Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Marlene Kuntz @Lumiere [Live report + foto]

Se ieri non siete stati al Lumiere a “onorare il vile” con i Marlene Kuntz, leggendo questo report potrete fare due cose, la prima è leggerlo, la seconda è mangiarvi le mani per esservelo perso.

DSCN6160

Sono passati ormai diversi mesi da quando è iniziato il nuovo tour dei Marlene Kuntz, voluto fortemente dai fan. Infatti dopo il tour del 2014 che celebrava i vent’anni del loro esordio discografico, Catartica, i Marlene hanno deciso di fare lo stesso con Il Vile. Il loro secondo album, pubblicato nel 1996, ha appena soffiato le venti candeline, e per festeggiarlo a dovere è nato Onorate Il Vile Tour, che sta portando in giro uno dei classici della discografia dei Marlene Kuntz, al quale si alternano brani dell’ultimo album della band, ovvero Lunga Attesa uscito nel 2016.

DSCN6186

La serata inizia con una lunghissima coda davanti al Lumiere: la biglietteria deve ancora aprire e c’è addirittura chi teme di essere arrivato troppo tardi. In fila tantissimi sono veterani dei concerti dei Marlene Kuntz e iniziano a raccontare di quel concerto e di quell’altro, ci si scambia opinioni sui vari album, o su quale birra prendere, ma la maggior parte è ansiosa di vedere i Marlene Kuntz suonare i pezzi durissimi di vent’anni fa. Piano piano entriamo tutti. Il Lumiere è pieno, si abbassano le luci, i Marlene salgono sul palco, Cristiano Godano si avvicina al microfono e dice “Suoneremo tutto Il Vile“. Da lì in poi è stato un delirio di chitarre, luci, urla. Il rock e gli anni ’90 non sono affatto morti, ma sono sul palco del Lumiere, stanno sudando e suonando come dannati. La gente canta, urla, salta e resta immobile e affascinata a vedere con quanta carica i Marlene stanno riportando in vita pezzi storici come 3 di 3, Cenere, L’Esangue Deborah, ai quali si sposano benissimo i brani di Lunga Attesa, album che richiama tantissimo il sound di quello del’96. Al grido ONORATE IL VILE il Lumiere è in fiamme. E così continua per tutto il live, aggressivo, che ha annovera tra le vittime anche la chitarra di Godano, alla quale è saltata una corda.

DSCN6165

I Marlene Kuntz si concedono una piccolissima pausa, è quasi mezzanotte, ma non è assolutamente finita. L’energia nella sala è tangibile anche in loro assenza che tornano ben presto sul palco e continuano a suonare come ossessi, chiudendo la scaletta con Nuotando nell’aria.

Quando si va a vedere un concerto di un gruppo che si ascolta da una vita, c’è sempre una parte di noi che teme che quel live smonti l’idea che si conserva della bravura della band. Per i Marlene Kuntz questo non vale! Ieri hanno degnamente onorato Il Vile, dimostrando di essere come al solito una delle band che riesce come sempre a soddisfare tutto il pubblico, che infatti ieri è andato in delirio.

DSCN6120

Grazia Pacileo
Foto di Elena Alei

post di questa categoria

bjork ind and wine colapesce

Colapesce, Iron &...

Colapesce, Iron & Wine e Björk | Demography #222

Ammore e Malavita

Recensione: Ammore e M...

Recensione: Ammore e Malavita – RadioEco

ATP (21)

eventi in toscana: jaz...

eventi in toscana: jazz e tanto altro | atp #96

ON POINT (12)

Demography #221 | Senn...

Demography #221 | Senni, Mana & More

ultimi post caricati

andrea-bocelli-cieco

Bocelli al “Robo...

Bocelli al “Robotics Pisa 2017″

disabilità

Riabilitazione Robotic...

Riabilitazione Robotica e disabilità

21369202_1459686247455704_2765862834516775347_n

“I robot sono (già)...

“I robot sono (già) tra noi” alla Stazione Leopolda

21369086_1458170454273950_3935959977150986174_n

Robotics Pisa 2017 e l...

Robotics Pisa 2017 e la sua cerimonia inaugurale

Commenti