Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Non ti pago in scena al Teatro Verdi

Sabato e Domenica al Teatro Verdi di Pisa è andata in scena ” Non ti pago “,  commedia brillante scritta da Eduardo De Filippo e riproposta attraverso la lente sapiente dell’ultima regia di Luca De Filippo.

” Non ti pago “ è uno spettacolo spassoso e ben costruito caratterizzato da un ritmo veloce e vivo: un vero e proprio gioiello che ha raccolto numerosi applausi a scena aperta. Percepibile il grande l’entusiasmo e l’apprezzamento in sala durante e al termine della commedia: due ore di vera e propria arte che ci hanno regalato moltissime risate, seppur amare e recanti un messaggio di fondo drammatico.  Un perfetto ed armonico connubio di humour, follia, riflessione e inquietudine.

Non ti pago

Non ti pago

De Filippo delinea infatti uno scenario in cui realtà e sogno si intrecciano e in cui la superstizione gioca un ruolo fondamentale come ultimo appiglio per sperare in un futuro migliore e chiudere gli occhi di fronte ad una realtà che non lascia più sperare, tra cupidigia, crudeltà familiari e fallimenti personali. L’ultima parola spetta alla credenza: a quello che vogliamo credere, a quello che ci fanno credere, a quello che vorremmo credere.

La trama si sviluppa attraverso peripezie assurde e personaggi molto caratterizzati: il protagonista Ferdinando Quagliuolo, gestore di un  botteghino del lotto di Napoli, vive tra sogno e realtà e continua a giocare senza riuscire mai ad ottenere una vittoria. Al contrario un suo impiegato Mario Bertolini, suo futuro genero, interpretando i sogni, raccoglie vincite su vincite e addirittura un giorno gli capita di vincere una ricca quaterna di quattro milioni delle vecchie lire datagli in sogno proprio dal defunto padre del suo datore di lavoro. Accecato da una feroce invidia Don Ferdinando si rifiuta di pagargli la vincita e rivendica il diritto di incassare la somma per se. Egli sostiene che lo spirito di suo padre avrebbe commesso un involontario scambio di persona recandosi per errore nella vecchia abitazione della famiglia Quagliuolo dove ora risiede il giovane Bertolini. La commedia si sviluppa intorno ai vari tentativi di Ferdinando di appropriarsi del biglietto vincente con esasperate contese, dispute surreali e grottesche maledizioni.

A contribuire alla perfetta riuscita di questo piccolo capolavoro del teatro napoletano la magistrale bravura degli attori e un testo comico che solo la maestria di un grande autore e attore come Eduardo poteva regalarci.

 

Elena Alei per RadioEco

 

 

post di questa categoria

ATPap1

Eventi in Toscana: Cor...

Eventi in Toscana: Cory Henry, Deposito e tanto altro | ATP #127

Avengers

Avengers: Infinity War...

Avengers: Infinity War, la recensione

pop dei coreani

IL TRONO DI SOTTOCULTU...

IL TRONO DI SOTTOCULTURE #12: POP E ROCK COREANI

Lorenzo Kruger al Cinema Lumière, Pisa

Lorenzo Kruger e le ca...

Lorenzo Kruger e le canzoni dei Nobraino [report]

ultimi post caricati

FIPILI HORROR FESTIVAL

FIPILI Horror Festival...

FIPILI Horror Festival 2018 – settima edizione

IJF18: Ferruccio De Bortoli

#IJF18: Ferruccio De B...

#IJF18: Ferruccio De Bortoli “Giornalismo e rivolta. mezzo secolo dopo il ’68″

mosul

#IJF18: Mosul eye racc...

#IJF18: Mosul eye racconta l’atrocità dell’Isis

#IJF18 - Il caso David Rossi - Foto di Sara Binelli

#IJF18 – Il caso...

#IJF18 – Il caso David Rossi

Commenti