Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Recensione: Short Skin, I dolori del giovane Edo  

Recensione: Short Skin, I dolori del giovane Edo.

Short Skin – il primo lungometraggio di Duccio Chiarini – è un film che partendo da un dettaglio ne fa una vicenda concreta che, pur toccando il banale, riesce ad intrattenere a intervalli di dramma interiore e situazioni grottesche, in cui il limbo fra la risata e la riflessione resta sottile e decisamente labile.

50796

La locandina del Film

Dopo il rocambolesco docu-film di Roan Johnson Fino a qui tutto bene, ecco un’altra storia che vede la città della torre sullo sfondo. Le vicende di Edoardo e il suo “problemino” sono ambientate infatti fra Marina di Pisa, Forte dei Marmi e Pisa stessa. Edoardo (Matteo Creatini) è un diciassettenne pisano che vive un momento particolare della sua vita: affrontare la prima volta con una ragazza. Ma c’è un problema: la fimosi al pene. Il suo prepuzio è, infatti, troppo stretto. La sua ‘short skin’ è quindi la causa primaria di una vita sessuale insoddisfacente, ma al contempo la fiamma che innesca un susseguirsi di problemi interiori ed emotivi. La famiglia – classica e bizzarra contemporaneamente – è all’oscuro del problema di Edoardo, costretto intanto a rifiutare varie avances da parte di più ragazze, rendendoci tutti partecipi della sua paura e del suo imbarazzo.

Il tema lascia decisamente spazio ad un umorismo che si macchia ora d’ironia, ora di malinconia, e potrebbe sembrare insensato e banale di primo acchito; quando si è mai visto un film sulla circoncisione? L’abile regista fiorentino è però riuscito a ricucirci (è proprio il caso di dire!) una storia in cui è la sensibilità la protagonista. Un’autenticità emotiva e una delicatezza visiva fanno della vicenda del giovane Edoardo un racconto quasi universale, in cui tutti si possono riconoscere nel momento in cui si fa fronte a un problema, si esce allo scoperto per poi superarlo.

Un’amicizia sincera e una famiglia traballante fanno da sfondo a una storia in cui un ragazzo ripone così tanta importanza sull’amore, screditando il sesso; un esempio, dunque, più unico che raro in un mondo in cui il denigrare e la superficialità imperversano. I tocchi opachi nelle inquadrature ci trasportano in una storia perfettamente radicata nella realtà, grazie anche alla scelta del vernacolo tosco-pisano che rende il tutto più vicino alla quotidianità. Una delicatezza che viene trasmessa anche da una colonna sonora che accompagna la metamorfosi del protagonista – prima e dopo l’operazione – fino alla conquista di ciò che ha sempre voluto: l’amore di Bianca.

Se la sceneggiatura, ancorata al vernacolo e a tratti carente, riesce a strappare qualche risata in più scene del film, la fotografia si conferma altrettanto ben studiata: trascina lo spettatore dall’equilibrio allo sfocato, lasciandolo spesso incuriosito e attaccato alle scene. La nudità è onnipresente e mai volgare, ma tremendamente vere e per niente artefatta. La recitazione è spontanea e decisamente piacevole. Alla fine della fiera – e circoncisione effettuata – mi sento di consigliere questo film, che di certo non eccelle, ma è un primo esperimento di regia ben riuscito, un elogio alla sensibilità e un esempio di come non servano grandi storie per far cinema, ma basti un dettaglio da cui partire, come un lembo di pelle troppo corta.

Alessio Foderi per RadioEco 

 

post di questa categoria

black sun empire

Black Sun Empire ̵...

Black Sun Empire – GLI OLANDESI (NON) VOLANTI

backstage campos

Campos – Backsta...

Campos – Backstage from the Basement [ intervista ]

yombe

YOMBE, Nick Murphy �...

YOMBE, Nick Murphy & more | Demography #229 [playlist]

La battaglia dei sessi

Recensione: La battagl...

Recensione: La battaglia dei sessi

ultimi post caricati

IF2017: le interviste (foto: Lorenzo Antei)

IF2017: Le interviste ...

IF2017: Le interviste by RadioEco

Emergency

IF2017: EMERGENCY -INT...

IF2017: EMERGENCY -INTERVISTA AL PRESIDENTE ROSSELLA MICCIO

IF2017: Passione e dolore - “Patti Smith: dream of life”

IF2017: Passione e dol...

IF2017: Passione e dolore – “Patti Smith: dream of life”

IF2017: Arrivederci al prossimo anno - Recap giorno 4

IF2017: Arrivederci al...

IF2017: Arrivederci al prossimo anno – Recap giorno 4

Commenti