Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Note Noire: la musica zingara all’Ex Wide

I Note Noire sono un gruppo meraviglioso. Bravissimi, intelligenti negli arrangiamenti e nelle improvvisazioni. Sanno tenere qualsiasi tipo di pubblico: dal jazzofilo esigente e serioso al danzereccio molto poco attento. Il fatto è che la musica proposta dal quartetto tosco-cubano porta con sè lo spirito zingaro di chi vuole stare bene e divertirsi.

Ok, ora mi fermo. Facciamo che voi al concerto non ci siate stati, che non sappiate nulla dei Note Noire e che della musica zingara conosciate solo il celebre Goran Bregovic. I Note Noire sono 4 portentosi musicisti che suonano 4 strumenti altrettanto portentosi: Ruben Chaviano al violino, Roberto Beneventi alla fisarmonica, Tommaso Papini alla chitarra e Mirco Capecchi al contrabbasso. La loro vocazione è la musica zingara europea: dagli swing manouche della mussete parigina ai balli greci tradizionali, passando per la musica ebraica.1579901_10152056965651743_1862082553_n

Ammetto di essere un po’ di parte e fortemente interessato alla serata, in quanto conosco Tommaso come accompagnatore di Jacopo Martini, e volevo sentirlo alle prese con altre sonorità e con soli e run. Arrivato di buon ora all’Ex-Wide, trovo tanta gente che aspetta, gente di tutte le “razze”, dagli intenditori sul divanetti alle ragazze acconciate alla zingara che occuperanno poi metà della platea per ballare. Salgono i musicisti sul palco ed attaccano con “Hasapiko”, un rebentiko tradizionale, poi “Piccolo Fiore”, una valse musette di Carlo Venturi, e così via, a spasso per le sonorità di tutta l’Europa attraverso i brani che compongono l’ultimo disco dei Note Noire, dal nome “Incontri”. Non solo i quattro musicisti eseguono con forte verve i brani, trasmettendo questa forza anche al pubblico, ma improvvisano in modo fantasioso e citando di tutto, da “Belleville” a “Tico tico”, insomma prendendo spunto da tutta quella esperienza e tradizione orale che porta con se il mondo zingaro.
Tutti ci divertiamo, alcuni ballano immediatamente sotto il palco, altri rimangono estasiati sui divanetti dell’ExWide, come a gustarsi le sonorità di mondi e tempi lontani, con una malinconia essere presente solo nei nostri cuori intorpiditi dai ritmi meccanici della vita moderna e stanziale.
Il concerto finisce, peccato. Spero di incontrare nuovamente il quartetto in zona. Se venite a conoscenza di un loro concerto, fate di tutto per andarci, vi regalerete una piacevolissima serata.

Andrea Spinelli
Redazione musicale

post di questa categoria

liberato

LIBERATO, Prolly Knot,...

LIBERATO, Prolly Knot, Giraffage | Demography #224

C'era_una_volta_in_America

Canova @ Metarock Pisa...

Canova @ Metarock Pisa ( report + intervista)

in-questo-angolo-di-mondo-anime-nexo-digital-14

In questo angolo di mo...

In questo angolo di mondo, arriva nelle sale italiane

ATP (22)

eventi in Toscana: Rol...

eventi in Toscana: Rolling Stones, C2C e molto altro|ATP#97

ultimi post caricati

21765841_1461801023868200_4469297682932639072_o

Mindscience of Reality...

Mindscience of Reality ospita il Dalai Lama

andrea-bocelli-cieco

Bocelli al “Robo...

Bocelli al “Robotics Pisa 2017″

disabilità

Riabilitazione Robotic...

Riabilitazione Robotica e disabilità

21369202_1459686247455704_2765862834516775347_n

“I robot sono (già)...

“I robot sono (già) tra noi” alla Stazione Leopolda

Commenti