Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Noirêve, Craig Leon, Batu | Demogrpahy #408

Playlist Demography all’insegna della sperimentazione elettronica tra ambient, world music e techno. Attraverso queste coordinate di riferimento ascoltiamo e guardiano il nuovo videoclip di Noirêve pubblicato da Shivelight, l’elettronica extraterrestre e ancestrale di Craig Leon, sonorità dilatate e fascinazioni cinematiche con Dean Hurley, Nivhek, Sarah Davachi, Jefre Cantu-Ledesma, per poi approdare a sonorità più serrate con Batu e Special Request, e tanto altro ancora.

Noirêve, nome d’arte Janet Dappiano, è una giovane producer e musicista trentina che esplora il mondo della musica elettronica tra chitarre, sitar e bansuri della tradizione indiana, percussioni africane, folk salentino, suoni d’ambiente e l’uso alternativo di oggetti scenici trasformati in strumenti musicali. Noirêve riesce a condensare in modo coerente e raffinato diversi stili e influenze, creando una personale alchimia di tradizione e innovazione tra world music, dream-pop e folktronica. Laureata in Popular Music (Goldsmiths, University of London) e in Nuove Tecnologie e Multimedialità (Conservatorio Bonporti, Trento), Noirêve è attiva in Italia e all’estero, e ha condiviso il palco con artisti del calibro di Tama Sumo, Holly Herndon, Arms And Sleepers, KVB, solo per citarne alcuni; inoltre è stata scelta da SoundReef per rappresentare la nuova scena elettronica italiana al Sónar Festival 2016 di Barcellona.

 Noirêve

Lo scorso 20 maggio Noirêve ha condiviso il nuovo videoclip del brano Jalìa, singolo estratto dall’album d’esordio Pitonatio, pubblicato lo scorso il 22 giugno 2018 per l’etichetta torinese INRI.

Jalìa si discosta dalle atmosfere orientali della title track per abbracciare suoni nordici e dilatati, in cui la voce di Alice Righi si muove in un paesaggio sonoro atemporale e fluttuante. Gli altri brani del disco spaziano tra sonorità proprie della musica del sud-est asiatico, in particolare del dhrupad (India del nord) e del gamelan (Indonesia), ritmi tribali come in Embers e Holy Guacamole, produzioni dark che si sposano con la tradizione salentina, come Lu Rusciu de Nonno Osvaldo, influenze world e trip-hop in Bradipedia e Pitonatio, e atmosfere sognanti e a tratti ambient, come appunto in Jalìa e Musica per Grattini.

La magia di una espressività delicata e magnetica attraversano l’intero disco così come il nuovo video, che catapulta lo spettatore in un mondo onirico, suggestivo e misterioso, in cui l’imprevedibilità rafforza l’esperienza del surreale.

Il videoclip, diretto da c•ntact she*t, pseudonimo del giovane filmmaker Marco Pallaoro, riflette un tragico ed estremo tentativo di riconnettere la nostra anima (rappresentata dalla la farfalla, riprendendo l’iconografia religiosa) al disegno universale. La protagonista cerca di annegare, e in quegli effimeri momenti di beatitudine e dolore, in una terra di silenzio e oscurità, riscopre la bellezza della natura, a cui tutti apparteniamo, da cui tutti veniamo e inevitabilmente torniamo, in un circolo eterno, e il processo di risveglio permette la riconnessione consapevole con la propria anima. Il video è stato pubblicato dal canale YouTube anglo-olandese Shivelight, specializzato nella commistione tra musica etnica ed elettronica.

Da questi spunti offerti da Noirêve si dipana il filo della narrazione dei prossimi due brani in playlist: il tema dell’anima è ripreso infatti da Dean Hurley, mentre Craig Leon ci conduce verso altri mondi lontani, nei territori di una “Folk Music Extraterrestre”.

Dean Hurleycollaboratore di lunga data di Lynch e supervisore alla musica di Twin Peaks, nonché produttore di artisti quali Lykke Li, Dirty Beaches, Zola Jesus e The Veils – ha annunciato il secondo volume della serie Anthology Resource Vol. II: Philosophy of Beyond (uscirà il 12 luglio via Sacred Bones Records), lavoro inteso come colonna sonora per “il misterioso e immortale viaggio dell’anima in profondità oltre il conosciuto e viceversa “. “What lies beyond physical reality? Beyond intellect and the system of the five senses? What do accounts of near death experiences, alien encounters, psychedelic drugs, astral projection, even strokes all have to do with this and why do each seem to share a core architecture of description?” sono le domande che hanno ispirato la lavorazione di questo album.

 Noirêve

Craig Leon propone un secondo volume dell’antologia di Musica Popolare Interplanetaria con il titolo The Canon, uscito il 10 maggio 2019 per la Rvng Intl., la stessa label che ha riproposto nel 2014 Nommos e Visiting, raggruppandoli come Anthology Of Interplanetary Folk Music Vol.1. Leon riprende le suggestioni derivanti dalle fittizie origini extraterrestri della cultura occidentale, partendo dai miti e dalle conoscenze del popolo africano Dogon (che faceva dipendere tutte le loro complesse conoscenze dagli insegnamenti dei Nommos, alieni provenienti da Sirio) e collegandosi, poi alla cultura egizia e da lì agli sviluppi della civiltà greca nel Mediterraneo. “The Canon rappresenta in un certo senso l’evoluzione cronologica della storia che ha ispirato Nommos, qualche migliaio di anni dopo: è una sorta di immagine musicale di un viaggio dall’Africa alla Grecia. I suoni sono più terreni, più “mediterranei”, le percussioni sono più naturali” spiega Leon stesso, l’ approccio cosmic/space si inserisce all’interno di una musica “tribale”, elettronica e IDM, in bilico tra minimal e world music, kosmische e prototechno.

 Noirêve

Ritorniamo alle sonorità dilatate con i successivi brani in playlist: il nuovo singolo di Jefre Cantu-Ledesma, Joy, condiviso per annunciare il nuovo disco Tracing Back the Radiance, in uscitra il 12 luglio via Mexican Summer ; e il singolo drone ambient meditativo per pianoforti ed elettronica Perfumes III di Sarah Davachi, sperimentatrice di origini canadesi, oggi residente in California. Il brano è tratto da Pale Bloom, uscito il 31 maggio 2019 via W.25TH, una sussidiaria della Superior Viaduct. Registrato ai Fantasy Studios di Berkeley, California, il lavoro si compone di due parti. La prima è una suite tripartita (Perfumes I-III) che prende spunto dalla musica per organo di Bach e si avvicina alle atmosfere della colonna sonora di Solaris di Andrej Tarkovskij, la seconda (If It Pleased Me To Appear To You Wrapped In This Drapery) viaggia invece su binari affini al minimalismo classico di La Monte Young ed Eliane Radigue.

Rimaniamo in casa via W.25TH, con Nivhek nuova incarnazione di Liz Harris, meglio nota come Grouper, e un brano tratto da After Its Own Death/Walking in a Spiral Towards the Hous, pubblicato l’8 febbraio. Commissionato da un sodalizio tra il festival Unsound, il Barbican Centre e il Goethe-Institut, il disco nasce dalla collaborazione con l’artista visuale Marcel Weber, ed è stato composto durante le residencies condotte dagli artisti tra Portogallo, Russia e Oregon. Si compone di quattro lunghe tracce in cui si alternano folk magico, minimalismo e ambient, in particolare voci rarefatte, oscure ed eteree, droni ipnotici, partiture per vibrafono, campane e strumenti che ci conducono ad un ascolto assorto, emotivo e immaginifico.

Noirêve

Ancora due donne: la songwriter australiana di stanza a Londra, Carla Dal Forno, tornata lo scorso 19 aprile con So Much Better, un 7” uscito ad inaugurazione della sua label personale Kallista Records; e il rework firmato da Cosey Fanni Tutti del brano Carry Me di Penelope Trappes. La traccia farà parte di Redeux, album che presenterà 10 reinterpretazioni dell’opera di Trappes, Penelope Two, a cura di alcuni dei suoi artisti preferiti quali Mogwai, Cosey Fanni Tutti, Félicia Atkinson e JFDR. “There were no preconceived notions of how the reworks would work together, just total freedom”, speiga la Trappes. “I’m absolutely in love with all of these reworks! I never really thought I’d get the chance to collaborate with such an array of creative artists who have inspired me, but at this point, I’ve learned to never say never.” Penelope Redeux uscità domani 7 giugno via Houndstooth.

Rimaniamo in casa Houndstooth con Special Request, nome d’arte del producer britnanico Paul Woolford, e ascoltiamo un brano tratto dal suo ultimo disco VORTEX che prosegue sulla scia dei lavori precedenti, tra decostruzioni jungle e drill’n’bass, rave, techno e gabber; un ascolto serrato e frenetico, con tracce che vanno da 130 a 175 bpm. Ancora “techno” con Batu aka Omar McCutcheon con l’EP False Reeds, uscito il 17 maggio 2019 sulla sua Timedance. Nella nota stampa leggiamo che le tre tracce giocose e creative sono incentrate su un sound design colorato e accattivante con arrangiamenti audaci, perfetti per corpo e mente.

Concludiamo da dove eravamo partiti, ossia dalla fusione elettronica e world influence ma virando virando sonorità più dancefloor-oriented con Auntie Flo e il nuovo EP Kabsa, concepito nei suoi viaggi tra Beirut, Tel Aviv, Marrakesh e Istanbul, per poi volare in Sud America con Barrio Lindo, moniker di Agustin Rivaldo, producer e co-fondatore del collettivo Shika Shika, e il suo nuovo album Fulgor ispirato al corpo, al movimento e al modo in cui le persone si connettono attraverso la danza, principale mezzo con cui entrare in rapporto con l’altro, e strumento che permette a ciascuno di affermare la propria identità ed esternare le proprie emozioni.

Jalìa – Noirêve
Exotic Matter – Dean Hurley
Standing Crosswise in the Square – Craig Leon
Joy – Jefre Cantu-Ledesma
Perfumes III – Sarah Davachi
Walking in a spiral towards the house: Side C – Nivhek
Fever Walk – Carla dal Forno
Carry Me – Cosey Fanni Tutti Rework – Penelope Trappes, Cosey Fanni Tutti
SP4NN3R3D – Special Request
False Reeds – Batu
Kabsa – Auntie Flo
Oscuro Y Brillante – Barrio Lindo
Realize – Synkro

 

Marta Cardilli per RadioEco.

Noirêve

 

 

post di questa categoria

Instupendo

Recharge: Matisa, Quan...

Recharge: Matisa, Quantic, Instupendo | Demography #147

Venerus

Venerus, Sabrina Claud...

Venerus, Sabrina Claudio, Luché e molto altro | Demography #416

cinema

Arsenalestate, musica,...

Arsenalestate, musica, teatro e tanto altro! | ATP #178

DSC_0167

Uplay capitolo II Nerd...

Uplay capitolo II NerdEco #68

ultimi post caricati

Europee

Europee 2019: le elezi...

Europee 2019: le elezioni dal punto di vista dei social

caracol

Maggio frizzante: jazz...

Maggio frizzante: jazz, poetry slam e spettacoli! #atp 175

Cattura

Giornata mondiale libe...

Giornata mondiale libertà di stampa, convegno in memoria di Antonio e Bartek

DSC_9299

Expo Motori 2019, a Po...

Expo Motori 2019, a Pontedera la 14ª edizione

Commenti