Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Mòn , The Prodigy, Foxwarren, & more | Demography #321

Nel pieno del periodo frenetico che precede il Natale, in questo mercoledì vogliamo regalarvi un po’ di sane chill vibes con i Mòn che vogliono tenerci incollati alle cuffie con i loro beat e synth, novità che navigano nell’indie e un nuovo singolo dei The Prodigy a dare una sferzata di dance elettronico.

 

Oggi vogliamo cominciare segnalandovi un nome tutto italiano, precisamente romano: i Mòn, interessantissimo quintetto di elettro-folk e indie-pop ricco di influenze di post-rock, capitanato da una voce femminile, quella di Carlotta Deiana. I Mòn non sono al loro debutto, la band è nata infatti nel 2014 e quello che uscirà a Gennaio sarà il loro secondo album, Guadalupe,via Urtovox Records. In playlist trovate IX, rilasciato il 7 Dicembre scorso: “IX, due lettere che formano un simbolo, la nona carta del gioco, l’uomo che cammina tra la giustizia e la fortuna.” Si tratta, per i Mòn, di  “un monologo interiore che si muove lungo il filo che divide la paura e il desiderio di raggiungere il picco della montagna”, tradotto in un sound dal beat veloce e dai synth accattivanti.

Mòn - IX

Mòn – IX

Prima dei Mòn, però, facciamo un po’ di riscaldamento: già ad inizio playlist sonorità dreamy ricercate dal trio viennese Love Good Fail, che in Now That I’ve Found vengono mescolate a dubstep e strofe più pop. La band ha pubblicato il debut album We Met At Night lo scorso 8 Giugno per Rough Trade, vi consigliamo di tenerli a mente se nelle vostre giornate avete bisogno di una fuga dalla realtà ogni tanto; ma adesso voliamo in quel di Los Angeles dove il quintetto psyche rock Lucille Furs, in procinto di pubblicare il nuovo album Another Land il 15 Febbraio del prossimo anno via Requiem Pour Un Twister ha intanto diffuso il singolo omonimo, ed anche qui l’ascolto ci porta un po’ fuori dal nostro tempo, con una voce e una batteria che sanno di anni ’60, ma una chitarra più attuale che mai, quelle delle garage bands della LA di oggi.

Altro giro, altro debut album: questa volta è il turno di Moods, beatmaker olandese che con Zoom Out, dato alle stampe lo scorso 26 Ottobre propone una godibile panoramica di funky, elettronica, house e hip-hop, accompagnata dalla voce di Pip Millett nel brano Get To Know You. Consiglio spassionato: ricordare il nome di questo ragazzo.

Moods - Zoom Out

Moods – Zoom Out

Ancora funky e buone vibrazioni dance con Toro Y Moi e la sua Ordinary Pleasure: già la scorsa settimana vi avevamo segnalato l’altro dei due singoli che vanno ad anticipare il nuovo album in uscita ad inizio 2019 per Carpark, gli assaggi di questi singoli sono solo un incentivo ad attendere con ancora più ansia la release.

In arrivo ora una (Time)bomba: i The Prodigy sanno sempre come catturare mente e corpo con la loro dance elettronica, l’ennesima dimostrazione è questo singolo estratto dall’ottavo album No Tourists, Timebomb Zone, dove i primi secondi di atmosfera dark lasciano presto spazio all’energico beat che firma da sempre i loro pezzi, incalzato nel video del singolo dal vortice di lotta estrema di cui si trovano a far parte i protagonisti.

Seconda parte di playlist dedicata ad una più comfortable chill zone: Palace con No Other, un pop guidato da una voce sognante e subito dopo Charlotte Gainsbourg, la franco-britannica figlia d’arte che si mantiene su atmosfere distanti dalla realtà con questa Such a Remarkable Day, scandita da un’elettronica che a tratti si rifà alle Nordic Girls Fever Ray e Iamamiwhoami.

Sul finale di playlist ancora note dolci ma profonde con l’indie dei canadesi Foxwarren e la loro To Be, parte dell’ultimo album Foxwarren uscito il 30 Novembre scorso: forse il pezzo più sognante tra le proposte di oggi.

Foxwarren

Foxwarren

Per chiudere, vi lasciamo con uno dei brani che compongono la colonna sonora del film ad episodi (guai a definirlo serie tv!) La Ballata di Buster Scruggs, un western ora in streaming su Netflix: Whena a Cowboy Trades His Spurs for Wings, scritta da Gillian Welch e Dave Rawlings per la performance di Willie Watson e Tim Blake Nelson.

 

La Ballata di Buster Scruggs

La Ballata di Buster Scruggs

Buon ascolto!

 

Francesca Staropoli per RadioEco

post di questa categoria

DSC_1222

Romics ed. autunnale 2...

Romics ed. autunnale 2019 NerdEco#71

C

C’era una volta ...

C’era una volta a… Hollywood: la recensione

Chiara Ferragni

Chiara Ferragni –...

Chiara Ferragni – Unposted, la recensione

DSC_1128

San Marino Comics 2019...

San Marino Comics 2019 NerdEco #70

ultimi post caricati

Europee

Europee 2019: le elezi...

Europee 2019: le elezioni dal punto di vista dei social

caracol

Maggio frizzante: jazz...

Maggio frizzante: jazz, poetry slam e spettacoli! #atp 175

Cattura

Giornata mondiale libe...

Giornata mondiale libertà di stampa, convegno in memoria di Antonio e Bartek

DSC_9299

Expo Motori 2019, a Po...

Expo Motori 2019, a Pontedera la 14ª edizione

Commenti