Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Otello – Luigi Lo Cascio illumina il Teatro Verdi

Otello – Luigi Lo Cascio illumina il Teatro Verdi

Otello è uno dei classici della drammaturgia inglese. Uno dei classici di William Shakespeare. Il testo sula gelosia, dove l’amore più profondo riesce a diventare l’odio più cieco semplicemente se pizzicato in sottili e fragili punti. La dimostrazione di come i sentimenti siano facilmente avvelenabili. Otello, Desdemona e Iago sono diventati, nell’immaginario collettivo, quelle stesse sensazioni che essi rappresentano nel dramma. E proprio con questo classico che Luigi Lo Cascio ha illuminato un Teatro Verdi  come sempre scintillante. Dopo le folgoranti interpretazioni cinematografiche ci voleva un ritorno dell’attore palermitano sul palcoscenico per esaltare il suo talento recitativo ed, in questo caso, anche la proprio attitudine registica.

Vincenzo-Pirrotta-e-Valentina-Cenni-Foto-di-Antonio-Parrinello

Lo Cascio non si è limitato a trasportare come di consueto una versione tradotta in italiano del testo inglese; no, ha fatto di più. Ha portato sulla scena un Otello siciliano. In siciliano Otello era difficile immaginarlo e devo ammettere che nutrivo qualche dubbio a riguardo. Invece, dopo un primo impatto complicato la musicalità della lingua meridionale prende il sopravvento, amalgamandosi molto bene col testo del dramma. Luigi Lo Cascio dirige questa rivisitazione prendendo il meglio dalla sua terra e ottiene un risultato sorprendente e affascinante. Parte dalla fine, dalla sentenza, per raccontare il suo Otello. Vuole raggiungere subito il climax della storia. L’artista palermitano ci dona un Otello massiccio, rude, di carnagione chiara (Otello è universale, al diavolo la tradizione!) e condizionabile come vuole la storia affidato al bravissimo attore palermitano Vincenzo Pirrotta, perfettamente calato in tutte le sensazioni che invadono il protagonista principale. Tali volte eccedendo fin troppo nell’esuberanza tutta siciliana con la quale manifesta le sue emozioni. Iago, nelle sembianze di un sontuoso Lo Cascio, assume le forme di un velenoso serpente, che differentemente dal solito, si limita solo a distillare qualche goccia del suo veleno senza essere il burattinaio onnipotente che tutti conosciamo. Così facendo gli attribuisce un carattere più misterioso ed intimo. Questo cambiamento dona un grande protagonismo ad Otello che brucia sempre di più fino a decidere, in pratica spontaneamente, la morte della povera ed innocente Desdemona, interpretata da Valentina Cenni. Alla fine, quando il delitto si compie, non esistono vincitori ma solo sconfitti.

imgres-1

Riducendo gli attori al minimo, Lo Cascio ottiene il massimo. Trasformando l’odio in una pura e semplice misoginia. “Tutte Buttane” afferma il Moro accecato dalla gelosia. E’ qui che il regista cerca di assolvere  in parte i suoi personaggi cardine, raffigurando una sorta di Iago moderno che da una spiegazione della sua misoginia che l’ha portato a spingere Otello verso la follia omicida. Otello invece viaggerà verso la luna sul suo Ippogrifo alla ricerca dell’anima di Desdemona.

MG_3285

Il tutto ambientando lo spettacolo su una scena fredda, tetra e buia, come a voler lasciar presagire, in ogni istante della rappresentazione, che la tragedia prima o poi prenderà corpo. Un nero che in certe situazioni avvilisce, tenendo lo spettatore in tensione, incollato agli avvenimenti. A dare una sorta di sfogo e pausa ci pensa il cantastorie – soldato che sapientemente Lo Cascio inserisce sul palco attraverso la figura di Giovanni Calcagno. Anche la scelta scenografia riporta agli elementi che comandano all’interno della storia. Scarna, arida, nuda, fredda. Come l’odio e la vendetta. Non c’e posto per luci splendenti e calde. Per l’amore. Questo è Otello.

 

 

 

 

 

 

post di questa categoria

liberato

LIBERATO, Prolly Knot,...

LIBERATO, Prolly Knot, Giraffage | Demography #224

C'era_una_volta_in_America

Canova @ Metarock Pisa...

Canova @ Metarock Pisa ( report + intervista)

in-questo-angolo-di-mondo-anime-nexo-digital-14

In questo angolo di mo...

In questo angolo di mondo, arriva nelle sale italiane

ATP (22)

eventi in Toscana: Rol...

eventi in Toscana: Rolling Stones, C2C e molto altro|ATP#97

ultimi post caricati

21765841_1461801023868200_4469297682932639072_o

Mindscience of Reality...

Mindscience of Reality ospita il Dalai Lama

andrea-bocelli-cieco

Bocelli al “Robo...

Bocelli al “Robotics Pisa 2017″

disabilità

Riabilitazione Robotic...

Riabilitazione Robotica e disabilità

21369202_1459686247455704_2765862834516775347_n

“I robot sono (già)...

“I robot sono (già) tra noi” alla Stazione Leopolda

Commenti