Oppure copia e incolla questo link dove vuoi!

Riforma Gelmini alla tavola rotonda del convegno di Automatica al polo Carmignani

Si è discusso anche della Riforma Gelmini il 9 Settembre, durante il convegno annuale Docenti e Ricercatori Italiani in Automatica. I temi principali sono stati la i nuovi Statuti degli atenei e le prove di valutazione delle università, due argomenti che accomunano gli atenei di Pisa e di Firenze.

Riguardo ai nuovi Governi la riflessione si è concentrata su quali effetti ci saranno sulla ricerca e didattica delle Materie Interdisciplinari.  La situazione dei rapporti tra gli attori dell’università appare in continuo cambiamento e spesso non è facile districarsi tra le tante direttive che ogni giorno arrivano dal Ministero. Ciò che è certo è il passaggio dall’ attività di ricerca dalla Facoltà ai Dipartimenti, in questo modo i dipartimenti diventano il punto nevralgico  delle carriere accademiche.  Il rettore dell’Università di Firenze, Alberto Tesi, ha sottolineato come sia importante cercare di mantenere uniformità del personale all’interno delle strutture. I progetti di ricerca partiranno quindi dai Dipartimenti sui quali veranno dirottati i fondi necessari.

Già, i fondi. Non è esattamente questa la parola dell’anno. Secondo Tesi “”Per la prima volta nella storia il Fondo di Finanziamento Ordinario pari a 6 miliardi e 600 milioni di euro per il prossimo anno sarà inferiore al monte stipendi che lo stato deve pagare per i dipendenti universitari che ammonta a 6 miliardi e 800 milioni di euro”.

L’addio (o l’arrivederci?) alle Facoltà comporterà anche cambiamenti della didattica, la Prorettrice alla didattica Nicoletta De Francesco ha sottoilineato che “con la nuova riforma tutti i corsi diventano interdipartimentali”, così a Pisa si è deciso che sarà il Senato Accademico a sovraintendere la programmazione annuale dei corsi di laurea.

Un altro sintagma chiave della riforma, a lungo ripetuto e invocato dal Ministro Gelmini è stato “atenei virtuosi”, che dovranno essere i principali beneficiari dei finanziamenti pubblici. Ma come si fa a determinare chi è meritevole e chi no?

Il decreto per attuare la valutazione delle università è al momento al vaglio della Corte dei conti, che dovrebbe pronunciarsi in un mese. Ad occuparsi del progetto è l’ ANVUR ( Agenzia nazionale di valutazione universitaria), la cui commissione valutativa sarà composta da 450 esperti. Al via libera della Corte dei Conti le università avranno qualche mese per inviare 3 progetti di ricerca per ogni docente. Ci saranno circa 200 mila progetti da esaminare e in base al giudizio che riceveranno si deciderà la distribuzione di fondi del 2013.

Nell’ambizioso piano di valutazione degli atenei sono anche previsti “accreditamenti ” per i corsi di laurea, anche se i criteri di valutazione in questo caso sono ancora di fare di elaborazione.

Grandi cambiamenti all’orizzonte, sarà forse un altro autunno caldo?

 

 

post di questa categoria

23858147546_6ed4e283de_b

Caso Mattarella: cosa ...

Caso Mattarella: cosa succede? Facciamo chiarezza

Danteprima - Dal 23 al 26 Maggio

Danteprima: il festiva...

Danteprima: il festival sulle opere di Dante Alighieri

consultazioni

Una settimana in un cl...

Una settimana in un clic! – Nuovo giro di consultazioni

Cambridge Analytica

Cambridge Analytica &#...

Cambridge Analytica – Una settimana in un clic!

ultimi post caricati

could be a fest

eventi in Toscana: Cou...

eventi in Toscana: Could Be a Fest e tanti altri | ATP #137

Riccardo Noè

Riccardo Noè Exclusiv...

Riccardo Noè Exclusive Mix | Demography #289

Immigration Unit

Immigration Unit Exclu...

Immigration Unit Exclusive Mix | Demography #287

Soreab

Soreab Exclusive Mix |...

Soreab Exclusive Mix | Demography #285

Commenti