Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Party Animal, Her Skin, Amanda Palmer | Demography #335

Iniziamo la settimana facendovi ascoltare un po’ di voci nuove e altre un po’ meno, ma come sempre partiamo con ottima musica. Party Animal, Her Skin e Amanda Palmer vi terranno compagnia in questo Blue Monday.

Partiamo con Party Animal, moniker di Andrea Chiapparino, cantautore pugliese ma di stanza a Torino. Il 10 gennaio è uscito il suo EP Leave per  DottoE’ un brutto posto dove vivere e Winter Beach. Andiamo con ordine: leggendo Party Animal la mente viaggia immediatamente pensando di ritrovarsi un progetto completamente diverso, un mix di confusione, festa intesa in modo estremo. Invece Party Animal è tutt’altro e ce lo dimostra con un bellissimo EP. Leave, composto da cinque brani, è elegante, raffinato, si insinua dolcemente nelle nostre orecchie con un sound ricercato ma allo stesso tempo pulito, cristallino.
Party Animal sembra arrivato dalla scena internazionale, senza saperne nulla potrebbe benissimo aver condiviso o collaborato con Rhye, Cigarettes After Sex, due progetti che penso Leave richiami molto.

Il mio consiglio è di mettervi, ascoltare Leave e lasciarvi sciogliere traccia dopo traccia.

Her Skin ha debuttato lo scorso 16 gennaio alla 33esima edizione dell’Eurosonic Noorderslag a Groningen, a cui hanno partecipato anche Alessio Bondì e Any Other, vecchie conoscenze di Demography.

Oggi ascoltiamo l’album di Her Skin, Find a Place to Sleep, album di debutto dopo due Ep autoprodotti, uscito per We Were Never Being Boring Collective. La voce di Sara Ammendolia, questo il nome che si nasconde dietro il moniker, è soave, un vento fresco che scompiglia i capelli, provoca piccole increspature sull’acqua, piega leggermente i fiori. L’idea che accompagna l’ascoltatore per tutto il disco è quella di non trovarsi nella propria camera, in ufficio o su un qualsiasi mezzo, piuttosto sembra d’essere vicino a un lago, mentre la primavera piano piano rende tutto più verde, o all’inizio di un autunno che cambia colore.
Sara è da tener d’occhio, il suo debutto rasenta la perfezione, e la sua voce, che ricorda un po’ quella di Regina Spektor, è una piacevole scoperta che merita di essere approfondita.

Amanda Palmer non ha certo bisogno di presentazioni: cantante, artista poliedrica, attivista, finalmente di ritorno sulla scena dopo sei anni dall’ultimo progetto da solista.
Amanda Palmer torna con There Will Be No Intermission, l’atteso nuovo disco di studio in arriverà l’8 marzo per Cooking Vinyl/Edel Italy.

There Will Be No Intermission è il progetto più personale ed intimo realizzato dalla Palmer ad oggi, con brani che toccano argomenti delicati e profondi quali la vita, la morte, il dolore ed il senso di esso. Mentre i temi affrontati possono apparire cupi, le liriche che accompagnano i testi sono invece travolgenti, quasi un inno alla vita. “Most of these songs were exercises in survival. This isn’t really the record that I was planning to make. But loss and death kept happening in real-time, and these songs became my therapeutic arsenal of tools for making sense of it all.” afferma la Palmer.

party amanda

Registrato in un solo mese a Los Angeles dal vincitore del Grammy John Congleton, l’album è stato interamente sovvenzionato tramite una campagna di crowd-funding attraverso la community hub patreon.com.
Ad anticipare il nuovo lavoro, il brano Drowning in the Sound, scritto dall’artista con l’ausilio di alcuni commenti da parte dei suoi fan sul suo blog, su temi inerenti l’uragano Harvey (molti dei suoi fan si sono trovati senza casa per via dell’uragano, pochi giorni prima che la canzone prendesse forma), i cambiamenti climatici, l’incertezza politica, l’odio dilagante sui social, Taylor Swift. La canzone combina le strambe abilità al piano di Amanda Palmer con un coro che sembra quasi rendere omaggio a Prince ed Ani DiFranco.

Amanda Palmer, Party Animal e Her Skin, questi i consigli di oggi e i vari link per ascoltarli.

 

Grazia Pacileo

post di questa categoria

Chiara Ferragni

Chiara Ferragni –...

Chiara Ferragni – Unposted, la recensione

DSC_1128

San Marino Comics 2019...

San Marino Comics 2019 NerdEco #70

DSC_0645

Festa dell’ Unicorno...

Festa dell’ Unicorno 2019 NerdEco #69

INTESTAZIONE FAT FAT FAT

RadioEco goes to FAT F...

RadioEco goes to FAT FAT FAT Festival

ultimi post caricati

Europee

Europee 2019: le elezi...

Europee 2019: le elezioni dal punto di vista dei social

caracol

Maggio frizzante: jazz...

Maggio frizzante: jazz, poetry slam e spettacoli! #atp 175

Cattura

Giornata mondiale libe...

Giornata mondiale libertà di stampa, convegno in memoria di Antonio e Bartek

DSC_9299

Expo Motori 2019, a Po...

Expo Motori 2019, a Pontedera la 14ª edizione

Commenti