Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Mirai: la recensione dell’anime firmato Mamoru Hosoda

Mirai, anime di Mamoru Hosoda, approda finalmente nelle sale cinematografiche italiane. NerdEco #41

Il 15, 16 e 17 ottobre, è giunto nei cinema italiani, grazie a Nexo Digital, Mirai, un film di Mamoru Hosoda prodotto dallo Studio Chizu e presentato in anteprima mondiale al Festival di Cannes 2018.

Con questo film Mamoru Hosoda (già autore di Wolf Children  e The Boy & the Beast) ha conquistato ancora una volta il pubblico in sala; ad aiutarlo nell’impresa il suo modo inconfondibile di rappresentare anche le emozioni più articolate, e l’affrontare temi profondi in maniera lineare ed estremamente espressiva.

Mirai

Questo suo ultimo lavoro ci catapulta in un ambiente tutt’ altro che semplice: la famiglia.

Per far ciò lo spettatore è chiamato ad assumere il punto di vista di Kun, un bambino di quattro anni, costretto a cedere i suoi privilegi e le attenzioni dei genitori all’ arrivo della sorellina Mirai.

È questo il sentimento di impotenza che attanaglia Kun e che lo spinge a ribellarsi e a rifugiarsi in un mondo di fantasia in cui lui è, finalmente, l ’unico protagonista: una dimensione in cui misteriosamente passato e futuro si incontrano e, in un gioco di alternanze, alterano il presente per poi fondersi in esso.

Un percorso interiore che sarà responsabile di una crescita personale e di una maggiore consapevolezza del proprio ruolo nel contesto familiare.

Mirai

“Voglio incoraggiare i bambini di tutto il mondo e celebrare chi diventeranno” ha affermato Hosoda, che, traslando in questo progetto la propria esperienza di famiglia e di padre, ha creato un piccolo capolavoro che farà sicuramente commuovere i più grandi ed emozionare i più piccoli.

Tecnicamente Mirai presenta un ritmo vivace e incalzante che mai annoia lo spettatore. Si ride e ci si commuove allo stesso tempo.

Hosoda inoltre si è mosso con uno stile visivo personale che oscilla tra il classico e il moderno, fondendo tecniche diverse in modo fluido, coerente e delicato: morbidezza del tratto e movimenti di camera assicurati dall’ uso della CGI.

La colonna sonora, a cura di Takagi Masakatsu, risulta ampiamente efficace nel catturare il mistero e la meraviglia della gioventù.

Tutto contribuisce a rendere Mirai un piccolo gioiellino d’animazione giapponese: un contesto in cui il nome di Mamoru Hosoda sta diventando, senza alcun dubbio, di gran rilievo.

Irene Camposano per Radioeco (con contributi di Isabel Viele)

post di questa categoria

Davide Petrella

Il lunapark musicale d...

Il lunapark musicale di Davide Petrella

am music

A tutta musica: tre me...

A tutta musica: tre mesi di Amazon music a 0,99€ – Tutto il tech della settimana #2

collisions

Collisions live per Ro...

Collisions live per Ronzii Festival @Lumiere, Pisa

Maisha

Maisha, Mulai, Gimlii ...

Maisha, Mulai, Gimlii | Demography #305

ultimi post caricati

4362142973_41e74dbc81_b

Aggiornare il corso di...

Aggiornare il corso di comunicazione L-20? Capiamo la nuova proposta

foto di Cinema Arsenale

“Il ragazzo più...

“Il ragazzo più felice del mondo” – Intervista a Gipi

naip

NAIP + Baby Dee @Lumie...

NAIP + Baby Dee @Lumiere [ report e intervista ]

palazzo-blu

Palazzo Blu compie 10 ...

Palazzo Blu compie 10 anni: aperture serali, dialoghi d’arte e musica in città

Commenti