Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Note Noire: la musica zingara all’Ex Wide

I Note Noire sono un gruppo meraviglioso. Bravissimi, intelligenti negli arrangiamenti e nelle improvvisazioni. Sanno tenere qualsiasi tipo di pubblico: dal jazzofilo esigente e serioso al danzereccio molto poco attento. Il fatto è che la musica proposta dal quartetto tosco-cubano porta con sè lo spirito zingaro di chi vuole stare bene e divertirsi.

Ok, ora mi fermo. Facciamo che voi al concerto non ci siate stati, che non sappiate nulla dei Note Noire e che della musica zingara conosciate solo il celebre Goran Bregovic. I Note Noire sono 4 portentosi musicisti che suonano 4 strumenti altrettanto portentosi: Ruben Chaviano al violino, Roberto Beneventi alla fisarmonica, Tommaso Papini alla chitarra e Mirco Capecchi al contrabbasso. La loro vocazione è la musica zingara europea: dagli swing manouche della mussete parigina ai balli greci tradizionali, passando per la musica ebraica.1579901_10152056965651743_1862082553_n

Ammetto di essere un po’ di parte e fortemente interessato alla serata, in quanto conosco Tommaso come accompagnatore di Jacopo Martini, e volevo sentirlo alle prese con altre sonorità e con soli e run. Arrivato di buon ora all’Ex-Wide, trovo tanta gente che aspetta, gente di tutte le “razze”, dagli intenditori sul divanetti alle ragazze acconciate alla zingara che occuperanno poi metà della platea per ballare. Salgono i musicisti sul palco ed attaccano con “Hasapiko”, un rebentiko tradizionale, poi “Piccolo Fiore”, una valse musette di Carlo Venturi, e così via, a spasso per le sonorità di tutta l’Europa attraverso i brani che compongono l’ultimo disco dei Note Noire, dal nome “Incontri”. Non solo i quattro musicisti eseguono con forte verve i brani, trasmettendo questa forza anche al pubblico, ma improvvisano in modo fantasioso e citando di tutto, da “Belleville” a “Tico tico”, insomma prendendo spunto da tutta quella esperienza e tradizione orale che porta con se il mondo zingaro.
Tutti ci divertiamo, alcuni ballano immediatamente sotto il palco, altri rimangono estasiati sui divanetti dell’ExWide, come a gustarsi le sonorità di mondi e tempi lontani, con una malinconia essere presente solo nei nostri cuori intorpiditi dai ritmi meccanici della vita moderna e stanziale.
Il concerto finisce, peccato. Spero di incontrare nuovamente il quartetto in zona. Se venite a conoscenza di un loro concerto, fate di tutto per andarci, vi regalerete una piacevolissima serata.

Andrea Spinelli
Redazione musicale

post di questa categoria

Kelela - Take Me Apart Remixes

St Vincent, Kelela, No...

St Vincent, Kelela, Noname | Demography #302

ADVENTURE CLUB (1)

Generic Animal al Lumi...

Generic Animal al Lumiere e tanti altri: gli eventi in Toscana | ATP #148

Capibara

Capibara, /handlogic, ...

Capibara, /handlogic, Gold Mass & more | Demography #301

Mirai: la recensione d...

Mirai: la recensione dell’anime firmato Mamoru Hosoda

ultimi post caricati

D14F35A6-F64D-471E-AE24-FA907AAC3FCF

Conferenza Stampa-Navi...

Conferenza Stampa-NavigArte, Comune di Pisa

IF2018 - “Fake: una storia vera” con Martina dell'Ombra

IF2018 – “Fake...

IF2018 – “Fake: una storia vera” con Martina dell’Ombra

Blade Runner

IF2018 – Blade R...

IF2018 – Blade Runner (The Final Cut) @ Cinema Arsenale

Ph: Irene Camposano

IF2018 – Affront...

IF2018 – Affronta il Pac-Man: una sfida all’ultimo puntino.

Commenti