Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Osservatore Televisivo: dagli alla Raggi e ai giornalisti!

Osservatore Televisivo – Controffensiva del M5S a favore della Raggi: c’è chi grida al bavaglio ma sui grandi giornali latitano le inchieste su Consip e Sala. Giovanardi tenta l’azzardo pro-Casta ma con scarsa riuscita.

Osservatore Televisivo - Virginia Raggi e Carlo Giovanardi

Osservatore Televisivo – Virginia Raggi e Carlo Giovanardi

“Ma ti sembro Berlusconi”. Parola di Luigi Di Maio – in un frammento di Piazzapulita all’inviato di Formigli –, classe 1986, avellinese, già idolo assoluto pentastellato prima dell’esplosione definitiva di Alessandro Di Battista. Sarà per il capello leccato all’insù, ma tutto Di Maio sembra tranne il Caimano, fact checkin’ positivo, almeno per ora. Eh sì, perché questa settimana la si riassume così: da una parte la grande abbuffata dell’informazione ai danni di Virginia Raggi, dall’altra l’inappetenza congenita dei giornali e dei giornalisti ad interloquire con chiunque non sia grillino (almeno a loro dire).

La linea difensiva è “due pesi e due misure”. Come spiega anche il sopracitato Di Battista in salotto dalla Gruber nell’approfondimento di Otto e mezzo: “Nessuno ha mai chiesto ai giornalisti di chiudere gli occhi, anzi: apriteli di più. Ma chiediamo non di diminuire, ma di aumentare l’attenzione mediatica, anche per gli altri partiti”. E sulle liste di “proscrizione” – degne della miglior censura – spiega: “Ma per chi ci ha preso? Per gente del Medioevo. Il presidente dell’Ordine dei giornalisti ci ha chiesto, secondo me giustamente, di non generalizzare. Di Maio ha presentato un foglio segnalando alcune frasi, dichiarazioni o titoli che secondo noi sono diffamatorie”.

Il che è vero, anche perché in pochi conoscono a menadito il fatto che Luca Lotti sia indagato per rivelazione di segreto e favoreggiamento nell’ambito dell’indagine avviata dalla Procura di Napoli sulla corruzione in Consip; in molti meno che il Sindaco di Milano Sala abbia condotto una campagna elettorale da ipotetico indagato, poi da indagato si sia sospeso temporaneamente, rientrando infine nei ranghi. Senza contare che tutti ignorano come non ci si possa sospendere da sindaco. Insomma bei pasticci, il fumo però abbonda e Rondolino riesce a mandare in caciara persino la questione legata alla lettera lasciata dal trentenne ragazzo suicida: “Alle mie figlie ho insegnato che il precariato è necessario oltreché un valore – e rispondendo al padre di Michele – Questo signore utilizza i sentimenti in modo becero”. Naturalmente potete immaginare come sia andata a finire.

Della serie: ormai il pollaio è sdoganato, e la sensazione è che si possa dire tutto e il contrario di tutto e che potenzialmente sia sempre attribuile a Virginia Raggi. Tranquilli. Nel granguignolesco teatro della tv si scatenano allora gli outsiders, con Spalletti che ruba la scena di Sky a Mangiante e lancia l’hashtag #FamoStoStadio, seguito a cascata da migliaia di tweets. Ma il momento pulp sembra chiamare qualcosa di più grottesco. Giovanardi si ricorda di essere portatore sano di fotogenia e capisce che è il momento giusto per la Casta di ribellarsi. Collegato con la Gabbia Open, incastonato in un primo piano degno di Spielberg, il Senatore NCD buca lo schermo illustrandoci la sua busta paga mensile: “Nella mia rendicontazione 5.200 € sono la diaria, che con le addizionali diventa 4.800 – e ancora – Mentre 9.270 € è il rimborso spese ma sono due cose diverse, a cui poi devo detrarre oltre 8.200 di spese mie mensili e ne rimangono tra tutto 500 € al mese. Facciamola finita di dire che siamo superpagati”. A Parenzo riesce allora la battuta che fa manda tutto in cavalleria: “Mia nonna diceva che un bel silenzio non fu mai scritto e nel suo caso, devo dire, che raggiunge l’apoteosi”.

Stefano Mastini per RadioEco

  

post di questa categoria

Osservatore Televisivo - Congresso PD, Matteo Renzi e Roberto Giachetti

Dai taxi al Congresso:...

Dai taxi al Congresso: la doppia morale del PD

musica-ribelle-andreana-ferri

LA” MUSICA RIBEL...

LA” MUSICA RIBELLE “DI EUGENIO FINARDI AL TEATRO ERA

ON POINT (9)

Sóley – Odeeno ...

Sóley – Odeeno – Animal Collective | Demography #178

Quello che non ho - Teatro del Giglio

Quello che non ho con ...

Quello che non ho con Neri Marcorè al Teatro del Giglio

ultimi post caricati

ATP (11)

ATP #68 – Eventi...

ATP #68 – Eventi della settimana: Vinicio Capossela e tanti altri

baggio

Roberto Baggio, l̵...

Roberto Baggio, l’arte di essere umanamente divino

1375785_231356993690159_1347896260_n

Master CIBA XXIV edizi...

Master CIBA XXIV edizione – Associazione Eraclito 2000

femminista

La delegazione femmini...

La delegazione femminista svedese a Teheran in Hijab

Commenti