Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Massimo Volume live al Lumiere di Pisa.

Il ritorno sulle scene importante e atteso dei Massimo Volume al Lumiere di Pisa.

“Torno sempre a te, in questi giorni inquieti, torno sempre a te”, così si apre il live dei Massimo Volume al Lumiere. Un palco fino a qualche minuto buio, la gente seduta ai propri posti in un’attesa sempre più frenetica. Il tempo di salire, sedersi alla batteria, imbracciare gli strumenti, e l’aria subito si surriscalda. Quasi sei anni di attesa per il ritorno della band post rock bolognese e della loro inimitabile miscela di narrazione e musica. E l’attesa è assolutamente ripagata.

massimo volume @ lumiere (8)

Il ritorno sui palchi dei Massimo Volume è un’occasione unica da non perdere, soprattutto per chi come noi, per questioni anagrafiche e geografiche, non ha avuto modo di ammirarli nel corso degli anni ’90, ma è cresciuto ascoltando un certo tipo di rock che sembra quasi scomparso dall’attuale panorama musicale italiano. I Massimo Volume mancano da sei anni e sono tornati in forma perfetta sia su disco che nella dimensione live.

massimo volume @ lumiere (18)

L’aria che si respira dunque è quella delle grandi occasioni. Il forte senso d’attesa e l’adrenalina di un Lumiere completamente sold out è palpabile. Avvolti da una densa nuvola di fumo, Emidio Clementi, Vittoria Burattini ed Egle Sommacal, coadiuvati da Sara Ardizzoni alla chitarra elettrica e cori, fanno il loro ingresso sul palco, accolti dal boato di un pubblico numeroso e già calorosissimo. Il sound della band fin dalle prime note annulla la distanza tra loro e il pubblico. Subito si instaura clima di familiarità tra spettatori e palco, e qualcuno urla “Quanto ci siete mancati, cazzo!”. Non ci accorgiamo più di essere seduti, in piedi, siamo in un altro posto. Circondati dalle chitarre di Egle, dalla batteria di Vittoria, avvolti dal basso e dalla voce viscerale ed evocativa di Emidio Clementi. La scrittura di Mimì è devastante: Il Nuotatore conferma la sua immensa bravura e ci trascina nelle sue storie, in un mondo di riferimenti letterari, personali, che arriva dritto alla cassa toracica.

massimo volume @ lumiere (13)

Le 9 nuove tracce de Il Nuotatore si intrecciano con uno strato di noise, echi e delay, e sono intervallate da alcuni brani del vecchio repertorio come Litio e Le nostre ore contate, in un concerto serrato e ricco di emozioni che si conclude con Coney Island, Il primo dio e Fuoco fatuo, che lasciano il pubblico letteralmente tramortito dallo stato di grazia dei Massimo Volume.

massimo volume @ lumiere (26)

Un concerto perfetto nell’esecuzione, nella sensualità del suono, nella declamazione dei versi, negli arpeggi malinconici e introversi, nell’ingannare il tempo. Gioia e malinconia sono intimamente connesse tra le trame delle chitarre e la voce calda e graffiante di Emidio. Bozzetti onirici, sprazzi di poesia si insinuano nel drumming sempre impeccabile di Vittoria Burattini. Le chitarre di Egle Sommacal e Sara Arizzoni disegnano scenari post- rock che ci avvolgono il cuore e lasciano senza fiato.

massimo volume @ lumiere (2)

È fastidioso ora come ogni parola suoni banale. All’improvviso ho la sensazione che ogni parola sia un grumo di lettere inutili e non avrei mai immaginato quanto potesse essere difficile descrivere la bellezza di un concerto. Di un suono perfetto e inattaccabile. Sono incapace di trovare il filo di un discorso con il quale tradurre le emozioni. Non posso tradurle in frasi comuni. Le frasi comuni fanno apparire tutto razionale, e il mondo disegnato ieri dai Massimo Volume non viaggia più con questa elementare coerenza.

massimo volume @ lumiere (12)

Il gruppo si congeda dandoci l’appuntamento per la seconda data in uno scroscio di applausi sincero e commosso.

Massimo Volume ben tornati, e grazie di tutto quello che le parole non possono descrivere.

Grazia Pacileo e Marta Cardilli per Radioeco

post di questa categoria

WhatsApp Image 2019-03-23 at 02.34.26

Pasta al Forno –...

Pasta al Forno – Universitari in Cucina

nubya garcia

Nubya Garcia live al P...

Nubya Garcia live al Pisa Jazz Festival .

SYML

SYML, Tusks, The Cranb...

SYML, Tusks, The Cranberries & more | Demography #369

23 marzo lumiere

Marzo volge al termine...

Marzo volge al termine ma non le novità che ci riserva!

ultimi post caricati

carnì-800x1000

“Cose storteR...

“Cose storte” di Andrea Carnì alla Libreria Pellegrini

donne 3

Donne in festa!Tanti e...

Donne in festa!Tanti eventi da non perdere questa settimana! |atp #167

DSC_8463

Emma Goldman – F...

Emma Goldman – Femminismo e anarchia alla Sms Biblio

oznor

Gli Anni 50 – Le imm...

Gli Anni 50 – Le immagini di un decennio a Pisa

Commenti