Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Pendolare : 5 regole per la sopravvivenza

Chi non percorre tratte in treno ogni giorno, non si immagina minimamente del disagio a cui va incontro un pendolare. Ma se stai leggendo questo articolo, appartieni alla seconda categoria, ovvero quella dei disagiati.

Tu, pendolare, sai già che la tua mattinata sarà molto più travagliata di quei fortunelli dei tuoi compagni di corso che hanno casa a Pisa.
Tu, pendolare, dovrai alzarti all’alba e spararti minimo 20 minuti di treno su quei sedili così scomodi, che ogni volta ti chiedi se li usassero come strumenti di tortura nel Medioevo.
Tu, pendolare, dovrai combattere contro ritardi, guasti alle linee ferroviarie, controllori-strozzini pronti a estorcerti anche l’ultimo centesimo in caso di mancata obliterazione del biglietto.
Tu, pendolare, ogni volta che torni a casa, compi imprese che Ulisse scansati.
Tu, pendolare, sei un eroe.

E per onorare il servizio svolto e che svolgerai in questi anni, ecco 5 regole salvavita per il pendolare fedele a Trenitalia.

Pendolare: 5 regole per la sopravvivenza

Pendolare: 5 regole per la sopravvivenza

 

 

  1. EVITA GLI ATTACCA-BOTTONE
    Sei così sicuro di iniziare la mattinata con qualcuno che, incontrato per caso in stazione, ti racconterà ogni dettaglio della propria vita? Io credo di no. Ma i più grandi studiosi in materia, in questi anni, sono riusciti a trovare una soluzione per i molestatori di orecchie mattutini: non importa se ancora è buio e se sta pure piovendo, non importa se non hai alcuna playlist da ascoltare, le cuffiette e l’occhiale da sole scuro saranno i tuoi migliori amici. NO contatto visivo, NO contatto uditivo.
  2. CONQUISTA IL TUO POSTO
    Prima cosa: individuare il posto mentre il treno è ancora in movimento. Secondo: posizionati davanti la porta più vicina e dovrai essere tu a premere il pulsante di apertura, così da salire prima di tutti. Terzo ed ultimo passaggio: non farti impietosire da nessuno, bambino o anziano che sia, corri e conquista il tuo “Trono di Spade”, solo così potrai riposarti a sufficienza per affrontare una giornata di lezioni.
  3. LA VESCICA DEVE ESSERE VUOTA
    Ti ricordi quando la mamma da piccolo ti diceva sempre “non toccare niente” ? Ecco, sul treno non si tocca veramente niente e, soprattuto, non si tocca niente nel bagno. Ricordati sempre di farla prima di andare in stazione o altrimenti ti troverai in una di quelle situazioni, che difficilmente scorderai, nemmeno con l’ausilio del cancella-memoria di “Man in Black”.
  4. LE PRESE NON FUNZIONANO MAI
    Ti sei dimenticato di caricare il telefono, computer o tablet? Beh, abbandona pure ogni tua speranza di poter sfruttare l’elettricità del tuo mezzo di trasporto preferito, perché le prese di corrente funzionano una volta no e l’altra nemmeno! Perciò, porta con te sempre una powerbank portatile e conta solo su te stesso, perché l’energia che arriva ad ogni foro è solo un’illusione di una vecchia pubblicità dell’Enel.
  5. NON PRENDERE IL TRENO.

 

Sara Binelli per RadioEco

post di questa categoria

25289688_134224893937036_2284255176272996928_n

I CUG e il “soff...

I CUG e il “soffitto di cristallo” da infrangere – Pisa

Oroscopo dello studente

Oroscopo dello student...

Oroscopo dello studente: febbraio – San Valentino edition

EMA

Una settimana in un cl...

Una settimana in un clic! – EMA

LA SESSIONE d'ESAMI - 5 regole per la sopravvivenza

Sessione d’esami...

Sessione d’esami – 5 regole per la sopravvivenza

ultimi post caricati

5

Color Fest-Lumiere Pis...

Color Fest-Lumiere Pisa

26230715_1770062119693071_6898159375053161941_n

COLOR FEST in tour a P...

COLOR FEST in tour a Pisa [ intervista ]

Detroit-Become-Human-633x350

Top 10 dei Giochi più...

Top 10 dei Giochi più attesi del 2018 – NerdEco #10

eventi color fest

Eventi in toscana: rev...

Eventi in toscana: reverse, deposito e tanto altro! | atp #118

Commenti