Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Passioni e Desideri

Su e giù per la pellicola, con ago e filo, Fernando Meirelles cuce insieme più storie. I protagonisti delle vicende sono uomini e donne del tutto normali che hanno in comune tra loro un viaggio da fare, una scelta da compiere, un bivio dove svoltare o una strada dritta per ignorare quel bivio. Tra Parigi, Vienna, Londra, Bratislava e Denver (aeroporto) i loro destini s’intersecano casualmente dando origine a una fitta rete di scelte e decisioni a volte programmate altre volte accidentali.

Lo spettatore avrà modo di riflettere sul significato della “fortuna”, come l’avrebbe chiamata Machiavelli, circa cinquecento anni fa. La fatalità, il caso, l’occasione sono i veri protagonisti di questo puzzle semplice e complesso al contempo. Il pubblico si affaccia sopra i destini dei personaggi e ne osserva i risvolti: decisioni e scelte appaiono soggettivamente autonome e libere da ogni condizionamento, tuttavia, dal cielo privilegiato della platea, appare chiaro che, in realtà, ogni azione è strettamente legata e influenzata dalle scelte di altre persone, magari persino sconosciute.

Così per una serie di eventi del tutto imprevisti e inattesi, ogni personaggio influenza ed è influenzato dalla vita degli altri. Essere o non essere, amare e desiderare, irrimediabilmente sbagliare per poi ravvedersi, forse! Fiumi di probabilità in un mare crespo d’incertezze, tra gioie e dolori in ogni incontro giusto o sbagliato.

Jude Law, Anthony Hopkins, Rachel Weisz e il francese Jamel Debbouze sono tra i protagonisti di questa fitta trama.
Nel quotidiano, palcoscenico di queste storie, non c’è spazio per interpretazioni da “grand’attore” perciò le prestazioni si alleggeriscono e risultano celebri solo attraverso il tratto somatico. Elegante, morbida e fresca, quest’opera corale di Meirelles, senza troppe pretese, riesce a ritagliare il sorriso pensieroso dei suoi spettatori.
“A tutti noi capita di trovarci in relazioni che non ci saremmo mai aspettati, ma siamo solo uomini e facciamo molti errori” Anthony Hopkins.

360 è il titolo originale del film. Indica che la vita quotidiana è scandagliata a tutto tondo.
La traduzione snatura il senso affidato al titolo originale e rende il prodotto più “invitante”.
Un’amara consapevolezza avvilisce gli amanti del cinema: lo spettatore medio ha bisogno di essere “ingannato” e indotto a comprare il biglietto.

Federica Bello per Cinerubric

post di questa categoria

Joe Wright. La danza dell'immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill - Foto di Aurora Parisi

Joe Wright. La danza d...

Joe Wright. La danza dell’immaginazione, da Jane Austen a Winston Churchill, di Elisa Torsiello

generic animal

Generic Animal –...

Generic Animal – Animali generici e dove trovarli – Intervista e live report

Kelela - Take Me Apart Remixes

St Vincent, Kelela, No...

St Vincent, Kelela, Noname | Demography #302

ADVENTURE CLUB (1)

Generic Animal al Lumi...

Generic Animal al Lumiere e tanti altri: gli eventi in Toscana | ATP #148

ultimi post caricati

D14F35A6-F64D-471E-AE24-FA907AAC3FCF

Conferenza Stampa-Navi...

Conferenza Stampa-NavigArte, Comune di Pisa

IF2018 - “Fake: una storia vera” con Martina dell'Ombra

IF2018 – “Fake...

IF2018 – “Fake: una storia vera” con Martina dell’Ombra

Blade Runner

IF2018 – Blade R...

IF2018 – Blade Runner (The Final Cut) @ Cinema Arsenale

Ph: Irene Camposano

IF2018 – Affront...

IF2018 – Affronta il Pac-Man: una sfida all’ultimo puntino.

Commenti