Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Riabilitazione Robotica e disabilità

13 Settembre 2017 – oggi dalle 14.30 alle 17.00 si è tenuta agli Arsenali Repubblicani (PI) la conferenza “Riabilitazione Robotica e disabilità”. Referente Federico Posteraro, Direttore, UOC di medicina riabilitativa, Ospedale Versilia (LU).

disabilità

Riabilitazione robotica e disabilità @ Festival della Robotica Pisa

La medicina può oggi considerarsi l’ambito in cui la tecnologia sta effettivamente raggiungendo il suo massimo sviluppo in particolare riguardo alla ricerca di avanguardia per il recupero di attività umane di persone soggette a disabilità.  Disabilità intesa come condizione di chi, in seguito ad una o più menomazioni, ha una ridotta capacità di interazione con l’ambiente e pertanto è meno autonomo nello svolgere le mansioni quotidiane.

Durante il congresso Stefano Mazzoleni, ricercatore presso l’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e coordinatore del laboratorio di Bioingegneria della Riabilitazione ha mostrato le principali innovazioni tecnologiche che saranno impiegate in campo di disabilità.

“Noi ingegneri collaboriamo quotidianamente con i medici e con gli staff clinici per progettare insieme la prossima generazione di Robot con l’obiettivo finale di migliorare la qualità di vita delle persone che hanno problemi.”

Tra le novità troviamo il sistema robotico Motore per disabilità relative agli arti superiori, i sistemi robotici esoscheletrici per la riabilitazione di persone colpite da danni neurologici permanenti (ictus, eschemie, lesioni midollari). Questa innovazione si compone di gambe artificiali montate su un cuscinetto contenente il “cervello” dell’intero sistema che, una volta intutiti i movimenti della persona, sarebbe in grado di fornire la giusta potenza in conseguenza del movimento. Vediamo in seguito la carrozzina robotica, più precisamente Robotic Innovation for Standing and Enabling, per la mobilitazione di persone con gravi disabilità motorie.

Presenti alla conferenza anche gli interventi di Nicola Vitiello, professore associato all’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna su “L’esperienza dell’Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna”; Antonio Frisoli, professore associato del Laboratorio PercRo, Scuola Superiore Sant’Anna, su “L’esperienza del Laboratorio Percro della Scuola Superiore Sant’Anna”; Gianluca Parrini, Scienzia Machinale srl, Navacchio su “L’esperienza di Scienzia Machinale” e Marco Gesi, professore associato di Anatomia Umana all’Università di Pisa su “Il Centro di Medicina Riabilitativa ‘Sport and Anatomy’ dell’Università di Pisa”.

I sistemi robotici non rappresentano  soltanto una svolta dal punto di vista medico e scientifico ma anche umano consentendo al corpo  di riappropriarsi, almeno in parte, di facoltà perdute attraversando le barriere imposte dalla disabilità e ponendosi dunque come seconda possibilità di vita.

Rebecca Del Carlo per RadioEco

 

 

post di questa categoria

Ph. Irene Camposano

Bright 2018: a spasso ...

Bright 2018: a spasso per l’Orto Botanico di Pisa!

BRIGHT 2018

BRIGHT 2018 – La...

BRIGHT 2018 – La Notte delle Ricercatrici e dei Ricercatori

cetilar pisa half marathon

Cetilar Pisa Half Mara...

Cetilar Pisa Half Marathon 2018: la mezza maratona al via il 14/10

Career Week

Career Week dell’...

Career Week dell’Università di Pisa

ultimi post caricati

Capibara

Capibara, /handlogic, ...

Capibara, /handlogic, Gold Mass & more | Demography #301

Mirai: la recensione d...

Mirai: la recensione dell’anime firmato Mamoru Hosoda

Lievedelfool

“Yorick. Un Amle...

“Yorick. Un Amleto dal sottosuolo” – Leviedelfool @ TeatroEra

IF2018 - “Fake: una storia vera” con Martina dell'Ombra

IF2018 – “Fake...

IF2018 – “Fake: una storia vera” con Martina dell’Ombra

Commenti