che si intrecciano creando un prog mascherato da pop (o pop mascherato da prog, ai posteri l’ardua sentenza…), con sfumature di grunge e latin/funk raggiungendo, incredibilmente, l’equilibrio!

Nel mercato discografico attuale, dove l’immagine domina innegabilmente e prepotentemente su tutto, Le Folli Arie fanno una scelta coraggiosa ed in forte contro tendenza.

Non ci saranno servizi fotografici ufficiali, non compariranno nei propri videoclip, sulle copertine dei dischi, nelle locandine e nei manifesti, preferiranno quando possibile rilasciare interviste mezzo stampa, radio o telefono,… Compariranno esclusivamente per le proprie performance dal vivo. L’utopia che cercano di concretizzare con questa scelta è di esprimersi esclusivamente tramite la propria produzione artistica.

A raccontare per immagini il loro mondo sarà Matteo Compagnoni (www.facebook.com/MatCompArt), autore dell’artwork del disco, con le sue creazioni surreali e visionarie, evocative e sconvolgenti al tempo stesso.

Per ottimizzare e chiudere il lavoro “Le Folli Arie”, Simone Corazzari (voce, chitarre, autore e produttore), Massimiliano Masciari (basso e steel drum), Francesco Meles (batteria e percussioni) e Marco Antonio Cerioli (tastiere e seconde voci) decidono di affidare la cura dei mix e del mastering ad un numero uno assoluto della produzione in Italia: Lorenzo Cazzaniga (Claudio Baglioni, Lucio Dalla, Fabrizio De André, Ray Charles, Sting, Mina, Pfm, Pooh, Vasco Rossi,…), aggiungendo alla cura dell’impatto sonoro un tassello importantissimo (qui i crediti completi del disco: www.lefolliarie.com/doc/credits.pdf).

Tra echi di Jeff Buckley, Led Zeppelin, Pink Floyd, Genesis, Yes, Porcupine Tree, Lucio Battisti, PFM (e molti altri ancora) il loro primo lavoro è un vero e proprio viaggio sonoro in cui perdersi che, scorrendo senza strappi, suona quasi “concept”.

Per ascoltare la nostra intervista a Le Folli Arie collegati  Sabato 29 Maggio alle 16 su Radioeco.it!

post di questa categoria

black sun empire

Black Sun Empire ̵...

Black Sun Empire – GLI OLANDESI (NON) VOLANTI

backstage campos

Campos – Backsta...

Campos – Backstage from the Basement [ intervista ]

yombe

YOMBE, Nick Murphy �...

YOMBE, Nick Murphy & more | Demography #229 [playlist]

La battaglia dei sessi

Recensione: La battagl...

Recensione: La battaglia dei sessi

ultimi post caricati

IF2017: le interviste (foto: Lorenzo Antei)

IF2017: Le interviste ...

IF2017: Le interviste by RadioEco

Emergency

IF2017: EMERGENCY -INT...

IF2017: EMERGENCY -INTERVISTA AL PRESIDENTE ROSSELLA MICCIO

IF2017: Passione e dolore - “Patti Smith: dream of life”

IF2017: Passione e dol...

IF2017: Passione e dolore – “Patti Smith: dream of life”

IF2017: Arrivederci al prossimo anno - Recap giorno 4

IF2017: Arrivederci al...

IF2017: Arrivederci al prossimo anno – Recap giorno 4

Commenti