Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Leyton Hewitt, il leader della terra di mezzo

cropped_REU_383116

Ultimo australiano ad aver vinto uno Slam: con il suo 20° Australian Open, Leyton Hewitt ha dato l’addio al tennis. Un esempio di carisma e grinta tennistica che adesso è chiamato alla guida di una squadra di Davis e un gruppo di “ragazzi terribili” (Kyrgios e Kokkinakis). Una personalità che mancherà sul campo da gioco.

Non poteva finire con sconfitta la carriera di Leyton Hewitt. Non avrebbe rappresentato il personaggio. Quindi si è conclusa come era giusto che si concludesse. Con un passante di rovescio finito in corridoio dopo aver tentato generosamente di recuperare un dritto di Ferrer. Dopo quell’ultimo punto che ha concluso il suo 20° Australian Open, non si è sentito il tradizionale “Game, Set e Match” ma un immenso applauso misto a commozione tennistica che ha riempito la Rod Laver Arena per salutare l’ultimo australiano ad avere vinto uno Slam (in attesa degli inevitabili trionfi di Kyrgios e Kokkinakis). Un’ultima partita giocata con generosità e combattendo punto su punto. Come ha saputo fare per tutta la carriera.

Un Bambino Prodigio (vinse il primo titolo Atp a 16 anni) che ha ottenuto tutti i suoi risultati più importanti nei primi anni duemila quando “Rusty” aveva poco più di vent’anni. Abilissimo a occupare quel passaggio a vuoto che si è avuto tra l’era di Sampras – Agassi e quella di Federer – Nadal con due titoli Slam tra Us Open 2001 (contro Sampras) e Wimbledon 2002 (contro Nalbandian). Il tutto contornato dalla prima posizione mondiale nel ranking (il più giovane della storia ad esserlo) e dai due titoli alle Atp Tour Finals (2001 e 2002). Praticamente una vita fa. Alla fine i titoli saranno 30. Mi verrebbe da chiamarlo “Il Leader della terra di mezzo” e non perché Hewitt sia un appassionato del Signori degli Anelli (e se non lo fosse, mi dispiace francamente per lui). Un esempio per tutti, a cominciare da chi l’ha scansato dalle prima posizioni mondiali.

Tra questi titoli è sempre mancato il più voluto ed atteso, quello agli Australian Open. Ci andò vicino nel 2005 quando raggiunse la finale e venne battuto da Marat Safin in 4 set. Un’eccezione considerando che non brillò mai nel torneo di casa. Dopo il 2005 tra vari infortuni che lo limitarono per diverse annate e il sopraggiungere di giocatori semplicemente più forti (Murray, Del Potro, Djokovic ecc), Hewitt non riuscì più a raggiungere quei livelli e quei risultati che lo avevano illuminato ad inizio secolo. Forse senza infortuni avrebbe potuto essere una presenza più costante e fastidiosa nei Top 10 (d’altronde se lo è stato Davydenko per anni, non vedo perché non Hewitt). Ci tengo a precisare comunque che nessuno dei Top 10 avrebbe scambiato un primo turno con Llodra per uno con questo esempio di grinta e carisma tennistica (sarebbe stato come preferire il Barcellona invece che il Sassuolo in finale di Champions League).

Lascia il tennis australiano senza una figura carismatica di riferimento. Kyrgios è divertente ed irriverente quanto ancora acerbo caratterialmente. Kokkinakis è solo acerbo. Tomic lasciamo perdere, è solo un chiacchierone (già immagino il mio amico Luca Amicone tradurre questo astio per Tomic come una ripicca per le sue dichiarazioni su Federer). Senz’altro questa new generation australiana avrà molto da imparare da uno Hewitt che li guiderà come capitano di Davis a partire da marzo prossimo. Per conquistare quella Davis che lui ha saputo vincere nel 1999 e nel 2003. Ho la sensazione che ci sarà da divertirci.

Giacomo Corsetti

@giacomocorsetti

post di questa categoria

764d0be37628ec0b028eeaf030cc7aab

Steamcon 2017, lo Stea...

Steamcon 2017, lo Steampunk a Pisa

ATP (8)

eventi della settimana...

eventi della settimana – atp #85: Arno Vivo, Pistoia blues e Firenze rocks

erew

Kinzica Fantasy prima ...

Kinzica Fantasy prima edizione

Presentazione "Da Cassino ad Hollywood" - Promovie (foto @Promovie)

Cos’è Promovie?...

Cos’è Promovie? – “Da Cassino ad Hollywood” @LaFeltrinelli

ultimi post caricati

Copy of Copy of ON POINT (5)

Radiohead, Populous &#...

Radiohead, Populous & More | Demography #210

pantesca

Insalata Pantesca

Insalata Pantesca

radiohead oknotok

Radiohead, “OKNO...

Radiohead, “OKNOTOK” – Artwork della Domenica

19114432_10213009211735700_297708183_n

Pasta-O-Matic : La pas...

Pasta-O-Matic : La pasta in barattolo!

Commenti